Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Il virus rappresenta un problema alla continuità sanitaria e quindi sociale

Covit-19 Dalla Cina un annuncio: riconvertire si può

Il produttore del nuovo jet da combattimento stealth J-20, Chengdu Aircraft Industry Group, ha convertito una catena di montaggio per cominciare a produrre dispositivi di protezione sanitaria individuale
16 marzo 2020

Coronavirus Cina

”Da oggi l'Italia ha un'economia da tempo di guerra. Nella Seconda Guerra, l'Italia entrò da Paese agricolo e ne uscì industriale. Questa trasformazione in questo momento non è prevista perché la guerra costringe a produrre beni di guerra”.

Dal 20 febbraio al 2 marzo secondo Mediamonitor, la società che ha monitorato 1.500 fonti di informazione, il termine “coronavirus” è stato citato oltre 185mila volte, in abbinamento alla parola “contagio”  oltre 42mila, “economia” 18.072mila volte e “panico” 13.338mila. Sarebbe interessante sapere quante volte è stato associato alla parola guerra.

E’ storia che la guerra costringe a produrre armi per combattere la guerra.

Ma se è vero che siamo in una economia di guerra ma non in uno stato di guerra guerreggiata, tralasciando in questo articolo i guai provocati dalla semi-privatizzazione della sanità, lo smantellamento della medicina preventiva e della medicina del lavoro, e visto che il virus rappresenta un problema alla continuità sanitaria e quindi sociale, perché non produrre ciò che serve ai servizi utili alla popolazione?

In Cina non solo una fabbrica che produce pannolini e prodotti per bambini ha iniziato a produrre maschere per il viso, ma anche il produttore del nuovo jet da combattimento stealth J-20, Chengdu Aircraft Industry Group ha convertito una catena di montaggio. Il Sichuan Daily ha dichiarato che 258 ingegneri hanno ridisegnato in tre giorni una catena di montaggio con oltre 1200 componenti per cominciare a produrre dispositivi di protezione sanitaria individuale. Sempre secondo quanto riferito, oltre 2.500 aziende hanno iniziato a realizzare maschere, tra cui 700 aziende tecnologiche come quelle dei iPhone Foxconn, smartphone Xiaomi e Oppo.

A quando in Italia?

Riferimenti:

Coronavirus: China’s mask-making juggernaut cranks into gear, sparking fears of over-reliance on world’s workshop
https://www.scmp.com/economy/global-economy/article/3074821/coronavirus-chinas-mask-making-juggernaut-cranks-gear
http://cac.avic.com/web/
Coronavirus, Polillo: ”Da oggi l'Italia ha un'economia da tempo di guerra”
https://www.affaritaliani.it/roma/coronavirus-polillo-da-oggi-italia-ha-economia-da-tempo-di-guerra-657606.html
Coronavirus, in 10 giorni parola citata 185mila volte da media
https://www.ilfattonisseno.it/2020/03/coronavirus-in-10-giorni-parola-citata-185mila-volte-da-media/

Articoli correlati

  • Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?
    Disarmo

    Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?

    Unione Europea e NATO devono collaborare e convincere i loro stati membri a sviluppare la tecnologia 5G
    4 ottobre 2020 - Rossana De Simone
  • Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"
    Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
  • ONU, giornata internazionale per la pace
    Pace
    21 settembre 2020

    ONU, giornata internazionale per la pace

    Lo slogan è "plasmare la pace insieme". L'Assemblea Generale dell'ONU lancia un importante messaggio affinché sia dichiarato il cessate il fuoco in tutte le zone di conflitto e vengano rafforzati gli ideali di nonviolenza che possono accomunare i popoli.
    21 settembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Mascherine solidali “Siamo sulla stessa barca”: un progetto per aiutare l’Africa
    Sociale
    Mascherine solidali

    Mascherine solidali “Siamo sulla stessa barca”: un progetto per aiutare l’Africa

    L'uso corretto della mascherina può divenire segno di cittadinanza attiva? Alessandro Pucci ha realizzato delle mascherine che lanciano un messaggio di solidarietà e al contempo finanziano un progetto di telemedicina in Africa. Perché ognuno nel suo piccolo può fare la differenza.
    20 agosto 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)