Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci
    Basilicata

    Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci

    Il tuo 5x1000 per Cova Contro
    27 aprile 2018 - Cova Contro
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.

Ambiente, al senato la fiducia fa scempio

L'aula di palazzo Madama approva il condono nelle aree tutelate. L'opposizione protesta con cartelli e striscioni. I Verdi rimangono in maglietta: «Per la villa del premier spogliano l'Italia». Il presidente Pera li espelle
15 ottobre 2004
Fonte: ww15.10.04w.ilmanifesto.it

contestazione in Senato Parchi finalmente «al riparo da speculazioni». Aree protette che grazie al governo Berlusconi «restano tali». Il ministro dell'ambiente Altero Matteoli, già noto come Attila, magnifica il provvedimento che ieri ha scaldato palazzo Madama. In aula, tirati fuori all'improvviso da centinaia di senatori dell'opposizione, spuntano cartelli e striscioni: «Viva villa Certosa». «Per villa Certosa state spogliando l'Italia». «Villa Certosa casa abusiva delle libertà»... Subito dopo alcuni senatori e senatrici si sfilano la giacca, si sbottonano la camicia per mostrare magliette stampate con gli stessi slogan. Riguarderà forse anche la dimora sarda del premier quella che Matteoli, ancora lui, chiama «mini-mini sanatoria»? Figurarsi: «Continuando di questo passo, l'opposizione ci accuserà di qualsiasi cosa. Comprese le condizioni meteorologiche», replica alle proteste il vicepremier Gianfanco Fini. Insomma, solo «contumelie, insulti, catastrofismi». Eppure il governo, dopo aver messo a punto il maxi-emendamento al disegno di legge di delega ambientale che contiene la sanatoria di reati paesaggistici, ha ritenuto anche di dover porre l'ennesima (la numero 23) fiducia sul testo. E così dai banchi del centrosinistra si è levata una sonora protesta. Risultato: registrazione della seduta da parte della Rai sospesa, così come la seduta stessa, e cinque senatori verdi, Sauro Turroni, Loredana De Petris, Fiorello Cortiana, Anna Donati e Stefano Boco (rei di aver inscenato lo «spogliarello» mentre parlava il presidente della commissione ambiente, il forzista Emidio Novi), censurati e espulsi dall'aula da uno scosso Marcello Pera, presidente dell'assemblea.

Fatti sgomberare i senatori «scostumati» (che in realtà hanno lasciato l'aula autonomamente, senza bisogno dell'intervento dei commessi), il governo ha ottenuto rapidamente la fiducia e il via libera al provvedimento (che ora torna all'esame di Montecitorio): 158 sì, 2 no e un'astensione. Alla votazione l'opposizione non ha partecipato, ancora in segno di protesta contro il provvedimento «incostituzionale» (Gavino Angius, capogruppo dei Ds). Contro «la nuova legge vergogna - protesta il verde Turroni - firmata dai deputati Previti e Ghedini» (quest'ultimo, forzista avvocato del premier, smentisce, e Turroni ribatte: «E' vero, forse Ghedini non ha scritto il maxiemendamento, deve averlo dettato»). Il senatore della Margherita Nando Dalla Chiesa annuncia per martedì la presentazione di una proposta di legge: «Norme per la valorizzazione della canzone napoletana», con un vitalizio per Mariano Apicella. Contestazione in Senato Ma la perla della giornata la riserva il relatore del provvedimento, il senatore nazional-alleato Giuseppe Specchia. Che per difendere in tutti i modi il testo e il premier, decide di immolarsi, sebbene nei giorni scorsi avesse dichiarato che lui dal maxiemendamento il condono lo avrebbe escluso. In aula propone invece un'indagine conoscitiva su tutti i parlamentari «per verificare quanti di noi, a cominciare da me, hanno fatto costruzioni abusive».

L'opposizione trasecola. La Casa berlusconiana cerca di tenere il punto ma a tenerla insieme ancora una volta è solo la fiducia. La Lega accantona le sue «perplessità» - dice il senatore Umberto Chincarini - ma «con rammarico» e, appunto, solo «per il voto di fiducia».

 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)