Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Wangari Maathai, ambientalista africana, si batte contro il cemento e per i diritti dei deboli

Nobel per la pace alla donna che pianta alberi

9 ottobre 2004
Massimo A. Alberizzi (malberizzi@corriere.it)
Fonte: www.corriere.it
9.10.04

La keniana Wangari Maathai, nobel per la pace Da ieri il Kenia ha un nuovo eroe. Anzi un’eroina. Dopo i tanti maratoneti che sono saliti sul podio delle Olimpiadi negli ultimi anni, su uno degli altari più gloriosi del pianeta, quello del premio Nobel per la pace, è salita l’ecologista keniota Wangari Maathai, la prima donna africana ad essere insignita del prestigioso riconoscimento. «Gli altri, i corridori, e chi se li ricorda più», spiegava ieri eccitato il guardiano del suo ufficio alla periferia di Nairobi. E’ qui la sede dell’organizzazione non governativa Green Belt , «Cintura Verde», che dal 1977 lotta per la tutela dell’ambiente in Kenia. «Ora c’è solo lei - ripeteva il custode -, la grade Wangari».

IL «NUOVO ORGOGLIO» - Il «nuovo orgoglio del Kenia e di tutta l’Africa», come l’ha definita al telegiornale il presidente Mwai Kibaki, ha appreso la notizia ieri mattina, mentre si trovava a Nyeri, la sua città Natale, ai piedi del Monte Kenia.
Ha ricevuto una telefonata da Oslo «che l’ha colta di sorpresa» racconta Gathii, uno dei suoi assistenti. All’altro capo del telefono c’era un diplomatico norvegese che le ha letto la motivazione del premio. «Lei si è distinta per aver promosso lo sviluppo compatibile, la democrazia e la pace». E’ stata l’ultima comunicazione; poi il suo cellulare è stato spento. «Eravate in troppi a volerle parlare - spiega ancora Gathii -. La notizia era del tutto inaspettata, quindi Wangari, dopo un attimo di smarrimento, ha preferito restare sola».

LA GIOIA - Soltanto nel pomeriggio si è fatta viva, con una conferenza stampa velocissima per spiegare la sua gioia: «Grande, enorme - ha balbettato -. Ringrazio Dio e i miei antenati che mi hanno guidato in questa lotta per la tutela ambientale». Si è rivolta poi al Monte Kenia, 5.200 metri, la seconda cima dell’Africa. «Da bambina mi fermavo immobile, ore e ore, a guardarla. Lei mi ha insegnato a difendere l’ambiente e a impedire il degrado ecologico che oggi ci sta divorando. Ho lottato duramente per difenderla, ma ci sono riuscita».
Si è commossa quando ha ricordato i suoi giorni in carcere, colpevole di essere un membro dell’opposizione ai tempi della dittatura di Daniel arap Moi. «Si può finire in cella per difendere il proprio Paese? - si è domandata retoricamente -. Assurdo, eppure a me è capitato». In realtà la neolaureata Nobel fu anche minacciata e picchiata selvaggiamente dalle forze di sicurezza. Volevano che abbandonasse la lotta per tutelare i parchi, che la smettesse di intralciare il business rampante, con le sue speculazioni edilizie e le devastanti, ma molto redditizie, attività turistiche. In particolare, Wangari si scontrò con uno dei figli di Moi che, con una certa spregiudicatezza, voleva costruire nel Parco centrale di Nairobi, lo storico Uhuru Park, un palazzone tutto vetro e cemento.

Chiudi
Il marito chiese il divorzio nel 1980 dopo tre figli messi al mondo insieme. Niente melodrammi sentimentali, era una questione di ruoli. Lui era un uomo politico, presumibilmente intelligente ed evoluto. Però era esausto: «Troppo colta, troppo forte, troppo di successo, troppo testarda e difficile da controllare». Cioè pericolosa come moglie. Tutto il mondo è paese. Anche in Kenia una donna che si lascia alle spalle il focolare domestico e si trasforma in un personaggio pubblico diventa una non-moglie per un marito tradizionale. Wangari Maathai, premio Nobel per la pace 2004, racconta ridendo questa storia a chi le chiede come si chiuse il suo matrimonio, l’unico di una vita per il resto avventurosissima. Per focalizzare a dovere il personaggio, e intuire lo stato d’animo del marito, ecco come inchiodò al silenzio un parlamentare nel 2000 durante una polemica: «Non ne posso più di uomini ignoranti che si sentono in competizione perché le donne li stanno sfidando e quindi devono continuamente "controllare" i propri genitali per rassicurarsi. Non sono interessata a quelle parti anatomiche ma all’uso di ciò che sta sopra il collo. Se lì dentro lei non ha niente, chiudiamo qui il discorso».
Chi l’ha conosciuta bene, per esempio l’esponente verde italiana Grazia Francescato, descrive una personalità forte, libera, di gran temperamento, pronta alla battuta ironica e alla risata liberatoria, molto alta e imponente («statuaria», si legge spesso nelle introduzioni alle sue interviste), pelle nerissima, bocca carnosa e splendida dentatura, una folta capigliatura che da qualche tempo innalza un ciuffo candido sulla fronte, una passione tutta africana per le vesti dai colori sgargianti e indimenticabili, una voce che si impone sulle altre per timbro e volume.
L’ideale per un’icona contemporanea: Africa, femminismo, ecologia, impegno politico, maternità. E senso religioso: «Ciascuno di noi ha Dio dentro di sé e quel Dio è lo spirito che unisce tutta la vita e tutto ciò che c’è su questo pianeta». Proprio Grazia Francescato scrisse nel 1988 di lei su «Airone»: «Se Madre Terra avesse un volto, sarebbe quello di Maathai».
Wangari viene da una buona famiglia che le ha garantito ottimi studi, sfruttati col massimo profitto negli Stati Uniti: scuole superiori nel Kansas, università a Pittsburgh, quindi in Germania, a Monaco di Baviera. Dopo c’è una catena di record: prima donna a conseguire un dottorato di ricerca in Kenia, prima donna a diventare professoressa all’università di Nairobi, presidente del Consiglio nazionale delle donne del Kenia.
E soprattutto prima donna africana capace di sfidare, nel nome dell’ecologia e della difesa della natura, un intero regime, quello keniota di arap Moi. La chiamano Mama Mici, la madre degli alberi. Appellativo che in Kenia per anni ha avuto un significato politico. Il suo movimento, il Green Belt, la cintura verde, è stato l’incubo del presidente Moi, uscito di scena nel 2002 dopo 24 anni di potere: «Wangari Maathai? Una pazza, una minaccia all’ordine e alla sicurezza della patria», i suoi ministri rincaravano la dose («una donna ignorante, un pupazzo nelle mani di padroni stranieri»). Dal loro punto di vista di affaristi, avevano ragione. E’ stata Wangari, nel 1989, a bloccare una mega-speculazione nel cuore dell’Uhuru Park, unico residuo polmone verde nel cuore di una cementificatissima Nairobi. Il presidente arap Moi aveva dato il via alla costruzione di un grattacielo da sessanta piani per uffici, finanziato da un club di multinazionali. Lei riuscì a mobilitare le organizzazioni ecologiste di mezzo mondo, facendo leva sulle leggi contemporanee della comunicazione: chi era coinvolto nell’affare, per esempio negli Stati Uniti, si sentì accusato di voler massacrare una specie di Central Park africano. Non se ne fece nulla, l’Uhuru Park è ancora al suo posto.
Due anni dopo finì in prigione per le sue proteste mentre tentava di piantare giovani alberi nella foresta di Karura, sfigurata da una continua deforestazione, aperitivo di una grandiosa speculazione edilizia che costò l’abbattimento di migliaia di ettari di alberi ad alto fusto. Ci volle una campagna di Amnesty International per tirarla fuori dal carcere: con la testa mezza rotta perché la polizia l’aveva pestata a sangue, con altri ecologisti.
Nel nome di Wangari Maathai sono stati interrati in tutta l’Africa altri trenta milioni di alberi: i suoi seguaci durante le proteste si armano solo di zappette, concime, germogli. Sono soprattutto donne. Gli alberi da frutto piantati poi diventano uno strumento di autonomia economica, di sviluppo di realtà rurali. Ovviamente Wangari è una «scoperta» relativa, visto che già nel 1992, durante il vertice ecologista a Rio (alternativo a quello ufficiale dell’Onu sull’Ambiente) diventò un personaggio per gli addetti ai lavori. Il suo continente l’ha laureata nel 1991 col premio Africa per i Leader.
Ora il tempo dell’opposizione è finito per Wangari: arap Moi è sparito dalla scena e lei è viceministro dell’Ambiente. Il nuovo presidente keniota, Mwai Kibaki, le ha attribuito il titolo onorario di Saggia dalla spada bruciante. Dire perfetto è poco.



Paolo Conti
www.corriere.it
9.10.04

IL PREMIO -Quando le è stato domandato che cosa farà con i soldi del premio, non ha avuto esitazioni: «Naturalmente li investirò per rendere ancora più incisiva l’azione degli ecologisti. Non mai avuto, né gestito così tanto denaro. Forse dovrò chiamare qualcuno che amministri questo patrimonio. Comunque pensate che l’associazione Green Belt in 27 anni di attività ha piantato circa 30 milioni di alberi. Le spese sono state enormi. Ho pregato tanto perché arrivassero un po’ di soldi e finalmente i miei desideri sono stati esauditi. Non è meraviglioso?». Ma la signora Wangari spera soprattutto nell’effetto emulazione: «Il premio dovrebbe servire a far capire a tutti quanto sia importante la tutela ambientale. Occorre impedire le speculazioni selvagge e rendersi conto che se si continua così la nostra Terra non reggerà. Io credo che questo premio non sia stato vinto soltanto da me, ma anche da tutte le persone che hanno a cuore questi valori».

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)