Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Diossine, pesce di laguna più pericoloso del Petrolchimico

    Diossine, pesce di laguna più pericoloso del Petrolchimico

    La Diossina è un prodotto della combustione. È quasi certo sia cancerogena. Assunta con gli alimenti, rimane nella parte grassa del corpo. I risultati di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori di Marghera sul sangue dei veneziani. I consumatori di prodotti ittici risultano contaminati in modo maggiore rispetto ai lavoratori della chimica. Il Dott. Raccanelli ha già scritto alla Regione Veneto per sollecitare un'indagine più ampia sui livelli ematici dei veneziani.
    18 marzo 2008 - Roberta Brunetti
  • Inceneritori nella provincia di Venezia: "Massiccio inquinamento da sostanze diossino-simili e significativo eccesso di rischio di sarcoma"
    Tutto quello che non si dice degli inceneritori

    Inceneritori nella provincia di Venezia: "Massiccio inquinamento da sostanze diossino-simili e significativo eccesso di rischio di sarcoma"

    Alleghiamo uno studio epidemilogico in PDF e riportiamo qui di seguito le conclusioni della ricerca.
    26 gennaio 2008 - Alessandro Marescotti
  • Morto di tumore, Sirma condannata
    Risarciti i familiari di un operaio deceduto per un mesotelioma contratto in fabbrica

    Morto di tumore, Sirma condannata

    Da una parte la soddisfazione per una sentenza per certi versi sorprendente: Sirma spa viene riconosciuta responsabile della morte di un suo dipendente. Dall’altra, la perplessità per un risarcimento di entità modesta, che attesta una «invalidità temporanea» per chi, in realtà, è deceduto dopo una breve e terribile malattia.
    23 gennaio 2008 - Gianluca Codognato
  • Delta avvelenato dal piombo
    Arpav: dati preoccupanti Partono nuove verifiche

    Delta avvelenato dal piombo

    «Le analisi sui campioni d'acqua prelevati nelle zone di caccia del delta del Po hanno evidenziato valori altissimi. Siamo preoccupati e la settimana prossima rifaremo cn i ns tecnici altri campionamenti nelle stesse zone»
    17 gennaio 2008

Il rischio nucleare nel porto di Venezia

Il testo dell'interpellanza comunale e della lettera inviata al prefetto e al sindaco da parte dei consiglieri comunali Caccia, Bergantin e Bettin
8 settembre 2000

INTERPELLANZA URGENTE A RISPOSTA IN CONSIGLIO

VENEZIA NON PUO' ESSERE UN APPRODO NUCLEARE

I sottoscritti consiglieri comunali,

premesso che:

  • nei giorni scorsi il Consiglio comunale della Città di Taranto si è riunito in seduta straordinaria per esaminare il Piano di emergenza per Taranto, riguardante incidenti ad unità militari a propulsione nucleare;
  • detto Piano, realizzato nel 1982, e attualmente in vigore, è stato declassificato dal suo carattere di riservatezza solo il 5 settembre scorso, e in minima parte, dalla Prefettura del capoluogo pugliese, ai sensi dell'art. 129 del Decreto Legislativo 17 marzo 1995 n. 230;
  • secondo fonti giornalistiche, i porti italiani considerati a rischio nucleare sono attualmente dodici, tra cui quello di Venezia;
considerato che:
  • tutto ciò mette Venezia e il suo Porto nelle condizioni di essere in qualsiasi momento sito idoneo ad accogliere imbarcazioni o sottomarini militari a propulsione nucleare ovvero mezzi navali dotati di armamenti atomici;
  • nonostante le assicurazioni fornite in Parlamento dal ministro della difesa Sergio Mattarella e dal sottosegretario Gianni Rivera, circa l'assenza di rischio, l'elenco di avarie ed incidenti occorsi a mezzi navali a propulsione atomica è lungo ed inquietante, come ha documentato un'inchiesta realizzata dall'Università di Bologna;
chiedono al Sindaco, in qualità di massima autorità preposta a tutela della salute dei cittadini:
  • se è stato informato dalle competenti Autorità circa l'utilizzo del Porto di Venezia come approdo per naviglio a propulsione nucleare;
  • se è a conoscenza del Piano di emergenza, il cui scopo è quello di salvaguardare, mediante idonee misure di sicurezza, l'incolumità della popolazione;
  • se la struttura di Protezione civile del Comune sia stata opportunamente attrezzata e coinvolta per eventuali interventi di emergenza
Per i Consiglieri comunali dei Verdi e La Città Nuova
Sandro Bergantin, Gianfranco Bettin e Beppe Caccia
Venezia, 08 Settembre 2000

All'Ill.mo Signor Prefetto
della Provincia di VENEZIA
(anticipato via telefax)
e, per conoscenza:
al Sindaco di Venezia
e alla Presidente del Consiglio Comunale di Venezia
Loro Sedi

Illustrissimo Signor Prefetto,
ieri sera il Consiglio comunale della Città di Taranto si è riunito in seduta straordinaria ed urgente per esaminare il "Piano di emergenza per Taranto per incidenti ad unità militari a propulsione nucleare". Tale documento, realizzato nel 1982 e attualmente in vigore, è composto di circa duecento pagine ed è stato tenuto riservato fino al giorno 5 settembre u.s., quando, in seguito ad una formale richiesta dell'Associazione Peacelink, la Prefettura del capoluogo pugliese ne ha pubblicato una parte declassificata.

Secondo notizie di fonte giornalistica, attualmente sono dodici i porti italiani considerati "a rischio nucleare": tra di essi il porto di Venezia. Come rappresentanti dei cittadini, apprendiamo questa informazione per via assolutamente informale ed essa è, per noi, fonte di grande preoccupazione.

Questa classificazione significa infatti che il porto di Venezia è pronto, in un qualsiasi momento, ad accogliere imbarcazioni o sottomarini militari a propulsione nucleare ovvero mezzi navali dotati di armamento atomici. Poco importa, a questo punto, sapere se l'ormeggio di questi veri e propri "ordigni innescati" si trovi all'interno della base navale dell'Arsenale oppure presso qualche molo riservato del Porto commerciale, in Marittima o nella zona industriale di Porto Marghera: ciascuno di questi siti è inserito nel pieno di un tessuto urbano ad alta densità di popolazione, in alcuni casi nei pressi di impianti industriali di per sé pericolosi e su rotte attraversate da importanti carichi petroliferi.

L'elenco di avarie ed incidenti occorsi a mezzi navali a propulsione atomica è lungo e inquietante: senza scomodare la tragica vicenda del sottomarino russo Kursk, un'inchiesta realizzata dall'Università di Bologna ha contato ben 1276 incidenti, di cui le Autorità militari abbiano dato pubblica notizia negli ultimi trent'anni e almeno cinquanta ordigni nucleari abbandonati sul fondo dei mari. L'altro ieri, il giorno 5 settembre, il Ministero della Difesa francese ha comunicato che il sottomarino nucleare "Saphir" rimarrà fermo per almeno sei mesi nel porto di Tolone, a causa di un'avaria al reattore.

Signor Prefetto, la cosiddetta "guerra fredda" è terminata da oltre un decennio, ma il porto di Venezia ha - nostro malgrado - ospitato negli ultimi anni unità militari dell'Alleanza Atlantica, impegnate a vario titolo nei conflitti in corso nell'area Balcanica. Sorge a questo punto legittimo il dubbio che, in quelle e in future occasioni, la popolazione veneziana sia stata e sarà esposta ai rischi gravissimi connessi al transito e alla sosta di mezzi navali dotati di ordigni e motori a propulsione nucleare. Le chiediamo pertanto di farsi interprete presso il Governo italiano, che Lei autorevolmente rappresenta nella nostra Città, della nostra preoccupazione e della richiesta che, per le sue caratteristiche, il porto di Venezia sia escluso dagli approdi disponibili a questo genere di operazioni.

Nel frattempo Le rivolgiamo la formale richiesta di rendere pubblica, anche ai sensi dell'art.129 del Decreto Legislativo 17 marzo 1995 n. 230, l'esistenza e il testo del "Piano di emergenza per incidenti ad unità militari a propulsione nucleare" previsto per il nostro territorio, chiedendo di conoscere quali siano i punti d'ormeggio previsti e quali le conseguenze ivi descritte del MIC (massimo incidente credibile).

Con l'augurio che la nostra Città e il mondo intero possano al più presto liberarsi di simili ordigni, Le porgiamo i nostri distinti saluti

I Consiglieri comunali dei Gruppi VERDI - La città nuova
Giuseppe Caccia, Sandro Bergantin, Gianfranco Bettin

Venezia, 7 settembre 2000

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)