Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Onu

2006 Anno Internazionale dei Deserti e della Desertificazione

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Giornata Mondiale per combattere la Desertificazione e la Siccità
17 giugno 2005
Kofi Annan

La desertificazione reppresenta uno dei processi più allarmanti di degrado ambientale che minaccia la salute e le condizioni di vita di oltre un miliardo di persone. Ogni anno, la desertificazione e la siccità causano una perdita di produzione alimentare del valore di 24 miliardi di dollari. L'importanza e l'urgenza di questo problema hanno fatto si che l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite abbia deciso di proclamare il 2006 Anno Internazionale dei Deserti e della Desertificazione.

Il tema che caratterizza la Giornata Mondiale di quest'anno è “Le donne e la desertificazione”. Nelle aree agricole caratterizzate da carenza di acqua, tra le quali gran parte dell'Africa, sono le donne che per tradizione dedicano le loro energie e il loro tempo alla terra. Nei paesi in via di sviluppo le donne formano quasi il 70 per cento della mano d'opera agricola che produce tra il 60 e l'80 per cento della produzione alimentare totale. Esse producono, gestiscono e commercializzano i prodotti alle famiglie e alle società e lavorano direttamente con le risorse naturali. Sono le donne che, vivendo direttamente il problema del degrado ambientale, hanno acquisito una profonda conoscenza di queste tematiche.

Nonostante il loro impegno e la loro esperienza, le donne che abitano le aree affette da siccità vivono in condizioni di estrema povertà e non hanno il potere di cambiare la loro situazione. La Convenzione delle Nazioni Unite sulla Desertificazione e sulla Siccità sottolinea il ruolo chiave che le donne hanno nell'esecuzione della Convenzione. Le donne sono spesso escluse dalla gestione dei progetti di conservazione e sviluppo della terra e da tutti i processi decisionali relativi, poichè la proprietà ed il poteri in materia rimangono nella maggior parte dei casi in mano alla componente maschile della popolazione.

Qualche segnale di progresso si è manifestato in molti paesi dove le donne stanno cominciando ad avere accesso alla proprietà terriera e ai processi decisionali che ne riguardano la gestione. Oggi gli Stati Membri, in misura sempre maggiore, riconoscono che la mancanza di risorse finanziarie impedisce agli uomini e alle donne di combattere la desertificazione. In questo modo viene risonosciuta alle donne una nuova opportunità per cambiare la loro condizione, la società e l'ambiente stesso.

In questa Giornata Mondiale per combattere la desertificazione e la siccità noi tutti ci impegnamo a concedere più potere alle donne e a renderle partecipi dell'impegno globale per affrontare questa sfida vitale.

Note: COMUNICATO STAMPA
RUNIC/IT/276/05
Bruxelles, Martedì 14 Giugno 2005

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Messico: dilagano i casi di femminicidio
    Latina
    In tutto il paese le donne hanno marciato per chiedere la fine dell’impunità

    Messico: dilagano i casi di femminicidio

    Attualmente sono oltre 24.600 le denunce relative alla sparizione di donne, gran parte delle quali tra i 12 e i 19 anni
    9 maggio 2022 - David Lifodi
  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)