Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

"In questo momento ogni speculazione sul riallineamento sarebbe inappropriata".

PeaceLink: "Comando Nato a Taranto", Sesta flotta Usa smentisce

Al momento è prematuro parlare di decisioni prese, tanto meno su una possibile destinazione della Sesta flotta Usa, nè su un diverso ruolo nell'ambito Nato della base militare italiana di Taranto.
E' quanto ha detto a Reuters una portavoce della Sesta Flotta, interpellata dopo che un'associazione pacifista, PeaceLink, ha annunciato che da una ricerca su documenti non secretati Nato online, la base navale di Taranto risulterebbe già quartier generale della Forza (marittima) di Pronto Intervento Nato.
13 marzo 2004
Roberto Bonzio
Fonte: Reuters 13/2/2004
http://www.reuters.com/locales/newsArticle.jsp;:402cf551:55da6fc6ad88871?type=entertainmentNews&locale=it_IT&storyID=4355956 - 13 febbraio 2004

MILANO (Reuters) - Gli Usa stanno rivedendo la loro presenza militare in Europa ma al momento è prematuro parlare di decisioni prese, tanto meno su una possibile destinazione della Sesta flotta Usa, nè su un diverso ruolo nell'ambito Nato della base militare italiana di Taranto.

E' quanto ha detto a Reuters una portavoce della Sesta Flotta, interpellata dopo che un'associazione pacifista, PeaceLink, ha annunciato che da una ricerca su documenti non secretati Nato online, la base navale di Taranto risulterebbe già quartier generale della Forza (marittima) di Pronto Intervento Nato.

"In questo momento ogni speculazione sul riallineamento sarebbe inappropriata. E non risulta alcuna presenza della marina Usa a Taranto, che è una base della marina militare italiana e che pure ha ospitato nei giorni scorsi l'ammiraglia della Sesta Flotta", ha detto la portavoce, precisando che quello della Sesta Flotta è prevalentemente uno staff operativo , che conta circa 250 persone.

Nei giorni scorsi, l'associazione pacifista PeaceLink aveva diffuso sul proprio sito (italy.peacelink.org) una serie di documenti e link a siti della Difesa americana (www.defenselink.mil) non secretati, secondo i quali già dal 2002 la base della Marina Militare italiana di Taranto sarebbe l'unica indicata come sede di quartier generale della High Readiness Force (Maritime), cosa che secondo l'associazione la renderebbe probabile destinazione per il trasferimento delle forze navali Usa, che dal 2005 dovrebbero lasciare l'attuale sede di Gaeta. Rilevando che questo ruolo non è mai stato comunicato ufficialmente al Parlamento italiano.

Interpellate da Reuters, fonti del ministero della Difesa e della Commissione Difesa della Camera hanno affermato di non disporre di documenti o comunicazioni in grado di confermare o smentire tale affermazione.

Fonti della Nato da Napoli hanno precisato che le strutture militari di Taranto, realizzate anche con fondi comuni dell'alleanza atlantica, "devono rimanere a disposizione delle esigenze della Nato", pur se gestite dalla nazione.

IL COMANDO AEREO NATO IN TURCHIA

Ricordando che dei quattro comandi Nato attualmente a Napoli, quello aereo andrà in Turchia gli altri tre si trasferiranno nel vicino complesso di Lago Patria (Napoli): il comando resterà al comandante della Sesta Flotta Usa, la cui ammiraglia Uss LaSalle ha attualmente il punto d'appoggio permanente a Gaeta.

Fonti della Marina militare italiana infine hanno preferito non replicare, precisando che è improprio parlare di basi Nato e che quella di Taranto è una base della marina militare italiana che può ospitare navi della Nato come in altre basi, aperte all'attività internazionale dunque anche a Paesi che della nato non fanno parte.

CONFRONTO INCROCIATO

"Abbiamo scoperto il ruolo attribuito a Taranto con una ricerca online, incrociando dati diversi", spiega a Reuters Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink. Ricordando che Taranto è indicata come sede della Forza di Pronto Intervento nel documento dell'aprile 2003 (http://www.defenselink.mil/comptroller/fmr/11a/11a09.pdf), dopo esser stata inserita come aggiornamento in quello precedente ( http://www.defenselink.mil/comptroller/fmr/11a/11aarch/11A09_Annex1_arch102002.pdf ) dell'ottobre 2002.

"Solo un confronto incrociato tra quanto inserito nel documento ufficiale del Ministero della Difesa italiano del giugno 2003 (http://www.analisidifesa.it/articolo.shtm/id/3101/ver/IT) e quello della rivista Analisi Difesa (www.analisidifesa.it) sulle strutture di comando Nato, fa emergere quanto nei singoli testi non viene detto esplicitamente. E cioè che Taranto è già diventata base Nato, dal 4 settembre 2002. In città ufficiosamente è risaputo. Ma il Parlamento non ne è mai stato informato", dice ancora Marescotti. Ricordando che come sede della flotta ora a Gaeta si era fatto il nome di una base in Turchia, che però nei documenti del Pentagono con le relative indicazioni non compare.

Articoli correlati

  • Indennizzi per vincoli militari, quali contributi per Augusta e gli altri comuni siciliani?
    Disarmo
    Occorre trasparenza sull'effettiva erogazione di questi fondi da destinare a fini sociali

    Indennizzi per vincoli militari, quali contributi per Augusta e gli altri comuni siciliani?

    Contributi annui ed entrate ordinarie per i comuni che subiscono la presenza di istallazioni e attività militari. Lo sancisce la legge dello Stato riconoscendo l'impatto della militarizzazione "sull’uso del territorio e sui programmi di sviluppo economico e sociale".
    21 settembre 2021 - Gianmarco Catalano
  • Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?
    Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
  • Era il 1524 e occorreva intervenire per salvare i bambini aztechi da morte sicura
    Editoriale
    Immaginate se a quel tempo, al posto del Real y Supremo Consejo de Indias, ci fosse stata la NATO

    Era il 1524 e occorreva intervenire per salvare i bambini aztechi da morte sicura

    Il dio Tlaloc chiedeva di immolare i bambini, in modo che poi le loro lacrime avrebbero bagnato la terra rendendola fertile. A quel tempo c'erano circa ventimila sacrifici umani all'anno, le vittime venivano tagliate a pezzi, la coscia spettava al sovrano, la pelle scuoiata andava al sacerdote.
    12 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)