Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Arrivano i Tornado, ma c'è un giudice a Berlino...

I caccia tedeschi atterrano in Afghanistan. Ricorso della Linkspartei: la corte suprema deciderà se potranno restare
6 aprile 2007
Guido Ambrosino
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

I sei aerei Tornado tedeschi, richiesti dalla Nato per voli di ricognizione, sono arrivati ieri a Mazar-i-Sharif, nel nord dell'Afghanistan, dove il contingente della Bundeswehr ha il suo quartier generale. Dotati di attrezzature fotografiche, saranno in servizio sul fronte meridionale, dove si combatte con i taleban, nella seconda metà d'aprile. Ma sul futuro della missione pende la spada di Damocle della corte costituzionale.
Alla corte ha fatto ricorso il gruppo parlamentare della Linkspartei, sostenendo che l'intervento della Nato in Afghanistan non è compatibile con i principi originari del Patto atlantico, come alleanza per la difesa del continente europeo. Sia il carattere difensivo, sia la limitazione regionale dell'area operativa, sono stati di fatto scavalcati -secondo i ricorrenti - dalla spedizione afghana. Uno stravolgimento di tale portata del Patto atlantico, a suo tempo ratificato dal parlamento tedesco, avrebbe dovuto essere nuovamente sottoposto all'esame parlamentare. Il non averlo fatto lederebbe il diritto del parlamento alla ratifica dei trattati.
Inoltre la Linkspartei fa notare che anche sul piano operativo nel sud dell'Afghanistan la Nato non è autonoma, ma subordinata al comando Usa nel quadro dell'operazione «antiterrorismo» Enduring freedom. Le foto scattate dai Tornado Recce (la sigla inglese sta per reconnaissance, ricognizione) finiranno sul tavolo di un generale a stelle e strisce, che le utilizzerà per guidare i bombardieri.
L'intervento in Afghanistan appare problematico anche sotto profili costituzionali più sostanziali: l'articolo 26 del Grundgesetz, la legge fondamentale, mette al bando la «guerra d'aggressione». Il sistematico coinvolgimento di civili contraddice norme di diritto internazionale. Ma la Corte di Karlsruhe non prenderà in cosiderazioni questi aspetti. Si limiterà a esaminare, nel quadro di un accertamento degli equilibri tra gli organi costituzionali, se il nuovo protagonismo della Nato senza una revisione dei trattati non abbia violato i diritti del parlamento.
Il governo di coalizione tra Cdu-Csu e Spd ribatte che il 9 marzo il Bundestag si è pronunciato per l'invio dei Tornado, anche se a prezzo di un dissenso massiccio, e senza precedenti per le sue dimensioni, nelle fila della maggioranza. Dei 222 deputati socialdemocratici 69 hanno votato contro, 2 si sono astenuti, 18 si sono assentati. Più di un terzo della Spd ha negato il suo assenso.
Questa circostanza spiega il tentativo del presidente della Spd, Kurt Beck, di smarcarsi dalla retorica dell'amministrazione Bush, con la proposta di lavorare alla convocazione di una nuova conferenza internazionale sull'Afghanistan in Germania (dopo quelle a Bonn e Berlino), invitando a parteciparvi anche "taleban moderati". Proposta rifiutata con indignazione da molti democristiani, e accolta con scetticismo anche nell'opposizione e dalla stampa. Se si vuole aprire un negoziato, fanno notare i critici, converrebbe semmai farlo con chi controlla le formazioni armate, come il mullah Omar, piuttosto che cercare col lanternino esponenti locali «moderati» ma senza seguito.
Un primo ricorso costituzionale era stato presentato, subito dopo il voto del Bundestag, da due battitori liberi democristiani, Peter Gauweiler (Csu) e Willy Wimmer (Cdu). La corte ha però rispedito al mittente la loro eccezione, perché l'accesso alle procedure di controllo è riservato ai gruppi parlamentari e non ai singoli deputati. Gli interessati lo sapevano, ma hanno voluto ugualmente mandare un segnale politico. Un ricorso sostanzialmente identico al loro è stato poi ripresentato dalla Linkspartei.
La settimana scorsa i socialisti si sono visti rifiutare la richiesta di un provvedimento sospensivo immediato, che avrebbe lasciato a terra i Tornado in attesa di una sentenza di merito. Ma la corte non prende il ricorso alla leggera: ha convocato per il 18 aprile un'udienza pubblica, e le domande inviate alle parti sono piccanti. Dal governo i giudici vogliono per esempio sapere se la Nato, al suo vertice a Riga, non abbia rinunciato al suo carattere regionale a favore di un intervento globale.

Articoli correlati

  • Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili
    Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?
    Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)