Ecodidattica

Tutto è sempre più smart, e noi?

Smart city: cos'è

Cittadini e cittadine smart per una smart city
6 marzo 2020

Sono almeno tre anni che ho scoperto Masdar City, “città sorgente” (questo significa il suo nome) a zero emissioni e zero rifiuti costruita dal nulla ad Abu Dhabi, nella penisola arabica.

Che sia geografia o storia, ne parlo alle mie classi perchè Masdar è una smart city: partiamo riflettendo, per esempio, sul perché il cellulare ora è uno smartphone, dopo aver effettuato un brainstorming  sul cosa e come si vorrebbero svolgere le attività scolastiche (e naturalmente tablet e telefonini sono gli strumenti più richiesti!), e seguendo un mio schema guida procediamo lavorando in gruppi, sia in classe sia a casa, su come essere “intelligenti” e appunto “smart” nelle nostre abitazioni e nel nostro piccolo paese, ma pure in qualsiasi altra realtà, anche attraverso la raccolta differenziata e l’economia circolare, la mobilità e gli acquisti sostenibili, il risparmio idrico ed energetico più in generale. La sorpresa è tanta, anche perché pare stridente che il Paese arricchitosi smodatamente col petrolio abbia progettato una città sostenibile che di petrolio e combustibii fossili ne può fare a meno.  

Ma ancora di più ci deve portare a riflettere. Grafico smart city

E anche doppiamente... sì, perchè attualmente Masdar sembra abbandonata: probabilmente non basta innovare introducendo tutte le tecnologie green e smart possibili - dalle auto a guida automatica ai sensori per regolare la produzione di energia ai desalinizzatori - così come  non è sufficiente nemmeno possedere cospicui finanziamenti ai quali fanno seguito i prevedibili profitti grazie all’arrivo di abitanti, aziende e poi anche numerosi turisti.

Per realizzare una città non basta un progetto, se questo corrisponde a una realtà chiusa in se stessa o se corrisponde, ritornando a noi,  a menti chiuse di cittadini e cittadine poco ‘smart’ anche nell’andare oltre quello che viene percepito come l’esclusivo proprio immediato interesse e raggiunto benessere molto spesso soltanto economico: il futuro dei/lle nostri/e figli/e non solo è nostro interesse ma è anche questione di essere e fare per il bene internazionale e la qualità della vita di tutti e di tutte.

E in questi giorni dovremmo averne preso maggiormente coscienza: mi riferisco in particolare all'importanza della connettività e dell'uso adeguato e intelligente della tecnologia in ciò che di colpo sono diventati DaD, didattica a distanza, e smart working, o lavoro agile. Si può minimamente pensare, dati i benefici legati, per esempio, al risparmio di tempo e di carburante, di ritornare indietro alla cosiddetta normalità? Anche perchè non è alla normalità che dobbiamo ritornare ma al benessere!

 

 

Note: Masdar City da "Scala Mercalli"
https://www.youtube.com/watch?v=Uo9UDHtVGo4

Per ridere un po' sullo smart worker
https://www.youtube.com/watch?v=3lgmvS_bCyE

Allegati

Articoli correlati

  • Friburgo, i sette impatti della Green City
    Ecologia
    E' in Germania, ha 220 mila abitanti e ha creato 13 mila posti di lavoro nella green economy

    Friburgo, i sette impatti della Green City

    Non e' una citta' ma una esperienza di anticipazione del futuro; nel tempo indicativo esiste il 'futuro anteriore' e Friburgo e' qualcosa che viene prima del futuro. Questi sono i primi sette impatti che Friburgo ha avuto su di me
    20 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Dalla smart city alla smart house
    Ecodidattica
    Ecodidattica, incontro con l’ing. Alessandro Cannavale all'IISS Righi di Taranto

    Dalla smart city alla smart house

    L'incontro, intitolato "Green economy: verso la casa zero energy", ha toccato diverse tematiche come: le smart city, le smart grid, i dispositivi innovativi per le case zero energy, il fotovoltaico di nuova generazione e i materiali cromogenici.
    24 febbraio 2017 - Gianmarco Benegiano
  • Rai Tre cancella 'Scala Mercalli': «Trattavamo argomenti scomodi per il Governo»
    MediaWatch
    Intervista a Luca Mercalli

    Rai Tre cancella 'Scala Mercalli': «Trattavamo argomenti scomodi per il Governo»

    L'ecologia scomoda. Chiude il programma che il sabato sera faceva un milione di spettatori parlando di ambiente. E' stata lanciata una petizione per chiederne la riapertura.
    11 agosto 2016 - Daniele Castellani Perelli
  • Il Dizionario della Smart City
    Ecologia

    Il Dizionario della Smart City

    La rivoluzione intelligente delle città dalla A alla Z
    7 agosto 2015 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)