Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Una campagna del GAVCI

L'obiezione di coscienza prosegue ...

La leva non è stata abolita. E quindi è ancora indispensabile proseguire l'obiezione di coscienza
26 maggio 2006

Per decenni è stata croce e delizia, angoscia e momento di crescita per generazioni di italiani. Alla fine, all'alba del nuovo millennio, è stata mandata in soffitta.
E così la leva, il servizio militare obbligatorio non esiste più. Oggi i giovani non si trovano più di fronte alla scelta tra obiezione di coscienza tramite il servizio civile o un anno(o poco meno) di naja. La legge 331/2000 (con le modifiche successive che hanno anticipato l'addio) ha stabilito che i nati nel 1985 saranno gli ultimi a partire per la coscrizione in grigio-verde. Il GAVCI(Gruppo Autonomo di Volontariato Civile in Italia, http://www.gavci.it ) ha recentemente fatto notare che però la leva non è stata abolita, ma solo sospesa. Infatti la legge 331 prevede ancora il servizio militare obbligatorio in caso di stato di guerra o di grave crisi internazionale nella quale l'Italia sia coinvolta. Infatti i comuni devono continuare a tenere aggiornate le liste di leva.
In realtà anche se la leva fosse stata abolita sarebbe cambiato ben poco. Basterebbe una nuova semplice legge ordinaria per tornare indietro. In ragione della situazione attuale il GAVCI ha lanciato una campagna per dichiararsi obiettori e obiettrici. Viene proposto a tutti coloro che si riconoscono nell'obiezione di coscienza di compilare ed inviare una dichiarazione scritta( http://www.gavci.it/html/img/modob.pdf ), tramite raccomandata, all'Ufficio Leva del Distretto Militare di competenza, al proprio Comune di residenza e, per conoscenza, anche alla Loc (Lega Obiettori di Coscienza) e al Comitato Consultivo per la Difesa Civile Non Armata e Non violenta(istituito presso l'UNSC, Ufficio Nazionale per il Servizio Civile). La motivazione che ha spinto il GAVCI ha lanciare questa campagna è una semplice considerazione: in caso di mobilitazione generale o di guerra coloro che hanno svolto servizio civile perché obiettori alla leva, se richiamati, saranno assegnati alla Croce Rossa o alla Protezione Civile, ma cosa sarà di coloro che non hanno dovuto scegliere per la sospensione? In ragione di ciò, e per evitare che possano crearsi problemi all'ultimo minuto(burocratici o meno, è facile immaginare come dichiararsi obiettori mentre una guerra sta esplodendo non sarà facile), il GAVCI consiglia di dichiararsi comunque obiettori e obiettrici sin da ora.
E' in fin dei conti anche un piccolo gesto per ribadire la propria scelta di Pace e il proprio sostegno affinché un giorno si superi il concetto dell'esistenza della difesa armata e degli eserciti.

Articoli correlati

  • La fine di tutte le guerre, crederci è il primo passo per realizzare il sogno
    Pace
    Si faccia finalmente spazio all'impegno sociale nonviolento e non armato

    La fine di tutte le guerre, crederci è il primo passo per realizzare il sogno

    Ogni 4 novembre nel celebrare le Forze Armate e i caduti della Prima Guerra Mondiale poniamo l'accento sul lutto che ogni conflitto armato comporta. Dobbiamo in tutti i modi rafforzare la cultura non armata, i tempi sono maturi, ad esempio con la Campagna “Un’altra difesa è possibile”.
    6 ottobre 2020 - Maria Pastore
  • Per la Giornata internazionale dell'obiezione di coscienza al servizio militare
    Pace
    Ribadiamo l'impegno affinche' il nostro paese cessi di sperperare ingenti risorse a fini di morte

    Per la Giornata internazionale dell'obiezione di coscienza al servizio militare

    Anche se in Italia non vi e' piu' il servizio militare di leva obbligatorio, esso persiste in molti altri paesi del mondo. Ognuno si adoperi contro la guerra e contro le dittature, contro tutti i poteri uccisori, in difesa della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani.
    14 maggio 2020 - "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo
  • Schede
    Breve scheda

    Giorgio La Pira (1904-1977)

    Giurista, storico, politico, pubblico amministratore; costituente e parlamentare, sindaco di Firenze; profonda coscienza religiosa, impegnato in rilevanti iniziative di pace e di solidarieta'.
    Peppe Sini
  • Pietro Pinna e l’obiezione di coscienza in Italia
    Storia della Pace
    La cultura della nonviolenza

    Pietro Pinna e l’obiezione di coscienza in Italia

    Scrisse nel 1948: “Faccio noto a codesto comando di essere venuto nella determinazione di disertare la vita militare per ragioni di coscienza".
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)