Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Ilva/Terra dei fuochi - Battaglia e Frassoni: nuovo decreto viola norme UE, la commissione vada avanti con la procedura di infrazione

    Verdi europei chiedono incontro urgente con Potocnik
    13 febbraio 2014 - Redazione Peacelink

    commissione europea Antonia Battaglia, membro-attivista di Peacelink e Monica Frassoni, Copresidente del Partito Verde Europeo e tra i promotori di Green Italia, con gli eurodeputati Raul Romeva e Margrete Auken chiedono un incontro urgente al Commissario Potocnik sul caso ILVA, dopo l’adozione della Legge ILVA/TerradeiFuochi. L’eurodeputato dei Verdi Raul Romeva ha, inoltre, presentato un’interrogazione urgente alla Commissione Ue.

    La Legge n.6 ILVA/TerradeiFuochi, appena approvata, determina una violazione chiara della direttiva IPCC perché sancisce che l’ILVA potrà continuare a produrre realizzando solo l’80% delle prescrizioni dell’AIA, Autorizzazione Integrata Ambientale, (articolo 7, comma d) e la scelta di quali siano le prescrizioni da escludere sarà della struttura di commissariamento ILVA.

    Nel 20% delle prescrizioni che non saranno attuate potrebbero dunque esserci anche quelle più importanti ed urgenti ai fini della protezione ambientale e sanitaria della popolazione, come la copertura dei parchi minerali e la riduzione delle emissioni dalla cokeria. Ancora una volta, non c’è nessuna garanzia di azione concreta. “Il sistematico non rispetto dell’AIA, documentato fino ad ora dalle relazioni di IPSRA, viene aggravato da questa legge, che fa all’ILVA uno sconto del 20% sull’applicazione delle norme AIA e quindi viola la direttiva IPPC” dichiara Antonia Battaglia

    “Nel mese di settembre 2013 la Commissione ha aperto la procedura d’infrazione che ora deve passare alla fase successiva della messa in mora perché negli ultimi mesi non c’è stato alcun miglioramento della situazione. - dichiara Monica Frassoni - Peraltro, l’Italia resta inadempiente per quanto riguarda la direttiva sulla responsabilità ambientale. È evidente che il Governo italiano non ha intenzione di conformarsi alle regole europee e di agire davvero sull'emergenza sanitaria e ambientale a Taranto. È tempo che la Commissione Ue prosegua con la procedura d'infrazione.”

    La questione Ilva sarà di nuovo all’o.d.g. della prossima sessione del PE, dopo l'approvazione da parte della Commissione Petizioni di un emendamento nel quale viene espressamente menzionata la situazione dell'ILVA di Taranto come “caso che desta particolare preoccupazione riguardo al deterioramento delle condizioni ambientali e della salute della popolazione locale”.

    Antonia Battaglia, Alessandro Marescotti, Luciano Manna

     

    Bruxelles, 12 febbraio 2014

    Allegati

    • comunicato stampa 13 feb 14 (152 Kb - Formato pdf)
      peacelink - Fonte: peacelink.it
      comunicato stampa 13 feb 14

      Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

    • lettera potocnik 13 feb 14 (10 Kb - Formato pdf)
      peacelink - Fonte: peacelink.it
      lettera potocnik 13 feb 14

      Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

    • peacelink - Fonte: peacelink.it
      interrogazione parlamentare taranto

      Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)