Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Crisi Ilva, Dioxin Free

    Peacelink al consiglio comunale di Laterza 06.11.12

    Crisi Ilva. Il Consiglio comunale di Laterza chiede un Tavolo per lo sviluppo sostenibile e fa proprio il marchio "Dioxin Free"
    7 novembre 2012 - Luciano Manna
    Fonte: peacelink.it

    Peacelink è stata convocata al Consiglio comunale di Laterza in provincia di Taranto insieme ad altre associazioni, all’Assessore all’Ambiente della provincia di Taranto e ad altri politici. All’ordine del giorno la questione ILVA di Taranto. Il consiglio comunale ha voluto ascoltare le posizioni degli esterni invitati prima di votare una delibera.
    Alessandro Marescotti per Peacelink ha proposto in sintesi le principali critiche all’AIA approvata di recente:

    a) la procedura ha subito una brusca accelerazione prima che i dati epidemeliogici dello studio S.E.N.T.I.E.R.I.
    b) l’AIA non è completa in quanto ha rimandato la disamina della gestione delle acque e dei rifiuti ad un altro procedimento
    c) le BAT, best available tecnologies non sono richieste fino in fondo.

    un momento del consiglio comunale di Laterza con la partecipazione di Peacelink

     E’ passato a ricordare che l’impianto ha molti anni di vita e che i lavoratori sono quasi tutti giovani, i quaranta anni di vita; ciò rende necessario pensare al loro futuro a prescindere dalla siderurgia. Il direttore regionale dell’ARPA, Giorgio Assennato, l’ha sottolineato in un convegno a Taranto svoltosi il 5 novembre. Le proposte di Peacelink sono state:
    1) chiedere un tavolo per definire un nuovo modello economico sostenibile per Taranto
    2) attivare attività di certificazione degli alimenti tipici locali e di informazione corretta dei consumatori, con il supporto degli enti preposti alla sicurezza alimentare. Ad esempio, valorizzare la tipicità, l’eccellenza e la sicurezza alimentare della dieta mediterranea e, in modo specifico, dei prodotti locali come il pane di Laterza può dare anche un riscontro economico significativo. A questo scopo può essere utile il riconoscimento del marchio dioxin free inserito in una proposta di legge predisposta per il Senato dei ragazzi, un’iniziativa per il centocinquantesimo anno dall’unità di Italia
    3) Stabilire una corsia d’emergenza per la comunità tarantina e programmi mirati di prevenzione e diagnosi precoce, al fine di ridurre i tempi di attesa per esami e cure.
    Biagio De Marzo per Altamarea ha ribadito le critiche già espresse nei confronti dell’AIA e ricordato che lo stabilimento è un condannato a morte che viene assoggettato ad una sorta di accanimento terapeutico con vantaggi che vanno solo all’azienda e non certo al territorio. Se si riconosce che questo è vero, diventa facile comprendere che è nell’interesse di tutti cercare soluzioni alternative nella direzione di nuove tecnologie per la siderurgia unitamente ad altri settori economici.
    Il consigliere regionale Mazza ha dichiarato che in base ai dati sulla salute l’ILVA dovrebbe essere chiusa senza discussioni per quanto sono gravi i dati stessi. Lavorare sulle alternative è dunque l’unica opzione esistente. E’ urgente e inderogabile lavorare per migliorare le strutture di prevenzione e cura in provincia di Taranto.

    L’assessore Mancarelli ha sostenuto che l’AIA ha imposto all’ILVA prescrizioni del tutto sconosciute prima e che è il frutto di numerosi suggerimenti degli enti locali. Inoltre la provincia intende costituire una consulta delle associazioni ambientaliste per la predisposizione dell’AIA relativa ai rifiuti e alle acque.

    Maresotti al consiglio comunale di Laterza

     Il consiglio comunale ha infine deliberato i seguenti punti:
    di aderire ad ogni iniziativa istituzionale per la ricerca di soluzioni che coniughino il diritto alla salute e la tutela dell’ambiente con il diritto al lavoro;
    di ritenere inderogabile il rispetto da parte dell’ILVA delle prescrizioni contenute nell’AIA e in particolare le BAT, la riduzione delle emissioni inquinanti e la bonifica dei siti inquinati;
    di sensibilizzare gli organi istituzionali preposti per attivare un tavolo per lo sviluppo sostenibile e per la definizione per un marchio di qualità “dioxin free” anche attraverso l’approvazione dell’apposito disegno di legge;
    di avanzare formalmente richiesta alla Regione Puglia per una “corsia di emergenza sanitaria”;
    di esprimere piena solidarietà ai lavoratori ILVA di Taranto;
    di trasmettere copia al Ministero per l’ambiente e per la tutela del territorio e del mare e al Ministero della Salute, alla Regione Puglia, alla Provincia di Taranto e ai comuni del tarantino.

     

    Per PeaceLink Dott.ssa Fulvia Gravame

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)