CyberCultura

A proposito delle ultime esternazioni sui social network

Internet e la Fabbrica degli Imbecilli

Umberto Eco: "Internet? Ha dato diritto di parola agli imbecilli: prima parlavano solo al bar e subito venivano messi a tacere".
14 giugno 2015

Umberto Eco

Sono in completo disaccordo con Umberto Eco. La nostra Costituzione dà diritto di parola a tutti, compreso agli imbecilli. E poi chi sono gli imbecilli? Chi lo decide che sono degli imbecilli? Ricordo che, quando ci opponevamo alle centrali nucleari negli anni Ottanta, alcuni tromboni universitari - che credevano di sapere tutto della fisica - ci consideravano degli emeriti imbecilli.

È il libero dibattito delle idee che fa emergere la qualità delle informazioni. Le persone che ragionano e quelle che sragionano. Io ho dedicato una parte del mio programma didattico a spiegare ai miei studenti come si verificano le informazioni, come si individuano le fonti, come si comparano notizie difformi, come si scoprono le bufale. Questo vale per la storia ma anche per l'informazione di attualità.

Le legioni di imbecilli di cui parla Eco non sono il problema di Internet, il problema sta in chi crede nelle bufale o nelle assurdità, nei pregiudizi. Sta della bassa qualità della Televisione, "cattiva maestra" secondo Popper, che in molti casi riesce a proiettare la propria degradante influenza cognitiva ovunque, anche sulla Rete. Si salvano pochi spazi televisivi di libertà. Milioni di "imbecilli" comprano scarpe o auto in base a suggestioni video. La fabbrica degli "imbecilli" è lì. Ed è potentissima. Ed è così efficace che la stessa politica ne ha studiato i segreti per far eleggere la gente che ci governa.

Gli imbecilli - mi si passi questa semplificazione che riprendo di malavoglia da Umberto Eco - non sono mai stati un problema sociale. Sono innocui e funzionali al potere. Sono ben manovrabili, non pensano con la propria testa. Il problema non sono loro, non è Internet che dà loro un diritto di parola che comunque spetta loro. Il problema è la Fabbrica degli Imbecilli.

Ditemi voi cosa sarebbe Renzi senza la Fabbrica degli Imbecilli?

Note: L'intervento di Umberto Eco: http://www.huffingtonpost.it/2015/06/11/umberto-eco-internet-parola-agli-imbecilli_n_7559082.html?ncid=fcbklnkithpmg00000001

Articoli correlati

  • Piccola borghesia ...
    PeaceLink Abruzzo

    Piccola borghesia ...

    “Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia … Ami ordine e disciplina, adori la tua Polizia tranne quando deve indagare su di un bilancio fallimentare. Sai rubare con discrezione meschinità e moderazione alterando bilanci e conti fatture e bolle di commissione. Sai mentire con cortesia con cinismo e vigliaccheria hai fatto dell’ipocrisia la tua formula di poesia … Sempre pronta a pestar le mani a chi arranca dentro a una fossa sempre pronta a leccar le ossa al più ricco ed ai suoi cani …” (Claudio Lolli)
    19 settembre 2018 - Alessio Di Florio
  • CyberCultura
    L'evoluzione impetuosa delle «comunità virtuali», sempre più specialistiche

    Un Terzo Luogo, anzi molti

    Le chiamavano comunità virtuali, oggi sono social networks. A metà tra casa e scuola, raccogliendo milioni di abitanti, soprattutto giovani
    5 ottobre 2006 - Sarah Tobias
  • Cultura

    "A passo di gambero - guerre calde e populismo mediatico -" di Umberto Eco - Bompiani -

    Perche' Dio permette Berlusconi? - si domanda Umberto Eco -
    4 aprile 2006 - Elisabetta Caravati
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)