Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Convegno a Roma su "Produzioni e commercio di armamenti: le nostre responsabilità"

Nuovo strappo fra M5s e pacifisti

Il sottosegretario pentastellato agli esteri Manlio Di Stefano ha dichiarato che l'export di armi italiane verso l'Arabia Saudita non si può interrompere. "E' sbagliato pensare che si possa risolvere il problema con l’interruzione dell’esportazione delle armi prodotte in Italia", ha detto.
2 marzo 2019
Redazione PeaceLink

Come cambia la linea del M5s sul commercio delle armi verso l'Arabia Saudita, protagonista di sanguinosi bombardamenti in Yemen con armi italiane? Armi italiane uccidono civili in Yemen

All'opposizione

Il 29 novembre 2015 Manlio Di Stefano (deputato M5S) dichiarava in aula: "Noi vendiamo armi a chi le usa per ammazzare i nostri concittadini". E chiedeva di "interrompere l’esportazione di armi verso l’Arabia Saudita e verso tutti i Paesi che violano i principi della legge n. 185 del 1990 sul controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento", si legge sul sito webtv.camera.it. Nel video si nota che accanto a Di Stefano c'è Alessandro Di Battista. 

Al governo

Ieri lo stesso Manlio Di Stefano (oggi diventato sottosegretario del Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale) cambia linea e dichiara, lo riporta il Fatto Quotidiano, che l'export di armi italiane verso l'Arabia Saudita non si può interrompere. "Al di là delle ipocrisie – ha detto a Roma ieri nel convegno sul commercio delle armi – è sbagliato pensare che si possa risolvere il problema con l’interruzione dell’esportazione delle armi prodotte in Italia".

Il convegno sul commercio delle armi

L'occasione per verificare questo cambiamento di rotta del M5s è stato il convegno svoltosi ieri a Roma dal titolo "Produzioni e commercio di armamenti: le nostre responsabilità", organizzato dalla Federazione delle chiese evangeliche e dalla Conferenza episcopale, assieme alla fondazione Finanza etica e associazioni come Rete italiana per il disarmo, oltre a Pax Christi e al Movimento dei Focolari.

Monsignor Giovanni Ricciuti, presidente di Pax Christi Italia, ha dichiarato: “Questo realismo della politica spegne le visioni e la speranza”.

Giorgio Beretta (membro della Rete italiana per il disarmo) ha ricordato che altre nazioni, come la Germania, hanno interrotto le forniture di armi all'Arabia Saudita, in grerra nello Yemen, e ha aggiunto: “Il M5s deve decidere cosa fare. Io guardo ai fatti, vogliamo delle risposte e dei passi verso quanto promesso. E non li stiamo vedendo. Se si adeguerà alla ‘ragion di Stato’ sul tema delle armi, delle bombe e degli F35, rischia di non rispondere più alla domanda di cambiamento”.

Bombe italiane uccidono civili yemeniti

“L’Italia fabbrica le bombe che servono ad ucciderci: ad uccidere i nostri sogni, la nostra dignità e la nostra umanità”. La denuncia è di Ashtar Al Razehi, una giovane donna yemenita rifugiata, attualmente ospite dello Sprar del Mugello, che ha lanciato un appello accorato a “porre fine alla guerra, a dire ‘no’ alle bombe che ci massacrano”. “Il mio Paese è diventato un grandissimo cimitero. Il cielo non è più azzurro, ma ha solo il colore della tristezza”, ha detto con la voce rotta dall’emozione in un video trasmesso al convegno.

Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Trieste ed Amburgo porti di pace
    Pace
    Weapon Watch

    Trieste ed Amburgo porti di pace

    Successo internazionale del boicottaggio alle navi delle armi per le guerre, in particolare verso lo Yemen e la Palestina, sostenuto perfino dal Papa e attuato di recente, nei porti di Genova, Livorno, Napoli, Ravenna, Le Havre, Anversa, Santander e Oakland
    7 luglio 2021
  • Solidarietà per i lavoratori di Genova che hanno boicottato il commercio di armi
    Editoriale
    Sono sottoposti a indagini giudiziarie per attentato alla sicurezza pubblica dei trasporti

    Solidarietà per i lavoratori di Genova che hanno boicottato il commercio di armi

    La loro "colpa" è in realtà quella di aver organizzato manifestazioni e presidi contro le navi che trasportavano armi per rifornire l’Arabia Saudita nella guerra in Yemen, traffico fra l'altro recentemente bandito dall’Italia con lo stop alla vendita di bombe.
    24 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Stop armi alla Turchia
    Disarmo
    Autoritarismo del governo turco, gravi violazioni dei diritti umani e ingerenze in vari conflitti

    Stop armi alla Turchia

    La Rete Italiana Pace e Disarmo, nel contesto dell'iniziativa europea, rilancia in questo contesto la richiesta di blocco completo del flusso di armamenti verso la Turchia e il regime di Erdogan.
    23 ottobre 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)