Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Ogm, il seme della discordia

    Dopo la clamorosa imboscata contro il decreto Alemanno, è sempre più isolata la lobby del governo che appoggia il biotech
    12 ottobre 2004 - Luca Fazio
    Fonte: www.ilmanifesto.it
    12.10.04

    Il Ministro Gianni Alemanno Il mite Francesco Storace, presidente di una regione orgogliosamente «ogm-free», ha pienamente ragione quando dice «non credo che su questa questione si possano fare passi indietro». Ecco perché Silvio Berlusconi, uomo di solito molto abile a fiutare l'aria che tira, questa volta rischia di restare tutto solo a difendere la libertà di inquinamento genetico delle industrie del biotech. La linea del governo, che venerdì scorso ha respinto il rigido decreto del ministro Alemanno sulla coesistenza tra agricoltura trazionale e agricoltura ogm, per il momento non ha fatto altro che radicalizzare il livello dello scontro. E il ministro Alemanno, mai stato così popolare in vita sua, potrebbe anche tentare di forzare la mano pur di difendere il suo decreto che verrà riproposto venerdì prossimo; un insieme di norme che a detta degli ambientalisti potrebbe liberare l'agricoltura italiana dagli ogm.

    Molto dipenderà dall'orientamento politico della conferenza stato-regioni in programma giovedì proprio per dare una limatura al decreto, ma è improbabile che i presidenti delle 12 regioni «ogm free» si facciano intimidire dalla lobby di Forza Italia pro biotech. Il presidente forzista del Piemonte, Enzo Ghigo, capofila dei governatori anti-ogm, lo ha spiegato a chiare lettere rivolgendosi proprio a Berlusconi. «L'interpretazione del governo non mi trova d'accordo - ha replicato Ghigo - perché noi riteniamo che l'esercizio della libertà sia quello che deve permettere ai produttori e ai consumatori di determinare quello che vogliono coltivare e mangiare. Mentre invece il presidente del consiglio ha espresso un concetto di libertà esteso in un'ottica più a favore degli ogm». Sulla stessa linea di Ghigo si sono già espressi molti presidenti di regioni (Lazio, Emilia Romagna e Toscana in testa), ma è tutta la geografia delle rivolta contro gli ogm a dimostrare che nessuno, tranne rare e timide eccezioni - il friulano Illy e il lombardo Formigoni - ha intenzione di avventurarsi su una strada che in Italia non ha mercato.


    Dei 1112 comuni che hanno adottato delibere ogm-free, il 40% si trova al nord, il 30% al centro e il 30% al sud. In Piemonte ci sono 167 comuni ogm-free, e in Campania 157 (questa mattina, alla Camera di commercio di Napoli, verranno consegnate le prime targhe «ogm-free» da posizionare sotto il nome dei comuni); a Trapani, addirittura il 100% dei comuni ha già detto no agli ogm, e proprio ieri la Flai Cgil siciliana ha chiesto al presidente Cuffaro di stringere i tempi per una legge anti ogm. Il governo è trasversalmente circondato.

    Quanto alle opposizioni, quelle che hanno sempre battagliato annunciano barricate: «Si tratta di una questione di interesse nazionale, non accetteremo stravolgimenti del decreto», ha minacciato la senatrice verde De Petris. Il centrosinistra, invece, dopo aver passato gli ultimi anni a balbettare (anche) sugli ogm, adesso rischia di vedersi servita su un piatto d'argento una delle mobilitazioni più consistenti contro il governo Berlusconi. Le armi le affileranno già questa sera, a Roma, le decine di associazioni della coalizione Liberi da ogm riunite a Palazzo Rospigliosi (sede della Coldiretti), per la prima volta con la partecipazione ufficiale della Confederazione agricoltura italiana (Cia). Poi, venerdì, a due passi dal consiglio dei ministri, i portavoce della coalizione comunicheranno tempi e modi di una mobilitazione che, se necessaria, si annuncia clamorosa. Per Alemanno, a sei mesi dalle elezioni regionali, questo forse è l'argomento migliore per convincere i suoi amici del governo Berlusconi.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)