Ecodidattica

Accordo fra MIUR e Minambiente

Nasce la “Carta sull’Educazione Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile”

La rete Ecodidattica si collega alle iniziative nazionali in corso, fra queste gli Stati Generali dell'Ambiente che si sono riuniti a Roma il 22 e 23 novembre 2016. E' la seconda conferenza nazionale sull'educazione ambientale (la prima si era svolta a Genova sedici anni fa).

Stati Generali dell'Ambiente del 22 e 23 novembre 2016

Ecco i 12 tavoli degli Stati Generali dell'Ambiente:

1 BIODIVERSITA’ AREE NATURALI PROTETTE, SERVIZI ECO SISTEMICI E SVILUPPO DEL TERRITORIO

2 AGENDA 2030 EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE, MODELLI INNOVATIVI DI IMPRESA E DI CONSUMO

3 MOBILITA’ SOSTENIBILE NUOVA CULTURA DELLA MOBILITÀ, GOVERNANCE, INFORMAZIONE, SICUREZZA E BENEFICI AMBIENTALI

4 SOCIETA’ CIVILE MODELLI EDUCATIVI FORMALI, NON FORMALI E INFORMALI: STRUMENTI DI INTEGRAZIONE

5 DIGITALE E COMUNICAZIONE DAI NATIVI DIGITALI AI NATIVI AMBIENTALI, COME SARA’ POSSIBILE? CONTENUTI, LINGUAGGI, FORMAT

6 AMBIENTE E SALUTE EDUCAZIONE, AMBIENTE E SALUTE. LA NECESSITA DI UN APPROCCIO SISTEMICO: QUALI OSTACOLI E QUALI VANTAGGI

7 ECONOMIA CIRCOLARE STRATEGIE PER EDUCARE IL PRODUTTORE E IL CONSUMATORE AL NUOVO MODELLO

8 TURISMO SOSTENIBILE AMBIENTE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE PAESAGGISTICHE

9 LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO STRATEGIE EDUCATIVE VINCENTI PER I CAMBIAMENTI CLIMATICI

10 CITTA’ CAMBIAMENTI CLIMATICI, MITIGAZIONE E ADATTAMENTO IN AREE URBANE COME FORMARE UNA COMUNITA’ RESILIENTE

11 GESTIONE DELLE RISORSE NATURALI TUTELA E GESTIONE DELLE ACQUE, DIFESA DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO E GESTIONE DEL RISCHIO ALLUVIONI

12 SPRECO ALIMENTARE AGRICOLTURA SOSTENIBILE EDUCAZIONE ALLA CORRETTA

Roma – Si e’ conclusa con la firma della “Carta sull’Educazione Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile” la seconda conferenza nazionale sull’Educazione ambientale. Oggi al MAXXI di Roma hanno siglato il documento il ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca Stefania Giannini e il suo omologo all’Ambiente e alla Tutela del Territorio e del Mare, Gianluca Galletti. Ecco un estratto del testo della Carta consegnata e firmata dai due ministri, esito dei dodici tavoli di lavoro della due giorni a cui hanno partecipato esponenti delle istituzioni, della societa’ Civile, del mondo della comunicazione, della ricerca e degli operatori ambientali e degli enti gestori delle Aree Naturali Protette e dei rappresentanti dei settori economici.

“Noi crediamo che l’educazione abbia lo scopo di:

Recuperare il rapporto con l’ambiente – inteso come valore e spazio di vita- e con le risorse e le diversita’, naturali e socio-culturali del territorio, quali elementi di prosperita’ e benessere;

Comprendere la complessita’ e interdipendenza delle sfide globali che caratterizzano la nostra epoca, acquisendo la consapevolezza che attraverso l’azione, anche quotidiana, e l’impegno comune si puo’ promuovere la transizione verso una societa’ piu’ sostenibile;

Stimolare scelte consapevoli nella vita quotidiana (dall’alimentazione al turismo, dall’uso dell’energia a quello dell’acquaà), che tengano conto delle ripercussioni delle scelte responsabili sui diversi aspetti della sostenibilita’, dello stretto legame tra fattori ambientali e cambiamenti sociali;

Riscoprire il “senso del limite” e affrontare i limiti e i vincoli come ‘risorse’ intorno alle quali far fiorire e crescere le proposte di cambiamento, creative, innovative e non convenzionali: nuove tecnologie, nuove modalita’ di impresa e di mercato, nuovi strumenti di partecipazione;

Imparare a valutare criticamente le informazioni e i comportamenti, e dunque ad apprezzare le esperienze virtuose provenienti da istituzioni, imprese, cittadini”.

E' la seconda conferenza nazionale sull'educazione ambientale tenutasi in Italia (la prima si era svolta a Genova sedici anni fa).

I firmatari della “Carta sull’Educazione Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile” si impegnano a: Agenda ONU 2030

Creare un momento di confronto permanente con la comunita’ scientifica, la societa’ civile il mondo produttivo ed economico le Istituzioni in cui periodicamente sono discussi ed eventualmente ridefiniti gli obiettivi e le strategie per l’educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile monitorandone lo stato d’attuazione.

Attuare nell’ambito della programmazione 2014 – 2020 del PON Scuola nonche’ nella Strategia Nazionale sullo Sviluppo Sostenibile in attuazione dell’Agenda 2030 strategie e progetti che realizzino efficacemente gli obiettivi, le metodologie e le azioni individuate nei tavoli tematici della Conferenza Nazionale sull’Educazione Ambientale.

Creare una piattaforma che possa favorire lo scambio e la condivisione di esperienze, al fine di consentire la replicabilita’ e dare risonanza a esempi e buone pratiche educative al fine di rilanciare un sistema nazionale per l’educazione alla sostenibilita’”.

 

Altre info

Le informazioni ufficiali sono sul sito del Ministero dell'Ambiente.

Sono previsti venti milioni di euro per promuovere l'educazione ambientale e la formazione dei formatori.

Articoli correlati

  • Agenda ONU 2030: la pace vive!
    Pace
    Partendo dai grandi padri partigiani e dalle grandi madri costituenti della democrazia

    Agenda ONU 2030: la pace vive!

    Pedagogia della pace, didattica della storia, narrativa della memoria, ecodidattica sono locuzioni di senso e significato che implicano un interesse nei confronti della storia passata, della tutela dei grandi beni comuni della pace, della memoria e dell’ambiente
    9 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Agenda Onu 2030: ripartiamo dalla pace 
    Pace
    Corsi e ricorsi attraversano l’intera storia umana

    Agenda Onu 2030: ripartiamo dalla pace 

    L’essere umano dovrebbe praticare il senso e il sentire di un comune rispetto per ogni forma di vita sul pianeta e di tutela di tutti gli ecosistemi terrestri
    6 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Ecodidattica
    Video

    Il Costa Rica, la biodiversità, lo sviluppo sostenibile e l'energia pulita

  • Le otto competenze chiave di cittadinanza
    Ecodidattica
    Nonviolenza, intercultura e lotta ai pregiudizi sono nella Raccomandazione europea

    Le otto competenze chiave di cittadinanza

    Scarica l'allegato a questa pagina web con l'infografica delle otto competenze chiave trasversali per la scuola. Le competenze di cittadinanza sono state riconosciute come competenze da valutare nell'esame di Stato. Riportiamo stralci dalla recente Raccomandazione europea
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)