CyberCultura

L'esperienza di PeaceLink nel mediattivismo pacifista

Le mailing list parte integrante nelle mobilitazioni per la pace

Dalla simulazione di un'agenzia stampa alla chiamata a raccolta delle persone per scendere in piazza. Occorre finalizzare le mailing list e considerarle parte di un progetto di cambiamento e di mobilitazione, integrandole con eventi e con un calendario che organizzi gli eventi.
7 febbraio 2022

Le mailing list di PeaceLink

Come costruire un'agenzia stampa per la pace e il disarmo

Quale funzione possono svolgere le mailing list per il movimento pacifista? Prima di tutto cerchiamo di capire cosa sono e come funzionano.

Cosa è una mailing list

Una mailing list è un sistema di invio di un messaggio email che viene distribuito ad un insieme di destinatari presenti in una "lista". PeaceLink ha due mailing list: una sulla pace (564 iscritti) e una sul disarmo (136 iscritti).

Come funziona una mailing list

Un messaggio email inviato a pace@peacelink.it arriva contemporaneamente a 564 persone. Ad una mailing list ci si può agganciare o sganciare. Questo sistema di condivisione delle informazioni è stato alla base della nascita di PeaceLink. Consentiva di risparmiare i francobolli. 

I limiti delle mailing list

Trent'anni fa le mailing list erano affascinanti. Erano l’utopia concreta di comunità di persone che autogestivano una veloce comunicazione molti-a-molti. Un’utopia di tipo democratico e "orizzontale". Un’utopia fracassata da gruppi di disturbatori (o di imbecilli) che potevano generare il caos. PeaceLink ha subito "fughe di massa" per mailing list funestate da polemiche. Occorrerebbero moderatori sempre presenti per bloccare screzi e fraintendimenti. Un investimento impegnativo e logorante. E così una dopo l'altra le mailing list di PeaceLink sono passate dalla modalità molti-a-molti alla modalità uno-a-molti. Con buona pace dei sogni di una comunicazione democratica e orizzontale. Il settaggio delle mailing list consente di scegliere anche opzioni intermedie (approvazione del messaggi in attesa) che però richiedono moderatori tempestivi e capaci di gestire situazioni problematiche. Occorrerebbero corsi di giornalismo partecipativo e di risoluzione dei conflitti comunicativi. Ma anche qui i sogni e le utopie spesso non si sono concretizzati.

Le opportunità delle mailing list

E’ ragionevole chiedersi se le mailing list siano ancora utili e attuali, alla luce dell'evoluzione delle piattaforme (Facebook e Twitter, ad esempio). “Basta maling list”, ci siamo detti e dentro PeaceLink siamo arrivati ad un passo dalla loro eliminazione. Ma è successo qualcosa che ha cambiato completamente quel perentorio giudizio. Abbiamo cominciato ad approfondire il modo in cui Google "vede" PeaceLink. La scoperta è stata che Google dà molta importanza alle mailing list di PeaceLink. Le segnala come "notizie". In certi casi le considera più importanti delle pagine web illustrate. Perché questo? Per tre motivi.

  • Primo perché i messaggi che vengono inviati nelle caselle di posta elettronica sono trasformati in pagine web nel giro di pochi secondi (ogni messaggio viene generato un indirizzo web, ossia un link).
  • Secondo perché le mailing list di PeaceLink rilanciano pagine altre web sintetizzandole e mettendo in fondo il link alla notizia completa, e quindi i messaggi svolgono una funzione di semplificazione dell'informazione, come se si facessero abstract di cose più ampie e complesse.
  • Terzo perché la titolazione viene costruita secondo criteri di notiziabilità, favorendo la cattura dei motori di ricerca.

 

Simulare le agenzie stampa

Con le mailing list possiamo simulare lanci di agenzia stampa. Ad esempio se viene distribuito un messaggio titolato "rassegna stampa sulla pace" Google lo ignora. Troverà ghiotto invece un titolo come: "Esplode il dibattito sulle armi atomiche in Italia". Ma vi è un quarto motivo che sta alla base dei tre precedenti: bisogna dimostrare a Google di essere una fonte informativa costante, aggiornata e corretta. Come un’agenzia stampa. PeaceLink oggi è considerata così da Google News (l'edicola di questo motore di ricerca). Ma la procedura di accreditamento non è stata semplice.

Le mailing list integrate nelle mobilitazioni per la pace

Le mailing list possono diventare uno strumento importante ed efficace per il movimento pacifista, ma bisogna avere una precisa visione della loro funzione nella comunicazione globale in cui c'è anche l'interazione globale con videoconferenze e l'interattività diretta su piattaforme social. E soprattutto occorre finalizzare le mailing list in un progetto di cambiamento e di mobilitazione - in una prospettiva di cittadinanza digitale - integrandole con social network, eventi, con appelli da firmare e con un calendario che organizzi gli eventi. E' quello che si sta facendo in questi giorni nella mobilitazione per l'emergenza Ucraina.

 

Note: Articolo di Alessandro Marescotti scritto per la rubrica "Chiave d'accesso" di Mosaico di Pace https://www.mosaicodipace.it

Articoli correlati

  • Attivisti della comunità Rohingya hanno deciso di denunciare Facebook
    CyberCultura
    Algoritmi "inclini a favorire contenuti divisivi per monetizzare i profitti"

    Attivisti della comunità Rohingya hanno deciso di denunciare Facebook

    La causa intentata in un tribunale di San Francisco, in California, dove ha sede Facebook, sostiene che gli algoritmi utilizzati dal gigante della tecnologia abbiano favorito la disinformazione e le ideologie estremiste che hanno portato ad atti violenti nel mondo reale contro la comunità Rohingya.
    8 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • La CIA ci spia (e non vuole più andare via)
    CyberCultura
    I servizi segreti americani possono ascoltare le persone tramite i microfoni delle smart TV

    La CIA ci spia (e non vuole più andare via)

    Joshua Adam Schulte è in carcere per aver passato a Wikileaks oltre 8 mila pagine di documenti top-secret che rivelano come la CIA possieda la capacità di violare la segretezza della corrispondenza non solo su WhatsApp e Telegram ma anche su Signal. Il caso Vault 7 è gravissimo.
    5 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Media e giornalismo: la sfida della trasformazione digitale
    PeaceLink
    Webinar di PeaceLink e del Centro Cooperazione Internazionale

    Media e giornalismo: la sfida della trasformazione digitale

    Webinar di lancio della pubblicazione "The impact of Digitalisation on Media and Journalism". L'incontro si è svolto il 16 giugno e si è rivolto in particolare a giornalisti, educatori, studenti e cittadini attivi
    23 giugno 2021 - Laura Tussi
  • La prospettiva di risorse educative su Internet aperte e gratuite per tutti
    Ecodidattica
    Dichiarazione di Città del Capo sulla Istruzione Aperta

    La prospettiva di risorse educative su Internet aperte e gratuite per tutti

    Incoraggiamo la tecnologia didattica aperta. Invitiamo insegnanti, autori, editori e istituzioni a rilasciare con licenza libera le loro risorse, in forme che ne facilitino l'uso, la modifica, la traduzione, il miglioramento e la condivisione da parte di chiunque
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)