Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Ilva: Rapporto di Sicurezza 2008 "scaduto". Il 2013 ancora al CTR

    La Regione Puglia conferma: ci risulta in vigore l'edizione 2008
    10 novembre 2014 - Redazione Peacelink

    le gru dell'ilva scaricano il minerale dalle navi nel porto di taranto

    Peacelink intende chiedere con il presente comunicato dei chiarimenti al Commissario straordinario per l’Ilva, il Dott. Piero Gnudi, in merito al Rapporto di Sicurezza di Ilva S.p.a. il cui ultimo aggiornamento risale all'ottobre 2008. In virtù del D.Lgs. 334 del 1999, nello specifico art. 8, il rapporto in questione andrebbe riesaminato con cadenza quinquennale.

    Ricordiamo che il Rapporto di Sicurezza è un elaborato tecnico, i cui contenuti in Italia sono definiti per legge dal DLgs n°334 del 1999 ("Legge Seveso"), che serve a individuare all'interno di uno stabilimento quali sono gli eventuali incidenti rilevanti possibili e quali sono le misure di sicurezza e di prevenzione adottate per prevenirli.


    Abbiamo chiesto informazioni in merito, tramite l’invio di posta elettronica certificata (PEC), all'ufficio Servizio Rischio Industriale della Regione Puglia, che ha risposto come segue:

    "Agli atti di questo Servizio risulta che l'Edizione del Rapporto di Sicurezza della società Ilva SpA validata dal Comitato Tecnico Regionale Puglia (C.T.R.) è quella del 2008. Per quanto riguarda invece l'edizione del 2013 si comunica che la stessa è oggetto di valutazione del C.T.R. (art.21 del D.Lgs. 334 del 1999 e smi.)".

    Si sottolinea, inoltre, che le versioni dei Rapporti di Sicurezza consultabili on line per il pubblico sono inaccessibili poichè il Portale Ambiente della Regione Puglia è in manutenzione già da alcuni mesi.

    In virtù di quanto appreso Peacelink chiede:

    - se tale situazione disattende la direttiva europea 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose conosciuta come Legge Seveso II;

    - per quale motivo, ad oggi, l'edizione 2013 del Rapporto di Sicurezza Ilva SpA è ancora al vaglio del C.T.R.

    La questione del Rapporto di Sicurezza è di estrema importanza in quanto, dopo la lettera di messa in mora inviata nel settembre del 2013 dalla Commissione Europea per il mancato controllo degli effetti dell’attività del centro siderurgico pugliese sull’atmosfera e il territorio, se ne è aggiunta nell'aprile scorso una seconda «complementare» per il mancato rispetto della normativa «Seveso», all'interno della quale gioca un ruolo cardine il Rapporto di Sicurezza ILVA sopra citato.

     

    Alleghiamo al presente comunicato la risposta della Regione Puglia a PeaceLink in merito.

    Aggiungiamo infine che alla Pubblica Amministrazione spetta il compito di effettuare un'istruttoria tecnica sul Rapporto di Sicurezza al fine di valutare l’idoneità e l’efficacia dell’analisi del rischio. La Pubblica Amministrazione deve verificare, anche mediante sopralluoghi presso lo stabilimento, la corrispondenza delle informazioni contenute nel Rapporto di Sicurezza e quanto effettivamente attuato da parte dell'ILVA, indicando le situazioni di carattere impiantistico e gestionale sulle quali è opportuno intervenire per prevenire il rischio di incidente rilevante, migliorando le condizioni di sicurezza interne ed esterne allo stabilimento (sicurezza della popolazione, protezione ambientale, sicurezza dei lavoratori, sicurezza dei processi). L’istruttoria tecnica si conclude con un atto che contiene le valutazioni tecniche finali, le eventuali prescrizioni integrative e, qualora le misure adottate dal gestore per la prevenzione e la riduzione di incidenti rilevanti siano nettamente insufficienti, viene prevista la limitazione o il divieto di esercizio.

     

    Su tutto questo attendiamo risposte chiare.

     

    Per PeaceLink

    Antonia Battaglia

    Luciano Manna

    Alessandro Marescotti

    www.peacelink.it

    Allegati

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)