Ecodidattica

Cittadinanza attiva e accompagnamento educativo

Lettera per l'adozione morale dell'iniziativa contro l'inquinamento

Il comitato organizzatore della fiaccolata in ricordo delle vittime dell'inquinamento sta invitando le scuole ad adottare moralmente l'iniziativa. Ieri il Collegio dei Docenti dell'IISS Righi, scuola capofila della rete Ecodidattica, ha approvato l'adozione morale dell'iniziativa.
20 febbraio 2020
Questa è la lettera con cui il comitato organizzatore della fiaccolata in ricordo delle vittime dell'inquinamento del 26 febbraio INVITA le scuole ad ADOTTARE MORALMENTE l'iniziativa per i suoi fini educativi.
"Taranto resisti". Fiaccolata del 26 febbraio a Taranto per ricordare le vittime dell'inquinamento. Partenza ore 17 da piazza Immacolata
---
Ai  Dirigenti scolastici
Istituti della provincia di Taranto
SEDE
Taranto, 27/01/2020
OGGETTO: Verso la ‘Fiaccolata per le vittime dell’inquinamento’: iniziativa a Taranto.
Le sottoscritte associazioni tarantine e non, in qualità di organizzatrici dell’evento “Fiaccolata per le vittime dell’inquinamento”,
C H I E D O N O
l’“adozione morale” dell’iniziativa in oggetto, nonché la sua diffusione presso gli studenti del Suo Istituto, con le forme che la S.V. riterrà più opportune.
L’evento, giunto alla sua seconda edizione, si svolgerà, il prossimo 26 febbraio, a partire dalle ore 17.00, con ritrovo in Piazza Maria Immacolata e arrivo in Piazza Garibaldi, ove inizierà un sit in diviso in tre momenti differenti e suggestivi. Un primo momento di raccoglimento, seguito dal secondo che si propone lo scopo di sensibilizzare la società civile sull’impatto delle malattie ambiente-correlate, a Taranto e negli altri 44 Siti Italiani di Interesse Nazionale, nei quali è rilevante il tasso di incidenza di patologie legate all’inquinamento industriale, soprattutto tra i più giovani. Il momento finale è dedicato ai giovani, al futuro e alla speranza. Per questo le associazioni organizzatrici desidererebbero coinvolgere gli studenti del Suo Istituto, in maniera del tutto volontaria, nella realizzazione di lavori (pensieri, componimenti poetici, disegni ed altre forme di comunicazione) che verrebbero da loro stessi presentati ai partecipanti, nell’ultima parte del sit in. A tale scopo, sarebbe di estrema importanza un Suo personale comunicato che porti all’attenzione del personale insegnante e degli studenti questo punto.
Le quattro tracce individuate, tra le quali gli studenti possono scegliere, sono:
1 – Vorrei Taranto così...;
2 – Amo Taranto perché...;
3 – Resto a Taranto perché...;
4 – Il mio impegno per Taranto è...

Articoli correlati

  • Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto
    Processo Ilva
    Taranto da ascoltare

    Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto

    Ascoltiamola questa città, seria, coraggiosa e competente, sempre più equilibrata di chi ha spacciato per razionale l'intollerabile (interviste di "RadioVera" del 4 giugno)
    6 giugno 2021 - Lidia Giannotti
  • "La nuvola di smog"
    Cultura
    Commento di alcuni brani tratti dal racconto di Italo Calvino del 1958

    "La nuvola di smog"

    Una impietosa descrizione della polvere, frutto di una città industriale dominata da una fabbrica di ghisa. Il protagonista è un giornalista che arriva in città e che non riesce ad adattarsi alla polverosità della sua stanza, presa in affitto, e del suo ufficio.
    20 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • L'Agenda ONU 2030 nella nostra scuola
    Ecodidattica
    Educazione civica

    L'Agenda ONU 2030 nella nostra scuola

    Quest'anno ho trattato responsabilità sociale d'impresa e finanza etica. Condivido qui il lavoro di Francine, una ragazza di origini asiatiche. Mi ha emozionato la delicatezza e la forza dei pensieri.
    20 maggio 2021 - Alessandra Mastrorilli
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)