Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    ILVA di Taranto. PeaceLink scrive a Karmenu Vella, nuovo commissario europeo per l'Ambiente

    La lettera do Peacelink
    15 novembre 2014 - Redazione Peacelink

    commissione europea

    Questa è la lettera sull'ILVA di Taranto inviata da PeaceLink a Karmenu Vella, nuovo commissario europeo per l'Ambiente, per evidenziare come "le emissioni incontrollate che fuoriescono dagli impianti continuano a generare impatti negativi sulla salute e sull’ambiente".
    PeaceLink ha chiesto un incontro con il nuovo commissario europeo all'Ambiente e ha rinnovato la sua fiducia nell'azione dell'Europa, rimarcando "l’importanza che riveste il ruolo chiave della Commissione Europea nella questione Taranto, ruolo che ha saputo garantire sottolineando la necessità dell’Italia di doversi conformare al rispetto del Diritto Comunitario a Taranto ai fini della protezione ambientale e dei diritti umani della popolazione".

    Si prega di darne informazione.

     

     

    Per il Commissario all'Ambiente Karmenu Vella

    Egregio Commissario,

    a nome di Peacelink, desideriamo congratularci per il suo recente incarico di Commissario per l’Ambiente, gli Affari Marittimi e la Pesca e allo stesso tempo cogliamo l’opportunità per presentarci.
    La nostra associazione ha lavorato molto attivamente sulla questione dell’inquinamento provocato dalle emissioni dell’impianto siderurgico ILVA di Taranto, in Italia, ed ha portato avanti una convinta azione con la Commissione Europea per denunciare la questione, fornendo aggiornamenti quotidiani della situazione reale sul posto.

    Abbiamo sostenuto le nostre azioni in Europa con il materiale che é servito alla Istituzione di cui é parte, attraverso il Commissario Potocnik, per lanciare due procedure di infrazione contro l’Italia, e di recente il parere motivato sul non rispetto da parte dell’ILVA delle norme europee:

    http://europa.eu/rapid/press-release_IP-14-1151_en.htm
    L’ILVA è il più grande stabilimento siderurgico d’Europa e ha mancato, secondo la Commissione, di operare in conformità alla legislazione europea in materia di emissioni industriali, con conseguente potenzialmente serie sulla salute umana e sull’ambiente.

    La Commissione Europea ha mandato all’Italia due lettere di messa in mora, nel settembre del 2013 e nell’aprile del 2014, esortando le autorità italiane a prendere le disposizioni necessarie per mettere la produttività dell’ILVA a norma e in regola con la direttiva europea sulle emissioni industriali e con l’altra legislazione europea in materia ambientale.
    Ma le infrazioni alla legge sono rimaste e importanti deficienze, come il mancato rispetto delle condizioni stabilite nel permesso di produzione ( AIA), rendono l’ILVA uno stabilimento pericoloso per i suoi operai e per la città di Taranto.

    Le emissioni incontrollate che fuoriescono dagli impianti continuano a generare impatti negativi sulla salute e sull’ambiente. Siamo sicuri che Lei, Commissario, sappia bene cosa l’ILVA rappresenti per Taranto e sia a conoscenza delle diverse e numerose questioni che sono legate alla produzione dello stabilimento: inquinamento, malattia, morte, come riportato nella documentazione prodotta dalla Magistratura italiana.


    In linea con la nostra attività e con l’importanza che riveste il ruolo chiave della Commissione Europea nella questione Taranto, ruolo che ha saputo garantire sottolineando la necessità dell’Italia di doversi conformare al rispetto del Diritto Comunitario a Taranto ai fini della protezione ambientale e dei diritti umani della popolazione, vogliamo assicurare alla Commissione che continueremo nella nostra azione e garantiremo il nostro supporto.

    Invieremo presto al Suo Gabinetto le informative riguardanti gli ultimi sviluppi a Taranto e ci auguriamo che questo caso, simbolo del bisogno dell’azione dell’Unione Europea nel campo ambientale, continui a rappresentare una priorità per la Commissione Ambiente.

    Cogliamo l’occasione per chiedere un appuntamento.

    Distinti Saluti,

    Per PeaceLink

     

    Antonia Battaglia

    Luciano Manna

    Alessandro Marescotti

     

    in allegato la lettera originale

    Allegati

    • Dear Commissioner Vella final (330 Kb - Formato pdf)
      Redazione Peacelink - Fonte: peacelink
      Peacelink, lettera al nuovo commissario

      Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)