Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Ogm, il seme della discordia

Dopo la clamorosa imboscata contro il decreto Alemanno, è sempre più isolata la lobby del governo che appoggia il biotech
12 ottobre 2004
Luca Fazio
Fonte: www.ilmanifesto.it
12.10.04

Il Ministro Gianni Alemanno Il mite Francesco Storace, presidente di una regione orgogliosamente «ogm-free», ha pienamente ragione quando dice «non credo che su questa questione si possano fare passi indietro». Ecco perché Silvio Berlusconi, uomo di solito molto abile a fiutare l'aria che tira, questa volta rischia di restare tutto solo a difendere la libertà di inquinamento genetico delle industrie del biotech. La linea del governo, che venerdì scorso ha respinto il rigido decreto del ministro Alemanno sulla coesistenza tra agricoltura trazionale e agricoltura ogm, per il momento non ha fatto altro che radicalizzare il livello dello scontro. E il ministro Alemanno, mai stato così popolare in vita sua, potrebbe anche tentare di forzare la mano pur di difendere il suo decreto che verrà riproposto venerdì prossimo; un insieme di norme che a detta degli ambientalisti potrebbe liberare l'agricoltura italiana dagli ogm.

Molto dipenderà dall'orientamento politico della conferenza stato-regioni in programma giovedì proprio per dare una limatura al decreto, ma è improbabile che i presidenti delle 12 regioni «ogm free» si facciano intimidire dalla lobby di Forza Italia pro biotech. Il presidente forzista del Piemonte, Enzo Ghigo, capofila dei governatori anti-ogm, lo ha spiegato a chiare lettere rivolgendosi proprio a Berlusconi. «L'interpretazione del governo non mi trova d'accordo - ha replicato Ghigo - perché noi riteniamo che l'esercizio della libertà sia quello che deve permettere ai produttori e ai consumatori di determinare quello che vogliono coltivare e mangiare. Mentre invece il presidente del consiglio ha espresso un concetto di libertà esteso in un'ottica più a favore degli ogm». Sulla stessa linea di Ghigo si sono già espressi molti presidenti di regioni (Lazio, Emilia Romagna e Toscana in testa), ma è tutta la geografia delle rivolta contro gli ogm a dimostrare che nessuno, tranne rare e timide eccezioni - il friulano Illy e il lombardo Formigoni - ha intenzione di avventurarsi su una strada che in Italia non ha mercato.

Chiudi
Berlusconi silura il decreto Alemanno che limita le semine di mais modificato ma il 70% dei consumatori e 12 Regioni sono contrarie agli ogm

Ci risiamo. Ancora una volta gli organismi geneticamente modificati, meglio noti come ogm, si riaffacciano sulla scena per spaccare trasversalmente i poli e perfino i singoli partiti. Il cosiddetto decreto Alemanno, presentato dal ministro delle Politiche agricole per bloccare il via libera alla semina biotech deciso dall'Unione Europea, è stato silurato da Berlusconi. In realtà il Consiglio dei ministri si è limitato a rinviare il provvedimento di una settimana accusando il ministro di mettere i piedi nel piatto delle regioni, che ormai dovrebbero avere la piena autonomia in campo agricolo. In realtà Alemanno sa bene che ben dodici regioni sono dalla sua parte, e probabilmente spera di trarre forza dalle consultazioni che si terranno - sia con le regioni che con le associazioni di categoria - prima che il decreto torni al Consiglio dei ministri.


Inquinamento genetico

Due sono gli aspetti che hanno spinto Alemanno spingere sull'acceleratore. In primo luogo, dal punto di vista scientifico, è ormai dimostrata l'impossibilità di tenere segregate le coltivazioni. Numerosi studi hanno mostrato infatti che le piante transgeniche hanno la fastidiosa abitudine di contaminare i campi vicini con la propria discendenza. Come dire che, una volta imboccata questa strada, gli ogm sono per tutti e per sempre, essendo materialmente impossibile arginare l'inquinamento genico. Se durante la prossima semina verrà dato il via libera alla coltivazione di piante geneticamente modificate, i consumatori non troveranno più un solo produttore in grado di garantire una filiera ogm free. E il fatto che quasi il 70 per cento dei consumatori si siano dichiarati diffidenti nei confronti degli ogm (secondo un sondaggio di Observa) non può che incidere sulle scelte dei produttori.

Dodici regioni e 1100 comuni, sia di destra che di sinistra, hanno detto chiaramente la loro sulla questione dichiarando i propri territori "Ogm free". Una decisione che non è soltanto motivata dalla demonizzazione del "cibo di Frankenstein" quanto dalla constatazione che il made in Italy deve il suo successo commerciale alla qualità delle sue produzioni. Se le piante transgeniche sono nate per servire gli interessi della grande industria dell'agrobusiness, basata sulle coltivazioni intensive delle grandi pianure americane, che cosa possono ricavarci gli agricoltori italiani? La scelta delle 12 regioni, sostenuta dai nomi noti dell'ambientalismo, dalle associazioni dei consumatori e da alcuni marchi della grande distribuzione, riflettono una realtà produttiva basata appunto sulla qualità e sul piccolo appezzamento, scelte che il mercato sembra premiare. Ecco dunque la scelta della tolleranza zero, adottata da Alemanno fin dai primi giorni del suo mandato e portata avanti con coerenza - per esempio rafforzando i meccanismi di controllo della filiera necessari a bloccare il contrabbando dei semi transgenici.

Del resto non è molto chiaro perché l'Europa, che in pochi anni ha visto crescere le esportazioni di soia e grano ogm free in aperta concorrenza con le produzioni Usa, abbia deciso di abbandonare questa strada. Evidentemente la lobby dell'agrobusiness, capeggiata da giganti come Monsanto e Novartis, è talmente potente da spingere gli euroburocrati a ignorare le ragioni della prudenza e perfino quelle del portafoglio.


Un fronte trasversale

Come hanno riconosciuto le stesse aziende biotech, la campagna di promozione degli ogm è stata un errore. Importazioni di contrabbando, pressioni diplomatiche e un'estrema disinvoltura nelle valutazioni scientifiche hanno provocato prima diffidenza e poi aperta ostilità. Gli ogm sono diventati il simbolo dell'arrroganza delle multinazionali indifferenti sia alle scelte dei consumatori ricchi che alle condizioni di vita dei produttori poveri, sottoposti all'ennesima vessazione del pagamento delle royalties sui semi, e la lotta contro il biotech è diventata una bandiera del movimento globale.

Da sinistra l'impegno del ministro Alemanno è stato percepito nel migliore dei casi con diffidenza e nel peggiore come una pura trovata demagogica. Indubbiamente l'occhio del ministro cade sulla realtà produttiva, su di un soggetto sociale che si è andato aggregando intorno alla questione degli ogm e che, ovviamente, è un bacino di consenso elettorale. Ma la difesa della sovranità alimentare non si esaurisce in questo. Notoriamente la destra sociale di Alemanno e Storace fa propri alcuni temi di critica alla globalizzazione, prima fra tutte l'omologazione a una monocultura del pensiero e della produzione agricola cui contrappone il recupero di una sovranità che s'identifica con il tradizionale concetto di patria. Da questo punto di vista i "no global" di destra sono in perfetta sintonia con alcuni filoni di resistenza alla globalizzazione basati sull'identità religiosa o culturale - come la destra fondamentalista indù del Bjp o l'islam politico. Un'impostazione ovviamente molto differente da quella del movimento dei movimenti che oppone invece un modello transculturale e transreligioso di ben più ampio respiro basato su di una "globalizzazione dal basso" rispettosa delle scelte delle comunità. Una differenza profonda che, come nel caso italiano, non impedisce a queste due anime di fare un pezzo di strada insieme.

Sabina Morandi   
www.liberazione.it
http://www.liberazione.it/giornale/041012/LB12D6D1.asp
12.10.04

Dei 1112 comuni che hanno adottato delibere ogm-free, il 40% si trova al nord, il 30% al centro e il 30% al sud. In Piemonte ci sono 167 comuni ogm-free, e in Campania 157 (questa mattina, alla Camera di commercio di Napoli, verranno consegnate le prime targhe «ogm-free» da posizionare sotto il nome dei comuni); a Trapani, addirittura il 100% dei comuni ha già detto no agli ogm, e proprio ieri la Flai Cgil siciliana ha chiesto al presidente Cuffaro di stringere i tempi per una legge anti ogm. Il governo è trasversalmente circondato.

Quanto alle opposizioni, quelle che hanno sempre battagliato annunciano barricate: «Si tratta di una questione di interesse nazionale, non accetteremo stravolgimenti del decreto», ha minacciato la senatrice verde De Petris. Il centrosinistra, invece, dopo aver passato gli ultimi anni a balbettare (anche) sugli ogm, adesso rischia di vedersi servita su un piatto d'argento una delle mobilitazioni più consistenti contro il governo Berlusconi. Le armi le affileranno già questa sera, a Roma, le decine di associazioni della coalizione Liberi da ogm riunite a Palazzo Rospigliosi (sede della Coldiretti), per la prima volta con la partecipazione ufficiale della Confederazione agricoltura italiana (Cia). Poi, venerdì, a due passi dal consiglio dei ministri, i portavoce della coalizione comunicheranno tempi e modi di una mobilitazione che, se necessaria, si annuncia clamorosa. Per Alemanno, a sei mesi dalle elezioni regionali, questo forse è l'argomento migliore per convincere i suoi amici del governo Berlusconi.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)