Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Cvm e Pvc appannaggio della politica e non più della scienza

Il Tar nega la Via per il cloruro a Marghera

La giustizia è una cosa per ricchi: l'amaro documento firmato dall'associazione "Gabriele Bortolozzo" e dall'ecoistituto del Veneto "Alex Langer"
19 aprile 2011
Associazione Gabriele Bortolozzo/ Ecoistituto del Veneto "Alex Langer"

Marghera

 

E chi dice una cosa differente,

chi si occupa d'altro, scompare.

Non se lo fila nessuno.

Mi dia ascolto:  chi è fuori dal coro, è fuori dal mondo !

Si omologhi anche lei. Fotocopia, Carta carbone

    da “Io cammino in fila indiana”  di Ascanio Celestini


Il TAR con le sue due sentenze sulla chimica del cloro a Marghera ha sposato le scelte dello stato e delle aziende.

 Così sull'aumento produttivo del cancerogeno dicloroetano (DCE) da 100 a 170 mila tonnellate all'anno non serve la Via , il ministero dice che non cambiano le emissioni, in realtà non cambiano le concentrazioni a camino ad es. i mg/mc di DCE, ma purtroppo cambiano molto, quasi raddoppiano i metri cubi emessi e quindi le quantità di mg di DCE che ricadono sulle nostre teste. Si è scelto di essere deboli coi forti e forti coi deboli, il VIA lasciamolo fare con carte e costi e coinvolgimento della popolazione su un nuovo silos di mais a Ceggia, sull'aumento del 25 % di produzione di mangimi per cani a Portogruaro o su 2 km di strada a Jesolo o su una darsena da 50 posti barca a Cavallino, ma chi produce e sparge cancerogeni lasciamoli lavorare senza disturbarli. Anche se nella nostra provincia abbiamo record nazionali e internazionali di tumori alle vie respiratorie, del fegato, della pelle e delle mammelle, e la gente vede attorno a se esplodere sempre nuovi casi di cancro.

Cosi sul bilanciamento cioè aumento produttivo di CVM e PVC decide il consiglio dei ministri dopo che il ministero ambiente ha bocciato il progetto in commissione VIA e ne viene presentato un altro senza seguire le regole della legge. Ma come ribadisce anche la sentenza del TAR si è tenuto conto soprattutto “delle ripercussioni negative sull’occupazione, con conseguenti forti tensioni sociali, derivanti da una eventuale mancata autorizzazione del progetto di bilanciamento.”

È questo il nodo politico della sentenza , la legge sulla VIA viene superata da volontà politiche e partitiche chiare, che però poi cozzano contro le valutazioni economiche di mercato, perchè potenziare impianti obsoleti del 1970 è finanziariamente un suicidio ; e così non è la tutela dell'ambiente e della salute a fermare questi impianti ma la globalizzazione. Speriamo che vengano rimossi gli impianti e bonificate le aree e su quei terreni trovino posto lavorazioni ecocompatibili che diano ai lavoratori e ai nostri figli lavori sicuri e salubri.

 NON presenteremo ricorso al Consiglio di Stato perchè :

- è troppo costoso per le nostre casse di associazioni di volontariato, la giustizia è una cosa per ricchi

-  crediamo illusorio chiedere che il consiglio di STATO dia torto alle scelte di  chi rappresenta lo stato ( min ambiente e consiglio dei ministri) e dia ragione ad associazioni ambientaliste che chiedono l'applicazione delle leggi

Ringraziamo gli avvocati Marco Giacomini e Silvia Manderino che ci hanno rappresentato impegnandosi senza risparmiare energie.

 La giustizia ingiusta e i giochi del potere  per sottometterla danno anche in questi giorni spettacolo inverecondo e mostrano a quali livelli di stravolgimento delle regole si può arrivare. La mancanza di fiducia nella giustizia porta solo a diventare sudditi- schiavi o a farsi giustizia da soli.

Noi non vogliamo  condividere nessuna delle due strade, continueremo a lottare perchè la gente si ribelli e perchè siano difesi i diritti democratici fondamentali . Terremo conto di tutto e chiederemo conto di tutto.

Articoli correlati

  • "Chiarezza sulla centrale termoelettrica di Taranto"
    Taranto Sociale
    Il consigliere regionale Francesco Laddomada presenta un'interrogazione al Presidente della giunta regionale e all'assessore all'Ambiente

    "Chiarezza sulla centrale termoelettrica di Taranto"

    5 ottobre 2010
  • L'Abruzzo ha ancora un futuro?
    PeaceLink Abruzzo

    L'Abruzzo ha ancora un futuro?

    Il TAR respinge tutti i ricorsi e dichiara inapplicabile la legge regionale della primavera scorsa che bloccava le costruzioni sulla costa. Una sentenza che va oltre ogni possibile scenario prevedibile. Il tribunale amministrativo ha spazzato via tutte le possibilità attuali per fermare la costruzione dell'impianto ENI.
    23 settembre 2008 - Alessio Di Florio
  • Il Tar dà ragione all'Ilva: niente bonifica obbligatoria
    Taranto Sociale

    Il Tar dà ragione all'Ilva: niente bonifica obbligatoria

    Ilva e Sanac hanno ottenuto l'annullamento delle prescrizioni decise dalla Conferenza di Servizi, tenuta presso il Ministero dell'Ambiente che stabilivano misure per la bonifica dei dieci chilometri quadrati dell'area del siderurgico
    20 giugno 2008 - Nazareno Dinoi
  • Ricorso respinto, l'accordo di programma ha il via libera dal Tar
    Taranto Sociale

    Ricorso respinto, l'accordo di programma ha il via libera dal Tar

    Il Tar di Lecce stoppa gli ambientalisti del comitato «Taranto Futura», rigetta la loro richiesta di sospensiva. Ora rientrerà lo scontro tra Ilva e Regione? «Taranto Futura» aveva chiesto la sospensiva per l’intesa firmata l’11 aprile scorso a Bari, alla Regione Puglia, parlando di irregolarità. I giudici: l’accordo sull’Aia indica solo la procedura da seguire, non determina danni immediati. Il verdetto: l’accordo di programma sull’Autorizzazione Integrata Ambientale può contribuire al miglioramento delle condizioni di inquinamento
    5 giugno 2008 - Domenico Palmiotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)