Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • A cinquanta anni dalla morte di don Lorenzo Milani
    Il 26 giugno 1967 moriva il priore di Barbiana

    A cinquanta anni dalla morte di don Lorenzo Milani

    Ricordo una infuocata discussione nella mia sezione del PCI: occorreva disobbedire ad un ordine militare contrario alla propria coscienza? Mi vennero alla mente le parole di don Milani, la sua lettera ai giudici.
    23 giugno 2017 - Alessandro Marescotti
  • Make Naj Not War

    Make Naj Not War

    La riforma delle Forze armate in senso professionale è stata la chiave di volta tecnica di questa inedita belligeranza italiana/europea
    14 gennaio 2017 - Rossana De Simone
  • Dichiarazione di obiezione alle guerre
    Diventate "visibili", richiedete l'albo degli obiettori, aderite alla campagna

    Dichiarazione di obiezione alle guerre

    E' vero che per la Legge 14 novembre 2000, n. 331 il servizio di leva è stato sospeso; ma esso non è stato soppresso, perché la Costituzione (art. 52) non ammette la soppressione. Quindi, restando questo obbligo potenzialmente sempre incombente sulla vita nazionale, non possono essere soppressi i corrispondenti elenchi delle persone soggette al servizio di leva né quello degli obiettori degli anni passati.
  • Prigionieri per la pace, dall'Armenia agli Stati Uniti
    Anche tu puoi fare qualcosa

    Prigionieri per la pace, dall'Armenia agli Stati Uniti

    Hanno rifiutato la guerra e ora sono in carcere
    5 febbraio 2012 - War Resisters' International
Una campagna del GAVCI

L'obiezione di coscienza prosegue ...

La leva non è stata abolita. E quindi è ancora indispensabile proseguire l'obiezione di coscienza
26 maggio 2006 - Alessio Di Florio

Per decenni è stata croce e delizia, angoscia e momento di crescita per generazioni di italiani. Alla fine, all'alba del nuovo millennio, è stata mandata in soffitta.
E così la leva, il servizio militare obbligatorio non esiste più. Oggi i giovani non si trovano più di fronte alla scelta tra obiezione di coscienza tramite il servizio civile o un anno(o poco meno) di naja. La legge 331/2000 (con le modifiche successive che hanno anticipato l'addio) ha stabilito che i nati nel 1985 saranno gli ultimi a partire per la coscrizione in grigio-verde. Il GAVCI(Gruppo Autonomo di Volontariato Civile in Italia, http://www.gavci.it ) ha recentemente fatto notare che però la leva non è stata abolita, ma solo sospesa. Infatti la legge 331 prevede ancora il servizio militare obbligatorio in caso di stato di guerra o di grave crisi internazionale nella quale l'Italia sia coinvolta. Infatti i comuni devono continuare a tenere aggiornate le liste di leva.
In realtà anche se la leva fosse stata abolita sarebbe cambiato ben poco. Basterebbe una nuova semplice legge ordinaria per tornare indietro. In ragione della situazione attuale il GAVCI ha lanciato una campagna per dichiararsi obiettori e obiettrici. Viene proposto a tutti coloro che si riconoscono nell'obiezione di coscienza di compilare ed inviare una dichiarazione scritta( http://www.gavci.it/html/img/modob.pdf ), tramite raccomandata, all'Ufficio Leva del Distretto Militare di competenza, al proprio Comune di residenza e, per conoscenza, anche alla Loc (Lega Obiettori di Coscienza) e al Comitato Consultivo per la Difesa Civile Non Armata e Non violenta(istituito presso l'UNSC, Ufficio Nazionale per il Servizio Civile). La motivazione che ha spinto il GAVCI ha lanciare questa campagna è una semplice considerazione: in caso di mobilitazione generale o di guerra coloro che hanno svolto servizio civile perché obiettori alla leva, se richiamati, saranno assegnati alla Croce Rossa o alla Protezione Civile, ma cosa sarà di coloro che non hanno dovuto scegliere per la sospensione? In ragione di ciò, e per evitare che possano crearsi problemi all'ultimo minuto(burocratici o meno, è facile immaginare come dichiararsi obiettori mentre una guerra sta esplodendo non sarà facile), il GAVCI consiglia di dichiararsi comunque obiettori e obiettrici sin da ora.
E' in fin dei conti anche un piccolo gesto per ribadire la propria scelta di Pace e il proprio sostegno affinché un giorno si superi il concetto dell'esistenza della difesa armata e degli eserciti.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)