Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Amnesty e Rete Disarmo: l'Italia esporta armi in Afghanistan

3 aprile 2008

Più di tre milioni di euro di armi italiane esportate non si sa a chi in Afghanistan. Lo denuncia una nota congiunta della sezione italiana di Amnesty International e di Rete Disarmo inviata al presidente del Consiglio, Romano Prodi. Le due organizzazioni si dichiarano "allarmate" per il dato riguardante le esportazioni italiane di "armi, munizioni e loro parti ed accessori" all'Afghanistan che ammonterebbero a 3.189.346 euro per il quinquennio 2003/2007 e chiedono "maggiori dettagli sulla tipologia e sulla destinazione". "Due cose sono certe" - commenta Giorgio Beretta di Rete Disarmo. "Sono state tutte esportate da ditte della provincia di Roma e non si tratta di armi ad 'uso militare' in quanto l'Istat non riporta le esportazioni di questo tipo: ma non per questo sono meno letali". Amnesty e Rete Disarmo chiedono "se il governo italiano abbia valutato l'impatto di tali esportazioni sulla situazione dei diritti umani in Afghanistan".

Armi italiane vendute non si sa a chi in Afghanistan: lo denuncia una nota della sezione italiana di Amnesty International e di Rete italiana per il Disarmo inviata al presidente del Consiglio, Romano Prodi, in occasione del vertice Nato in corso a Bucarest. Nel comunicato congiunto le due organizzazioni si dichiarano "allarmate" per il dato riguardante le esportazioni italiane di "armi, munizioni e loro parti ed accessori" all'Afghanistan che, secondo i dati Istat, ammonterebbero a 3.189.346 euro per il quinquennio 2003/2007 e chiedono "maggiori dettagli sulla tipologia e sulla destinazione" e "se il governo italiano abbia valutato l'impatto di tali esportazioni sulla situazione dei diritti umani in Afghanistan".

"Due cose sono certe" - commenta Giorgio Beretta di Rete Disarmo. "Sono state tutte esportate da ditte della provincia di Roma e non si tratta di armi ad 'uso militare' - che potrebbero essere state inviate all'esercito afghano - in quanto l'Istat non riporta le esportazioni di questa tipologia di armi. Ma non per questo sono meno letali perchè sistemi d'arma semiautomatici e 'small arms' di un certo calibro sono di fatto equiparabili a quelle vendute agli eserciti". "I dati Istat - prosegue Beretta - riportano sia nella categoria SH93 (Armi, munizioni e loro parti ed accessori), sia nella categoria DK296 (Armi, sistemi d'arma e munizioni) esportazioni verso l'Afghanistan che - a valori costanti del 2006 - superano i 3,1 milioni di euro e nello specifico sono così ripartiti: 963.831 euro nel 2003, 43.000 euro nel 2004, 2.470 nel 2005, 89.335 nel 2006 e ben 2.050.620 euro nel 2006. Ripeto sono state tutte esportate da una o più ditte basate nella provincia di Roma: spetta ora al Governo, e più precisamente ai Ministeri competenti dell'Interno, ma in questo caso anche degli Esteri, chiarire di che armi si tratti e a chi siano state vendute" - conclude Beretta.

Come denuncia da tempo la Rete Italiana per il Disarmo, l'esportazione di 'small arms' non "ad uso militare" (quelle cioè destinate alle Forze armate di un paese estero) non è regolamentata da una legge rigorosa e trasparente come la legge 185/90, ma da una normativa alquanto datata come la legge 110/75 che di fatto lascia al Prefetto della provincia di produzione la facoltà di valutare l'ammissibilità di una determinata esportazione di queste armi che solitamente sono vendute a privati o a corpi di polizia. E nonostante negli ultimi anni alcune circolari del Ministero degli Interni abbiano posto dei limiti alla lista dei paesi destinatari anche di queste armi, la normativa rimane alquanto ambigua e fallace come ha dimostrato l'esportazione di pistole Beretta 92S che sono finite nelle mani degli insorti in Iraq.

Allegando un recente rapporto diffuso a Londra da Amnesty International, "Afghanistan: la proliferazione delle armi alimenta ulteriori violazioni dei diritti umani", la Sezione italiana dell'associazione e Rete Disarmo affermano inoltre che c'è "il rischio che l'eccessiva quantità di armi di piccolo calibro, armi leggere e munizioni offerta all'Afghanistan dai paesi Nato e dagli Stati alleati possa essere usata per gravi violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario". Secondo le due organizzazioni, "l'impatto di una proliferazione incontrollata di armi rischia di danneggiare gli sforzi del governo afghano e della comunità internazionale per il rafforzamento della tutela dei diritti umani nel paese".

Le due organizzazioni sollecitano infine il Governo italiano ad attuare la raccomandazione formulata nel giugno 2006 dal Comitato delle Nazioni Unite per i diritti del fanciullo, che ha invitato l'Italia a proibire il commercio di armi leggere con quei paesi, come l'Afghanistan, in cui le persone al di sotto dei 18 anni partecipano alle ostilità come membri sia delle forze armate che dei gruppi armati. Quest'ultimo punto è stato sollevato da Rete Disarmo e da Amnesty Italia nel corso di un incontro tenutosi a Palazzo Chigi il 28 marzo scorso in occasione della presentazione del Rapporto annuale sull'esportazione di armi italiane reso noto dalla Presidenza del Consiglio. [GB]

Articoli correlati

  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
  • "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"
    Conflitti
    Gli stupri dei bambini erano la regola: "La notte li sentiamo gridare, ma non possiamo fare nulla"

    "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"

    Gli episodi che riportiamo in questa pagina web spiegano perché l'esercito e la polizia afghani non fossero amati dalla popolazione e si siano sbriciolati appena è venuto meno il supporto delle truppe americane e della Nato, nonostante fossero stati fortemente armati, attrezzati e addestrati.
    Redazione PeaceLink
  • Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili
    Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)