Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

La revisione delle politiche della NATO sugli armamenti nucleari

(Dall'introduzione)

Il 24 Aprile 1999, la Nato ha reso pubblico un Comunicato, in occasione del Summit tenutosi a Washington DC per il proprio 50° anniversario. I capi di Stato e di Governo dei paesi partecipanti hanno approvato le nuove strategie della Alleanza Atlantica.

Il paragrafo 32 del Comunicato afferma: "In virtù dei complessivi sviluppi strategici e della ridotta importanza degli armamenti nucleari, l’Alleanza prenderà in considerazione l’implementazione di misure di sicurezza, la realizzazione di processi di disarmo, di misure di controllo sugli armamenti e sulla loro proliferazione. Il Council in Permanent Session (CPS), proporrà nel mese di Dicembre ai propri Ministri di prendere in considerazione tali proposte e gli organismi responsabili della NATO si occuperanno della loro realizzazione. Verranno appoggiate approfondite consultazioni con la Russia su tali e su altre questioni, all’interno del Permanent Joint Council (PJC)…".

In seguito ad una conferenza, tenutasi successivamente al Summit di Washington DC, il Ministro degli Esteri del Canada, Lloyd Axworthy, ha affermato che tale impegno presuppone una revisione delle politiche della NATO sugli armamenti nucleari, richiesta dal suo Governo in un rapporto pubblicato il 19 Aprile 1999.

In seguito ad un incontro tra i Ministri degli Esteri della NATO, tenutosi a Bruxelles il 15 e 16 Dicembre 1999, è stato pubblicato un nuovo Comunicato. In riferimento al paragrafo 32 di cui sopra, tale Comunicato ha fornito istruzioni al CPS per i compiti da assegnare al Senior Political Committe (SPC), affiancato da esperti in materie politiche e di difesa, al fine di revisionare le politiche della Alleanza. Il Comunicato ha, inoltre, fornito indicazioni al CPS per la realizzazione di un rapporto da presentare ai Ministri che, nel mese di Dicembre del 2000, si incontreranno per discutere le proposte.

Un Accordo sulla non-proliferazione degli armamenti nucleari (Nuclear Non-Proliferation Treaty-NPT) è stato raggiunto nel mese di Maggio del 2000, accompagnato da un documento contenente disposizioni con forti implicazioni avverse alle politiche adottate dalla NATO. I Ministri degli Esteri della NATO, in occasione di un incontro tenuto a Firenze il 24 Maggio 2000, sottolineano, al paragrafo 54 del Comunicato, che: "Gli Alleati confermano gli impegni presi in seno all’Accordo e contribuiranno alla realizzazione di quanto deciso."

Essendo stato raggiunto un Accordo sulla non-proliferazione degli armamenti nucleari, "Middle Powers Initiative" (MPI) propone questo documento, all’attenzione dei Governi degli stati membri, al fine di considerare l’attuazione della revisione delle politiche della NATO sugli armamenti nucleari. Il documento è composto dai seguenti paragrafi:

Le attuali politiche della Nato sugli armamenti nucleari
Le implicazioni avverse alle politiche adottate dalla Nato
La necessita’ di rassicurare il governo russo
Verso una strategia di sicurezza anti-nucleare della Nato
Conclusioni

Allegati

Articoli correlati

  • Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room
    Disarmo
    il settore militare non solo inquina, ma contamina, trasfigura e rade al suolo

    Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room

    “E’ stato stimato che Il 20% di tutto il degrado ambientale nel mondo è dovuto agli eserciti e alle relative attività militari”
    31 ottobre 2019 - Rossana De Simone
  • 4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Pace

    4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di decine e decine di milioni di euro al giorno e che i fondi pubblici siano invece utilizzati in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e del mondo vivente.
    26 ottobre 2019 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico
    Disarmo
    Misterioso incidente in Russia

    La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico

    Un'esplosione vicino a un sito di test di missili nucleari balistici nel Mar Bianco, con rilascio di radiazioni nell'ambiente, apre inquietanti interrogativi sulle crescenti attività di riarmo nucleare e sulla parallela corsa ad appropriarsi dell'Artico
    30 agosto 2019 - Francesco Iannuzzelli
  • Il governo italiano dichiari lo stato di emergenza climatica 
    Pace
    Appello:

    Il governo italiano dichiari lo stato di emergenza climatica 

    "Vogliamo che agiate come se la nostra casa fosse in fiamme. Perchè lo è". Greta Thunberg
    6 maggio 2019 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)