Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    L'effetto della polvere sul clima: si cerca la spiegazione

    Gli scienziati si stanno scervellando su ciò che viene descritto come un "pezzo mancante del puzzle" nella ricerca sul clima: il ruolo delle polveri nel riscaldamento globale.
    29 dicembre 2015 - Tradotto da Barbara Pozzi
    Fonte: David Shukman, BBC News / Science & Environment,

     

    A team of scientists has been gathering data on the dust rising from Etosha  --  Un team di scienziati ha raccolto i dati sulla polvere che si alza da Etosha

    Con enormi pennacchi di particelle che salgono nell'atmosfera dai deserti e dai terreni agricoli, la domanda è se le temperature si alzano o si abbassano. 

    Enormi tempeste di sabbia hanno recentemente inghiottito le principali città del Medio Oriente.

    Così i ricercatori stanno studiando se un mondo più caldo diventerà anche più polveroso.

    La siccità prolungata nello stato americano dell'Oklahoma negli ultimi anni ha visto un ritorno a condizioni che somigliavano al famigerato Dust Bowl del 1930.

    Una stima recente ha suggerito che circa il 40% dei cosiddetti aerosol rilasciati nell'aria ogni anno è costituito da polveri minerali.

    Alcune di essi provengono da attività umane, come ad esempio dall'aratura o da pascoli aridi o dalla deviazione di fiumi che porta al prosciugamento delle riserve idriche, come il lago Aral in Asia Centrale.

    Ma gran parte della polvere atmosferica si crea in modo naturale sulla nuda terra in quantità regolate da una combinazione di fattori, tra cui precipitazioni, fonti geologiche e velocità del vento.

    La più grande fonte di polveri nell'emisfero meridionale del mondo è l'Etosha Pan, una vasta area di terreno arido nella Namibia nell'Africa meridionale.

    Questo spettacolare paesaggio si allaga periodicamente e le acque lasciano un ricco sedimento che viene poi lasciato ad asciugare sotto il sole tropicale.

    La conca si trova al centro del Parco nazionale d'Etosha, una grande attrazione turistica che ospita una ricca fauna selvatica - abbiamo visto elefanti, giraffe e un branco di zebre prosperare su un terreno apparentemente arido.

    Nuvole di polvere aumentano ad una portata visibile dallo spazio, con le immagini satellitari che registrano le polveri che si alzano a ondate fuori dalla conca e vengono successivamente portate per centinaia di miglia sopra la Namibia e poi fuori sull'Oceano Atlantico.

    Per cercare di capire quanta polvere si crea da questa caratteristica naturale, e le condizioni precise che determinano quando si forma un pennacchio di polvere, un team britannico e sudafricano sta raccogliendo dati da tre anni.

    In diverse località della conca, i ricercatori hanno posizionato una varietà di strumenti circondati da staccionate per tener lontani gli animali curiosi.

    I dispositivi hanno misurato tutto dalla velocità del vento alla quantità di polvere portata dal suolo a diverse altezze fino allo spessore dei pennacchi stessi.

    Una delle persone coinvolte nel progetto è il prof David Thomas dell'Università di Oxford, un esperto ricercatore di alcune delle zone più polverose del mondo.

    Parlando dell'intenso calore dell'estate dell'emisfero meridionale, mi ha detto che nei modelli climatici manca un ruolo preciso della polvere, cosa che potrebbe limitare potenzialmente la loro accuratezza.

    "La polvere è uno dei pezzi mancanti del puzzle nella modellazione del clima", ha detto.

    "Da un lato, più polvere nell'aria potrebbe significare una ridotta radiazione solare di onde corte e meno riscaldamento mentre, d'altra parte, la coperta che la polvere potrebbe fornire nell'atmosfera potrebbe ridurre la perdita di calore e potrebbe significare ulteriore riscaldamento.

    "Più polvere nell'atmosfera potrebbe significare più intrappolamento del calore, soprattutto di notte, quindi è una situazione difficile da capire."Le condizioni della siccità in Namibia

    Lo scopo del progetto è di raccogliere per la prima volta dati presso un'importante fonte di polvere in un modo che consente di essere utilizzato nei modelli climatici.

    Questo potrebbe essere utile a causa dei molteplici ruoli della polvere nel sistema climatico: essa non solo riflette o intrappola il calore, ma agisce anche come fertilizzante per il plancton negli oceani, che poi funge da serbatoio di carbonio.

    Queste domande diventeranno ancora più rilevanti se l'aumento delle temperature stesse innesca il rilascio di ancora più polvere nell'atmosfera.

    Il Gruppo intergovernativo sul Cambiamento Climatico (IPCC) delle Nazioni Unite ha riferito nel 2007 che le simulazioni sulle future emissioni di polvere erano altamente incerte, con una vasta gamma di scenari - alcuni dei quali indicano condizioni meno polverose, mentre altri ne suggeriscono un notevole aumento.

    Gli studi della US Geological Survey hanno suggerito che le condizioni più calde nel sud-ovest degli Stati Uniti potrebbero accelerare la sparizione dell’erba e quindi aumentare la produzione di polvere.

    Gli autori hanno concluso che i fattori chiave includevano la futura velocità del vento e la resilienza della vegetazione locale.

    Alla domanda se il riscaldamento globale potrebbe portare a un ambiente più polveroso, il prof Thomas ha detto: "Non è possibile dirlo - quello che sappiamo è che l'attività umana in superficie sta creando potenzialmente ambienti in cui si può formare più polvere."

    Nell'Etosha Pan, il Prof. Thomas e i suoi colleghi hanno scoperto che i forti venti non bastano da soli a garantire che il materiale di superficie sia rimosso.

    Importante è anche una serie di anni relativamente bagnati per portare rifornimenti di sedimento fresco, assieme a precipitazioni sufficientemente intense a sgretolare la superficie.

    Camminare sopra la conca è un po' come fare un passo sul ghiaccio sottilissimo, con ogni passo che scricchiola su una superficie sottile e fragile, esponendo uno strato di polvere sotto che è talmente fine da assomigliare alla cipria.

    È questa polvere, sufficientemente leggera da essere trasportata dal vento, che va a formare i pennacchi che confluiscono in alto nell'atmosfera.

    Indipendentemente dall'effetto che la polvere può avere sul clima, la polvere stessa può rappresentare un rischio significativo per la salute umana.

    "L'impatto evidente è sulla respirazione e risulta in un aumento di malattie respiratorie", ha detto il prof. Thomas.

    "Ma la polvere può anche essere un vettore di agenti patogeni così in effetti può fare molto male vivere sottovento delle principali fonti di polvere."

    Il progetto di ricerca, conosciuto come DO4MODELS, coinvolge scienziati delle università di Oxford, Imperial College di Londra, Sheffield, Southampton e Città del Capo.

     

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)