Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

La revisione delle politiche della NATO sugli armamenti nucleari

(Dall'introduzione)

Il 24 Aprile 1999, la Nato ha reso pubblico un Comunicato, in occasione del Summit tenutosi a Washington DC per il proprio 50° anniversario. I capi di Stato e di Governo dei paesi partecipanti hanno approvato le nuove strategie della Alleanza Atlantica.

Il paragrafo 32 del Comunicato afferma: "In virtù dei complessivi sviluppi strategici e della ridotta importanza degli armamenti nucleari, l’Alleanza prenderà in considerazione l’implementazione di misure di sicurezza, la realizzazione di processi di disarmo, di misure di controllo sugli armamenti e sulla loro proliferazione. Il Council in Permanent Session (CPS), proporrà nel mese di Dicembre ai propri Ministri di prendere in considerazione tali proposte e gli organismi responsabili della NATO si occuperanno della loro realizzazione. Verranno appoggiate approfondite consultazioni con la Russia su tali e su altre questioni, all’interno del Permanent Joint Council (PJC)…".

In seguito ad una conferenza, tenutasi successivamente al Summit di Washington DC, il Ministro degli Esteri del Canada, Lloyd Axworthy, ha affermato che tale impegno presuppone una revisione delle politiche della NATO sugli armamenti nucleari, richiesta dal suo Governo in un rapporto pubblicato il 19 Aprile 1999.

In seguito ad un incontro tra i Ministri degli Esteri della NATO, tenutosi a Bruxelles il 15 e 16 Dicembre 1999, è stato pubblicato un nuovo Comunicato. In riferimento al paragrafo 32 di cui sopra, tale Comunicato ha fornito istruzioni al CPS per i compiti da assegnare al Senior Political Committe (SPC), affiancato da esperti in materie politiche e di difesa, al fine di revisionare le politiche della Alleanza. Il Comunicato ha, inoltre, fornito indicazioni al CPS per la realizzazione di un rapporto da presentare ai Ministri che, nel mese di Dicembre del 2000, si incontreranno per discutere le proposte.

Un Accordo sulla non-proliferazione degli armamenti nucleari (Nuclear Non-Proliferation Treaty-NPT) è stato raggiunto nel mese di Maggio del 2000, accompagnato da un documento contenente disposizioni con forti implicazioni avverse alle politiche adottate dalla NATO. I Ministri degli Esteri della NATO, in occasione di un incontro tenuto a Firenze il 24 Maggio 2000, sottolineano, al paragrafo 54 del Comunicato, che: "Gli Alleati confermano gli impegni presi in seno all’Accordo e contribuiranno alla realizzazione di quanto deciso."

Essendo stato raggiunto un Accordo sulla non-proliferazione degli armamenti nucleari, "Middle Powers Initiative" (MPI) propone questo documento, all’attenzione dei Governi degli stati membri, al fine di considerare l’attuazione della revisione delle politiche della NATO sugli armamenti nucleari. Il documento è composto dai seguenti paragrafi:

Le attuali politiche della Nato sugli armamenti nucleari
Le implicazioni avverse alle politiche adottate dalla Nato
La necessita’ di rassicurare il governo russo
Verso una strategia di sicurezza anti-nucleare della Nato
Conclusioni

Allegati

Articoli correlati

  • Perché Putin sta vincendo?
    Conflitti
    Analisi globale dei fallimenti della NATO nella guerra in Ucraina

    Perché Putin sta vincendo?

    Di fronte al fallimento delle sanzioni, la NATO ha cambiato approccio, dando maggiore enfasi alla dimensione militare del conflitto. Questa nuova linea strategica ha però presentato varie criticità. Punto per punto vedremo cosa è andato storto fino a ora.
    20 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Con l'appoggio dell'estrema destra passa il nuovo patto militare fra Stati Uniti e Svezia
    Disarmo
    Ieri il parlamento di Stoccolma ha approvato il controverso patto DCA

    Con l'appoggio dell'estrema destra passa il nuovo patto militare fra Stati Uniti e Svezia

    La Società svedese per la pace e l'arbitrato ha criticato duramente l'accordo, sottolineando che, a differenza di patti simili firmati con Norvegia e Danimarca, il DCA svedese non contiene riserve contro l'introduzione o lo stazionamento di armi nucleari.
    19 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • La Svezia entra la Nato e già si parla delle armi nucleari
    Disarmo
    L'opposizione e la società civile esprimono timori, oggi si vota

    La Svezia entra la Nato e già si parla delle armi nucleari

    Il ministro della Difesa svedese nega la possibilità di ospitare armi nucleari, mentre il primo ministro lascia aperta la possibilità in caso di guerra. Parte della società civile, compresi 92 intellettuali e accademici, richiedono un referendum sull'accordo. Le preoccupazioni dei pacifisti.
    18 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • La Russia non ha alcun interesse ad attaccare la Nato
    Conflitti
    Le cose da sapere per evitare le trappole della propaganda

    La Russia non ha alcun interesse ad attaccare la Nato

    La Russia ha una spesa militare di 109 miliardi di dollari annui, i paesi europei della Nato spendono 470 miliardi di dollari annui, gli Usa ben 916. Però Mosca sfrutta la sua superiorità militare regionale nella guerra in Ucraina: ha una schiacciante superiorità in uomini, munizioni e aerei.
    4 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)