Un pericolo pubblico numero uno è on line

Condanna esemplare negli Usa per violazione del diritto d'autore in nome della sicurezza nazionale
7 settembre 2007
BenOld
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Trenta mesi di carcere e tre anni di libertà vigilata per aver scaricato e inviato a siti Internet software duplicato illegalmente. È questa la sentenza emessa da un tribunale del Connecticut nei confronti di Eli El, un internauta residente nell'Illinois accusato di aver «diffuso illegalmente oltre 20 mila opere sotto diritto d'autore».
Eli El è stato condannato in base a una norma del Digital Millennium Copyright Act che prevede l'equivalente italiano dell'associazione a delinquere nel caso che la violazione del copyright sia continuativa nel tempo. Il primo commento positivo alla sentenza è venuto dal Dipartimento della Giustizia statunitense, che in un comunicato ha ricordato come il nome di Eli El fosse stato inserito tra la lista di ricercati per violazione delle norme sulla proprietà intellettuale stilata al temine di un'operazione chiamata Safehaven.
Eli El è stato tenuto sotto sorveglianza dalle unità contro il cybercrime per mesi dopo che i cyberpoliziotti hanno «scoperto» che il suo indirizzo elettronico ricorreva più volte nei siti dove è possibile caricare o scaricare programmi informatici, file musicali o video senza nessun filtro. In termine tecnico questi siti sono chiamati warez per la loro «essenzialità»: pagine web con un lungo elenco di materiale da poter scaricare e che consentano di poter compiere solo due operazione (il download e l'upload, cioè caricare e scaricare dati).
Nella sentenza non è specificato se Eli El abbia venduto il software duplicato illegalmente. D'altronde, il Digital Millennium Copyright Act non prevede una differenza tra duplicazione illecita per uso personale o a fini commerciali. Lo spirito della legge, si legge nel comunicato del Dipartimento della Giustizia, è la difesa a oltranza del copyright, che, va ricordato, è un diritto proprietario delle imprese.
Ma quello che emerge dalla sentenza non è tanto l'applicazione di una legge da più parti criticata perche risponde alle richieste delle multinazionali discografiche, cinematografiche e del software in materia di difesa della proprietà intellettuale, quanto per i retroscena resi pubblici sulle varie operazioni condotte dal governo statunitense contro la violazione del copyright che confermano molte delle denunce sulle ripetute violazioni dei diritti civili compiuti in nome della sicurezza nazionale.
Safehaven, infatti, fu lanciata nell'Aprile del 2003. Per quindici mesi Internet è stata setacciata in lungo e largo dagli «esperti» del Cybercrime Center, una sezione dell'Immigration and Customs Enforcement. E visto che erano tutte operazioni in nome della sicurezza nazionale si sono avvalse della recenti norme contro il terrorismo più volte giudicate «liberticide» dalle associazioni per i diritti civili statunitensi. In altri termini, la rete è stata messa sotto controllo ignorando qualsiasi rispetto della privacy e in barba ai diritti civili. Al termine del periodo, Il Cybercrime Center ha stilato una lista di venti ricercati su tutto il territorio nazionale (i famigerati «nemico pubblico numero uno») e un altro elenco di migliaia di internauti che hanno violato la legge sul diritto d'autore saltuariamente.
Oltre a Safehaven, il dipartimento della giustizia ha condotto altre operazioni di monitoraggio della rete. Operazioni dai nomi fantasiosi (Site Down, Buccaneer, Fastlink, Digital Gridlock, Higher Education) che hanno portato molte persone davanti al giudice. Spesso, però, erano uomini o donne che scaricavano materiale per «uso personale» o per condividerlo con amici o amiche. Ma secondo la logica securitaria del Dipartimento della Giustizia anche la convivialità e il divertimento possono diventare terribili attacchi alla sicurezza nazionale.

Articoli correlati

  • Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?
    Editoriale
    L'arresto richiesto dal presidente della Corte Penale Internazionale del premier Netanyahu

    Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?

    La reazione indignata del primo ministro israeliano Netanyahu, che ha respinto con veemenza il paragone tra lo "Stato democratico di Israele" e Hamas, tocca la diffusa convinzione che una nazione considerata "democratica" sia immune dall'accusa di crimini contro l'umanità. Il caso di David McBride
    22 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • La nostra solidarietà ai giovani americani
    Editoriale
    Protestano pacificamente contro il sostegno militare Usa all'esercito israeliano

    La nostra solidarietà ai giovani americani

    Chiedono un cambiamento significativo nella politica di Biden verso Israele ma ottengono pallottole e arresti. Catherine Elias - leader della protesta - dice: "Siamo nel Paese che non solo finanzia, ma produce e crea anche la maggior parte delle bombe che vengono lanciate su Gaza".
    26 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
  • "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"
    Economia
    Intervista a Jeffrey Sachs sulla guerra in Ucraina, la Nato, l'Europa, gli USA e la Cina

    "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"

    "Gli Stati Uniti hanno chiamato il primo ministro Meloni e hanno detto di uscire dalla Via della Seta. Pensate che abbia avuto da sola quell’idea? L'idea statunitense è che nessuno debba rivaleggiare con la potenza degli USA. Dovremmo invece puntare a costruire un mondo multipolare e cooperativo".
    6 febbraio 2024 - Jeffrey Sachs
  • Schede
    Il 26 maggio 2004 il New York Times riconobbe i propri errori pubblicando un articolo

    Le presunte armi di distruzione di massa di Saddam in Iraq

    Giornali come il New York Times, fino al 2003 ostili alla guerra, finirono per accettare come veritiere le affermazioni di Powell e per considerare ineluttabile l'intervento armato. A guerra terminata non fu trovata alcuna traccia di quelle fantomatiche armi.
    16 novembre 2023
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)