Ecodidattica

Era la città americana dell'acciaio

Un’altra Taranto è possibile, basterebbe imitare Pittsburgh

Pittsburgh è riuscita a risollevarsi in modo straordinario grazie ad una rapida e straordinaria riconversione delle sue aziende in direzione dei servizi e dell’alta tecnologia
Marco Stefano Vitiello

A Taranto una domanda ricorre sempre più frequentemente: è possibile riconvertire le aree industriali della città e come si possono salvaguardare l’economia e l’occupazione della Città dei Due Mari?

Un reportage del magazine della RCS “Io Donna”, pubblicato un anno fa, ha aperto un ampio dibattito su Facebook e ha fornito importanti elementi di riflessione.

La storia è quella di Pittsburgh, la città della Pennsylvania che fu capitale mondiale dell’acciaio e che poi, con il tracollo dell’industria pesante, sembrava essere diventata il simbolo della fine di un mondo, un rottame metropolitano. Pittsburgh

Pittsburgh è la città capoluogo della contea di Allegheny nella Pennsylvania; ha una popolazione di circa 300.000 abitanti, mentre la sua area metropolitana conta poco meno di 2,5 milioni di abitanti. La vicinanza di Pittsburgh ad importanti giacimenti di carbone e la sua eccellente collocazione fluviale (l’Ohio è interamente navigabile) ne fecero una delle più importanti città industriali del mondo, specie nel settore della siderurgia, il che le procurò il soprannome di Steel City (città d’acciaio).

Nel reportage di Marzio G. Mian, si poteva leggere la testimonianza di Tony Buba, ex operaio delle acciaierie: “Qui non si vedeva niente, i lampioni erano accesi anche di giorno, il fumo degli altiforni offuscava tutto, i fiumi erano neri e putridi. Poi le fabbriche hanno chiuso i cancelli, la città s’è fermata, la nebbia ha cominciato a diradarsi e pian piano è comparso il sole. A quel punto la gente ha scoperto di vivere in una città meravigliosa, ha deciso che bisognava farla rinascere. Ed eccoci qui, con l’Economist che dichiara Pittsburgh addirittura la città più vivibile d’America.”

Infatti, pur se la sua economia subì pesanti contraccolpi negli anni settanta, quando l’industria siderurgica entrò in crisi per via della recessione di quegli anni e della concorrenza di produttori non statunitensi, Pittsburgh è riuscita a risollevarsi in modo straordinario grazie ad una rapida e straordinaria riconversione delle sue aziende in direzione dei servizi e dell’alta tecnologia.

“L’acciaio – continuava il reportage – ormai c’entra con Pittsburgh come la Ruhr con il carbone, roba dell’altro secolo. Oggi questa è la città dei trentacinque college e università (Carnegie Mellon e University of Pittsburgh i fiori all’occhiello) delle nanotecnologie, della bioingegneria, hub ospedaliero guidato dall’Upmc, uno dei più importanti provider sanitari del mondo, leader nel settore trapianti, che dà lavoro a 50 mila persone con un giro d’affari di 5,6 miliardi di euro (e infatti lo Steel tower, il grattacielo più alto, è diventato l’Upmc tower)”.

Per il Wall Street Journal, oggi il nome è “Roboburgh”, a indicare la robotica come marchio distintivo dell’eccellenza cittadina (300 solo le aziende nate dal settore accademico dell’informatica con fondi interamente privati).

“Vent’anni fa, mentre la siderurgia spariva provocando un disastro sociale devastante, il grande capitale, le famiglie dei Carnegie, dei Frick, dei Mellon, degli Heinz non sono scappate con il bottino” raccontava nel reportage Luke Ravenstahl, 29 anni, il più giovane sindaco d’America, “ma hanno continuato a finanziare le università e le fondazioni culturali. Così si è innescato un processo virtuoso che ha permesso alla ricerca di concentrarsi su progetti vincenti che hanno fatto man bassa di fondi federali, capitali che hanno attirato ricercatori e altro capitale privato”.

Oggi, la città che doveva morire, si gode il suo Rinascimento.

Cosa impedisce, dunque, di pensare a Taranto come ad una Pittsburgh italiana?

Al di là delle risposte scontate, che riguardano gli interessi economici e politici di pochi speculatori (non residenti in città) che manovrano abilmente i fili di altri pochi burattini, ben retribuiti ma ormai pubblicamente svergognati, perché non si dovrebbe cercare una soluzione totalmente rivoluzionaria?

Il Rinascimento di Taranto deve passare certamente attraverso attente analisi e serie progettualità, ma non può non passare anche attraverso un sogno; proprio un vecchio detto popolare degli Stati Uniti sostiene che “solo i sognatori possono realizzare i sogni!”(“only dreamers can make dreams come true!”).

Articoli correlati

  • La plastica negli altoforni ILVA
    Editoriale
    Invece di ridurre il più possibile l'uso della plastica

    La plastica negli altoforni ILVA

    Vorrebbero alimentare gli altoforni ILVA con centomila tonnellate/anno di plastica. E' una quantità di plastica enormemente superiore a quella prodotta dai tarantini (che non producono mezza tonnellata di plastica all'anno). A Taranto arriverà la plastica di tutto il mondo?
    7 agosto 2020 - Alessandro Marescotti
  • Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA
    Taranto Sociale
    L'ILVA multata per oltre 55 milioni di euro per non aver acquistato "certificati verdi"

    Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA

    Richiesta di coinvolgimento dei cittadini ai sensi della Convenzione di Aarhus, recepita con legge 108/2001. Il Just Transition Fund non divenga la stampella per far proseguire ancora di qualche mese l'agonia dell'ILVA. Gli aiuti di stato sono vietati dal Trattato di Funzionamento dell'UE.
    23 luglio 2020 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • I terrapiattisti dell'ILVA
    Editoriale
    Come è recuperabile se perde cento milioni di euro al mese?

    I terrapiattisti dell'ILVA

    Nessuno ci ha mai spiegato come fa ad andare in equilibrio una fabbrica che, producendo meno di 4 milioni di tonnellate all'anno, dovrebbe superare i 7 milioni per raggiungere il pareggio.
    24 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)