Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci
    Basilicata

    Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci

    Il tuo 5x1000 per Cova Contro
    27 aprile 2018 - Cova Contro
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
Prato verde?:si parla bene ma si razzola male

La Sogin e il decommissioning nucleare della Trisaia

22 maggio 2005 - map noscorie trisaia (movimento antinucleare pacifista)

Abbiamo partecipato come movimento Noscorie Trisaia al convegno sulla “disattivazione dell’impianto ITREC” organizzato il 18/05/2005 dalla Sogin spa e dal comune di Rotondella.

Buona l’organizzazione dell’incontro, con slide e materiale cartaceo ma molto deludenti le conclusioni del convegno a cui era presente lo stato maggiore Sogin, gli amministratori e una gran folla di cittadini.
Attraverso vari interventi si è parlato del ruolo di Sogin, della sistemazione del combustile irraggiato, delle barre di Elk River, della messa in sicurezza di alcuni rifiuti esistenti e della condotta a mare, ma non certamente della disattivazione del “gioiellino tecnologico” rappresentato dall’impianto di riprocessamento ITREC del ciclo Uranio Torio così come prevedeva il convegno.
Jean e la Sogin ci hanno sempre ripetuto che quest’impianto non interessa a nessuno.

In Russia ed in America sono tuttora in corso studi e ricerche sul ciclo uranio-torio, per la fabbricazione di combustibile nucleare per alimentare le centrali. Sogin è al tempo stesso partner e società appaltatrice in Russia del decommissioning di sommergibili nucleari, fabbriche di armi chimiche ed ha accordi con diverse società europee per il riprocessamento del combustibile, così come gli permette l’ultimo decreto Marzano, in feeling con le società elettriche che hanno acquistato quote di centrali nucleari in Slovacchia. Dalle relazioni scientifiche Sogin del convegno emerge che il torio è abbondante in natura (contrariamente all’uranio che avrebbe scorte limitate).
Alla domanda che fine farà l’ITREC della Trisaia di Rotondella, la Sogin risponde che sarà smantellato, ma s’ignorano al momento quali siano i progetti di smantellamento tra l’altro non illustrati affatto a Rotondella, nonostante il convegno. Gli impianti di riprocessamento sono un grave pericolo per le comunità più delle centrali nucleari.

I cittadini inglesi di Sellafield, dove esiste un impianto di riprocessamento del ciclo uranio plutonio, per dimostrare all’Italia (ed all’Inghilterra) il grado di pericolosità e di inquinamento del loro territorio hanno guarnito una pizza con le alghe del fiume Esk in West Cumbria e, dopo averla mandata in laboratorio per le analisi, l’hanno consegnata all’ambasciata Italiana a Londra. L’analisi del materiale, condotta dall’Università di Manchester, ha dimostrato che le alghe di Sellafield possono essere classificate come rifiuti di I categoria (esattamente come quelli conservati in bidoni sigillati presso il centro della Trisaia).

I continui omissis in commissione parlamentare d’inchiesta sui rifiuti quando si parla di Trisaia (non ultima quella del 10/03/2005) alimentano le nostre perplessità e rafforzano invece le nostre convinzioni sulle vere intenzioni di non smantellare il Centro Itrec della Trisaia.
Abbiamo purtroppo avuto un passato incerto, caratterizzato da scarsa attenzione per la salute e molti incidenti nucleari, ma anche il presente ci appare poco trasparente.

Si inizia a parlare solo ora di monitoraggio ambientale, piano di emergenza nucleare, tutela della salute dei cittadini, danni economici al territorio e perdite di posti di lavoro nell’agricoltura e nel turismo. Ma alle parole seguiranno i fatti?
Ci auguriamo un decommissioning sicuro delle fosse e della condotta scarico a mare, che non nuoccia all’ambiente e alla popolazione, visto che attraverso l’aria, l’acqua, le polveri, il cibo, il nostro territorio corre seri pericoli di contaminazione a causa della radioattività che si sprigionerà con le attività di messa in sicurezza.
Chiediamo trasparenza sui segreti e omissis di Trisaia agli attuali dirigenti Sogin del centro della Trisaia, tra un passato Enea non chiaro ed un presente Sogin da chiarire.
In attesa che altri enti preposti al controllo svolgano al meglio il proprio lavoro, chiediamo alla Sogin di pubblicare tutti i dati del monitoraggio ambientale svolto dai propri laboratori, dati che, attraverso idonea comunicazione, potrebbero essere comprensibili a chiunque, anche coinvolgendo l’ottimo Istituto Professionale Chimico presente a Rotondella.

Continuiamo a chiedere con forza che le barre di Elk River tornino ai legittimi proprietari negli Stati Uniti e, dalla Trisaia e dalla Casaccia dove si trovano oggi, siano portate oltre oceano, senza sostare chissà per quanto tempo ancora in Trisaia come vogliono fare gli amministratori della Sogin, visto che con cadenze mensili paghiamo in bolletta tutti questi costi accessori e che un altro contenitore di barre per casaccia non graverebbe sui bilanci Sogin. Non è possibile parlare di “prato verde” se la Sogin non dice fino in fondo cosa intende fare con l’impianto ITREC e con le barre di Elk River.

Ai lucani serve invece un vero prato verde decontaminato in Trisaia, per avviare nei laboratori di ricerca del centro Enea nuove facoltà universitarie per una cultura di sviluppo della fascia jonica e del sud verso i popoli del mediterraneo. Prima accade tutto questo, meglio è per tutti.

Note:

Movimento Antinucleare Pacifista NOSCORIE TRISAIA
Email nonucleare@email.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)