Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Clini e Mellone sull'ILVA, tra palco e realtà

    L'ex ministro e lo scrittore intervengono all'università di Tor Vergata, facoltà di economia, in un incontro dibattito sull'Ilva di Taranto
    17 maggio 2013 - Luciano Manna
    Fonte: peacelink.it

    la sala della facoltà di economia che ha ospitato l'incontro

    Prima che qualcosa abbia inizio basta osservare e guardarsi intorno per capire quello che sta per succedere, ed entrando nell'aula vuota, dove si terrà l'incontro, si nota subito che qualcosa che non va. Sarà la voglia dell'estate e la voglia di andare in vacanza degli organizzatori dell'evento che accanto alla targhetta di Clini si legge "Melloni" e subito ti assalgono dubbi e le perplessità su quanto si possa argomentare sull'Ilva di Taranto in un incontro moderato da Gustavo Piga, e dove intervengono Alessandro Langiu, scrittore e autore teatrale, Angelo Mellone, giornalista e scrittore, e Corrado Clini, direttore generale del ministero dell'ambiente ed ex ministro dello stesso ministero.

    L'errore sulla targhetta è solo un segnale di allarme, in realtà si nota immediatamente che tra coloro che intervengono non c'è nessuno che vive a Taranto, non c'è nessuno che nella stessa città ci lavora e non è invitata a dare testimonianza nessuna associazione locale.

    Parte Piga ed inciampa subito dicendo che su twitter qualcuno ha accusato l'incontro "di essere farlocco", ora, un barbone con i capelli lunghi nato più di duemila anni fà avrebbe subito risposto "tu l'hai detto". Per quanto il moderatore e le sue elogiate collaboratrici abbiano lavorato per organizzare questo evento resta palese l'assenza dei tarantini attualmente "operanti a taranto", magari un operaio, nulla, la presenza tarantina è affidata a due scrittori nati a Taranto ma che non vivono la città e non hanno vissuto cambiamenti sociali recenti che sono passati per le strade e per le piazze.

    Espresso il dubbio passiamo a quanto detto nell'incontro, per evitare malintesi ed interpretazioni proponiamo le versioni integrali dei due interventi, quello dell'ex ministro Clini e dopo quello di Mellone.

    Data la lunghezza dei discorsi e l'audio non ottimale della sala conferenza riportiamo qui sotto alcuni stralci di quanto dichiarato in merito alla questione Ilva e dopo i due file audio, queste parole trascritte meritano molta attenzione da parte di chi le legge.

    Corrado Clini

    Corrado Clini

    "Questa emergenza dei tumori della pleura dipende da un rischio che è presente oggi? No! Dipende dalla storia dell’inquinamento industriale e dell’inquinamento del territorio di Taranto.

    Queste malattie che sono state contratte allora non sono delle influenze, sono delle malattie croniche, degenerative che hanno un tempo di incubazione di 20, 30 anni e immaginare che invece siano il risultato di una situazione attuale è proprio sbagliato da un punto di vista tecnico ma è sbagliato da un punto di vista di valutazione dei rischi perché oggi non c’è più quel problema, l’amianto è stato messo fuori legge ala fine degli anni ‘80.

    La stessa cosa vale per le problematiche legate alla contaminazione del suolo soprattutto da pcb e da diossine, che sono state emesse in una quantità spaventosa da quegli impianti industriali, sino a qualche anno fa.

     

    L’ilva è un centro siderurgico di interesse pubblico
    Ha consolidato nel corso dei decenni una rete di relazioni con tutta la struttura sociale del territorio, oggi leggo sui giornali, finalmente fatta luce sulle connivenze, posso dirvi, è una cretinata, il problema non è questo, il problema è che era fisiologico che il comune, la provincia, regione, le organizzazioni sindacali, la chiesa, tutti avessero avuto un collegamento in qualche modo con questa grande struttura industriale, vuoi perché bisognava far assumere delle persone, vuoi perché bisognava far lavorare le imprese del territorio, quelle dei trasporti e quelli delle pulizie, vuoi perché c’era bisogno di investimenti per attività esterne di interesse comune è esattamente quello che è avvenuto in tutte le realtà industriali italiane delle partecipazioni statali."

    L'ex ministro continua a parlare di AIA, prodotti finiti sequestrati e controlli arpa, per tanto è bene seguire con attenzione il file audio

     

    Angelo Mellone

    Angelo Mellone

    "Anche chi si immagina un futuro non pervenibile per Taranto si inventa anche un passato mai esistito, Taranto era una città, un’isola fortificata di 18mila abitanti di cui 800 vivevano nei conventi e nei palazzi nobiliari e gli altri 17mila abitavano in case malsane, in quello che adesso è lo splendido centro storico, prima era un posto dove più della metà della popolazione era affetta da tifo, tubercolosi, colera, tisi, sifilide, dove c’era una densità di abitanti anche anche di 9 persone per stanza calcolando stanze di 3x4 perché c’era gente che viveva ammassata peggio delle galline nei pollai.

    Taranto era questa, era una città povera, malsana, di gente mal nutrita dove non c’era un liceo, dove non c’era una biblioteca, dove non c’era una sega di niente, questa è Taranto

    Mi fa sorridere ed essere piuttosto perplesso quando, anche in buona fede, mi si viene a prospettare l’ipotesi di Taranto città d’arte, Alessandro che come me ha viaggiato sa che basta arrivare a Martina franca o a lecce per capire la differenza tra Taranto e una città d’arte.

    Taranto è una città carina, che, puoi fare delle cose, insomma è una città che è diventata tale, è diventata più provincia di lecce e terra d’otranto perché prima è diventata una citta di proprietà della marina militare e dell’industria di guerra"

     

    Sono costretto ad aggiungere una nota all'articolo, Angelo Mellone su twitter mi accusa "complimenti - mi dicono - per come hai manipolato, tagliandolo, il mio ragionamento. Buona vita"

    screenshot del twitt di Mellone


    Ho risposto a Mellone e l'ho invitato a trovare un'altra registrazione, c'era chi filmava in sala, e confrontare l'audio, e dopo aver appurato che non ci sono tagli magari chiedere scusa.

    Si ribadisce che l'audio di Clini e Mellone non hanno tagli e sono integrali.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)