Ecodidattica

Il progetto ha come scuola capofila l'IISS Righi di Taranto e diverse scuole hanno inviato manifestazioni di interesse, assieme all'Arpa Puglia e al GAL (Gruppo di Azione Locale Colline Joniche).

Ecodidattica, piano di lavoro dell'anno scolastico 2016-2017

Ecodidattica è un progetto partito nell'anno scolastico 2015-6 in forma di test con diverse attività elencate in questo sito. Da quest'anno scolastico inizia il primo dei tre anni di progetto vero e proprio.
31 agosto 2016

Il progetto è triennale e per ogni anno è prevista la realizzazione di un libro che raccolga i frutti del lavoro svolto.

 

La scansione è così articolata per questo anno scolastico.

Primo anno

  • realizzare ricerche su settori di interesse quali ad esempio:

    • il monitoraggio ambientale realizzabile dai cittadini o con la loro collaborazione (citizen science);

    • l’empowerment sociale e individuale, la cittadinanza attiva, la cittadinanza europea;

    • le esperienze e i modelli di riconversione;

    • le bonifiche ambientali;

    • i marchi di qualità ambientale;

    • l’energetica;

    • la mobilità sostenibile e la diffusione dei motori elettrici.

  • condividere nella scuola (fra gli studenti e i docenti) le opportunità della green economy e la conoscenza dei green jobs allo scopo di innovare l’offerta formativa dell’Istituto e di aggiornare/riconvertire i profili professionali;

  • estendere ad un primo nucleo di scuole la vision del progetto;

  • acquisire la disponibilità dell’Arpa Puglia e di agli enti tecnico-scientifici a collaborare;

  • acquisire la collaborazione delle associazioni sul territorio (ad es. PeaceLink, ISDE medici per l’ambiente, Studenti per l’Ambiente, ecc.);

  • acquisire la collaborazioni di start-up con comprovata esperienza rispetto agli obiettivi del progetto;

  • prendere contatto con il Commissario Straordinario per le bonifiche per definire un programma educativo e formativo;

  • raccogliere dati ambientali relativi al territorio, elaborarli in forma di open data e divulgarli costruendo ecocompetenze sia nel campo scientifico sia nel campo della cittadinanza attiva;

  • esplorare la cosiddetta “citizen science”, ossia una scienza che non abbia solo finalità tecnico-professionali ma anche civiche e partecipative;

  • sviluppare competenze digitali e laboratoriali con software cooperativi;

  • monitorare con apposita strumentazione per l’analisi dell’inquinamento da IPA, sviluppando competenze relative alla definizione e verifica di ipotesi (metodo sperimentale);

  • sviluppare competenze atte al monitoraggio del monossido di carbonio e di altri inquinanti nell’espirato al fine di promuovere l’educazione alla salute connessa all’educazione ambientale;

  • sviluppare competenze linguistiche quali la traduzione di testi dall’inglese e la realizzazione di libri cartacei e online (ad esempio la traduzione in italiano del European Passport to Active Citizenship (EPTAC);

  • collegarsi alle esperienze di life long learning (educazione degli adulti);

  • scrivere un libro delle esperienze del primo anno.

Articoli correlati

  • La rete di scuole di Ecodidattica
    Ecodidattica
    Le scuole aderenti al 1/9/2019

    La rete di scuole di Ecodidattica

    La mappa georeferenziata e l'archivio dei contatti
  • Futuro sostenibile, il corso di Ecodidattica
    Ecodidattica
    Valutazione della qualità del corso

    Futuro sostenibile, il corso di Ecodidattica

    Si è concluso il corso di formazione docenti. Qui riportiamo alcuni Padlet realizzati dai corsisti. I Padlet sono bacheche digitali facili su cui i corsisti hanno lavorato in maniera laboratoriale e condivisa.
    28 ottobre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Lorenzo Tomatis
    Ecodidattica
    I libri e la vita

    Lorenzo Tomatis

    E' uno scienziato che si è battuto contro il cancro studiando le cause ambientali e professionali. Promuovendo la prevenzione primaria è entrato in conflitto con i poteri forti delle grandi industrie che percepivano il suo lavoro come pericoloso per i loro profitti.
    28 ottobre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Il ministro della Pubblica Istruzione invita la scuola ad occuparsi dei cambiamenti climatici
    Ecodidattica
    Creata pagina web e indirizzo di posta elettonica per segnalare le iniziative

    Il ministro della Pubblica Istruzione invita la scuola ad occuparsi dei cambiamenti climatici

    Si vogliono così sollecitare momenti condivisi con gli studenti in occasione della settimana di mobilitazione globale per l’ambiente e il contrasto al cambiamento climatico, che si concluderà il prossimo 27 settembre
    21 settembre 2019 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)