Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare
    Saranno mostrate ai giornalisti le compresse di ioduro di potassio in caso di incidente atomico distribuite gratuitamente nelle farmacie di Bruxelles

    Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare

    Abbiamo tradotto i punti salienti dell'opuscolo belga. Domani questo opuscolo sarà presentato a Taranto in una conferenza stampa sul rischio nucleare collegato al transito di unità militari a propulsione nucleare, essendo Taranto un porto soggetto a tale eventualità.
    26 marzo 2018 - Associazione PeaceLink
  • I Luoghi della Memoria e la Costruzione della Pace
    Giornata della Tolleranza

    I Luoghi della Memoria e la Costruzione della Pace

    Comune di Napoli - Dipartimento Consiglio Comunale Osservatorio Permanente centro storico di Napoli-sito UNESCO
    10 novembre 2015 - Laura Tussi
  • Nasce una nuova colizione antimilitarista: ecco il comunicato
    Dopo la grande manifestazione NoTrident/NoNato tenutosi il 25.10 a Napoli

    Nasce una nuova colizione antimilitarista: ecco il comunicato

    Per "superare il vecchio movimento pacifista". ben 18 gruppi antimilitaristi hanno detto di sì ad un un "percorso unitario contro il militarismo ed i crescenti pericoli di un conflitto mondiale". Il prossimo incontro è previsto entro la prima metà di dicembre.
    Patrick Boylan
  • Zanotelli: "Venite a Napoli per dire NO alle esercitazioni di guerra!" (video)
    In vista della manifestazione nazionale il 24-10-2015 contro la NATO

    Zanotelli: "Venite a Napoli per dire NO alle esercitazioni di guerra!" (video)

    E' in corso nel Mediterraneo, e fino al 6 novembre, la più grande esercitazione militare dalla "fine" della Guerra Fredda: il Trident Juncture della NATO. Il comando operativo è a Napoli. Si preparano così le prossime guerre per la (ri)conquista violenta dell'Africa, con l'Italia come trampolino di lancio. Zanotelli si oppone e spiega perché in questo brevissimo video.
    Patrick Boylan
La portaerei americana Enterprise è ormeggiata nel porto di Napoli

Una centrale nucleare oggi e' in funzione a Napoli

E' un'unità militare a propulsione nucleare. Intanto a La Spezia viene pubblicamente presentato il piano di emergenza nucleare (in caso di incidenti a propulsori atomici come quello della Enterprise), un piano che a Napoli è attualmente ignoto alla cittadinanza.
11 febbraio 2004 - Il Manifesto 10/2/04

--- Enterprise a Napoli

La portaerei nucleare americana «US Enterprise» è ormeggiata da domenica nel porto di Napoli, dove resterà fino al 12 febbraio. Prima portaerei a propulsione nucleare, armata con 72 aerei, con un equipaggio di 5660 uomini, dei quali 100 piloti, l'unità della marina Usa è una piccola città galleggiante, nella quale la comunicazione è affidata ad una tv a circuito interno e ad un quotidiano. Costruita nel 1960, la portaerei ha partecipato alle operazioni di «Iraqi Freedom», schierata nel golfo arabico. La presenza della portaerei a Napoli è protetta da speciali misure di sicurezza.


--- La Spezia, presentato piano di emergenza nucleare

Il 9 febbraio del 2000, il manifesto, rivelando il piano militare d'emergenza in caso di incidente nucleare di La Spezia, lo desecretava di fatto. Il piano si riferiva al caso di incidente provocato dall'arrivo di navi o sommergibili a propulsione nucleare. Un'eventualità possibile in dodici porti italiani, dalla Maddalena a Brindisi, Taranto, Napoli, Gaeta, Augusta. La successiva inchiesta giudiziaria per la fuga di notizie e la rivelazione di documenti top secret si concludeva con un'archiviazione, ma nel frattempo in prefettura veniva istituita una commissione tecnica incaricata di aggiornare il piano per i civili, datato `93. Che ieri è stato reso pubblico. Il nuovo piano presenta un solo omissis, riguardo al luogo in cui attraccano i sommergibili nucleari. Per il resto, la prima sezione riguarda i livelli di emergenza: il livello A prevede che in caso di incidente vengano istituiti i divieti di traffico marittimo, pesca e balneazione, con posti di blocco per impedire l'accesso alla zona interessata e controllo della radioattività. In caso di rilevamento di radioattività al di fuori dell'area navale, sarà ordinato alla popolazione di rimanere al chiuso, interdette le attività lavorative, con posti di controllo e possibile blocco degli alimenti. Nel caso più grave è previsto l'allontanamento della popolazione e la relativa sistemazione in alloggi a chilometri di distanza, con la raccolta di materiali contaminati e la distribuzione di vestiario. Il limite massimo di navi o sommergibili a propulsione nucleare previsto è di tre. «Avere questo piano di emergenza e renderlo pubblico è un grande risultato. Ma adesso va posto un altro obiettivo: navi e sottomarini nucleari non devono più venire nel golfo della Spezia», ha commentato l'assessore alla protezione civile Olivieri, per il quale «unità militari di questo tipo sosterebbero a poca distanza da una costa densamente abitata, alle porte del parco delle Cinque terre, considerato patrimonio dell'umanità». (a.mas.)

10/2/04
http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/10-Febbraio-2004/art51.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)