Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    PeaceLink ammessa parte civile nel processo ILVA

    Un riconoscimento al lavoro instancabile delle ecosentinelle
    16 dicembre 2014 - Redazione Peacelink
    Oggi eravamo presenti nell'udienza preliminare e abbiamo ascoltato con grande emozione il pronunciamento del GUP: PeaceLink è  ammessa parte civile nel processo all'ILVA.

    Oltre all'associazione nazionale PeaceLink, presente in diverse regioni italiane, è stato ammesso anche il nodo tarantino dell'associazione che in questi anni è stato un punto di riferimento per quelle ecosentinelle che fotografano, filmano e misurano a Taranto l'inquinamento, senza sosta e senza mai scoraggiarsi.

    Il GUP, dottoressa Wilma Gilli, ha ravvisato in PeaceLink tutti i requisiti formali e sostanziali per la costituzione di parte civile nel processo, sia per il radicamento sia per la continutà dell'operato svolto.

    Il riconoscimento come parte civile ci riempie di un'enorme soddisfazione e ci carica di un'ulteriore grande responsabilità.
    Dobbiamo e vogliamo dare voce ai cittadini, alle loro speranze e alla loro voglia di legalità.
    Lo faremo da ora in poi anche nell'aula del tribunale
    .

    Nel processo, con le altre associazioni ammesse, PeaceLink diventerà un riferimento per rivendicare verità e giustizia per tutti coloro che in questi anni non hanno avuto verità e giustizia ma solo inquinamento, malattia e morte.

    Nel marzo 2008 abbiamo consegnato in Procura le analisi del pecorino contaminato dalla diossina.
    Da allora abbiamo stretto un'alleanza fortissima con gli allevatori danneggiati. 
    E' stata l'alleanza vincente per procedere con convinta determinazione nella lunga e difficile fase delle indagini di "Ambiente Svenduto".

    Abbiamo sempre pensato che il disastro della diossina a Taranto fosse un caso internazionale a cui era stata messa la sordina.
    Vivevamo un disastro ambientale senza precedenti, ma il nostro grido di dolore subiva il silenziatore della malapolitica.
    La diossina è stata la nostra bandiera maledetta per chiedere giustizia e salute. Ora vogliamo cogliere quel vento di legalità che da tempo aspettavamo, e che sembra finalmente arrivato.
    Un grande ringraziamento va al nostro avvocato, Sergio Torsella, per la dedizione e il contributo di competenza dato in questi anni e ora coronato dalla costituzione di parte civile.

    Alessandro Marescotti - presidente nazionale di PeaceLink
    Fulvia Gravame - responsabile nodo PeaceLink di Taranto
    Piero Mottolese - ecosentinella di PeaceLink
    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)