Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
  • Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo
    In allegato la lettera

    Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo

    PeaceLink e Cova Contro mandano a Bruxelles i dati attualmente disponibili. Sono tratti da tre relazioni non ancora pubblicate, alle quali abbiamo però avuto accesso in modo ufficioso.
    10 maggio 2016 - Antonia Battaglia e Giorgio Santoriello

Ai cittadini di Caorso

Il movimento lucano "No Scorie Trisaia" lancia un appello ai cittadini di Caorso per superare le distanze geografiche e rispondere a chi, in Italia, vuole riaprire le vecchie centrali nucleari.
7 febbraio 2005 - Andrea Minini

Ai Cittadini di Caorso, vi scriviamo dalla Basilicata (da Scanzano e Rotondella) a nome del nostro movimento e di quei lucani che hanno detto di no al nucleare e che già troppe volte sono stati illusi e ingannati dalle scelte politiche, sulle quali pesano tanti interessi tranne quelle dei cittadini.
Siamo, purtroppo, all’avvio del pieno rilancio mediatico del nucleare in Italia, in quanto sembra che l’unica forma di energia in grado di soddisfare i bisogni dell’umanità sia legata all’atomo, nonostante si stiano combattendo guerre, con tanto spargimento di sangue, a causa del petrolio.

Siamo in ritardo di quasi vent’anni sulle energie alternative e rinnovabili e si vuole investire su una fonte di energia altamente pericolosa e, soprattutto, dai costi di gestione millenari di cui molti nuclearisti si dimenticano!

Il riprocessamento all’estero del combustibile nucleare non certo allontana l’incubo delle scorie che, comunque, dovranno ritornare in Italia (in quantità decisamente maggiore di quelle in partenza) e con combustibile buono per far ripartire le centrali. L’opzione trattamento e smaltimento estero andrebbe opportunamente discussa con i cittadini delle Scanzano del mondo.

L’intenzione di realizzare un sito unico (anche provvisorio) e far ripartire nuove centrali nucleari è la scommessa del governo per un nuovo futuro dell’energia in Italia. Questa intenzione è stata sostenuta nel recente incontro di DAVOS sul futuro dell'energia in Europa, dove si rilancia il nucleare e gli accordi per la nuova tecnologia atomica per la quale l'Italia è interessata dall'accordo franco-italiano EDF-Enel.

Questi programmi vengono pagati quasi inconsapevolmente dai cittadini con la bolletta elettrica ed il contributo su ogni kwh che pagano, prelevato dallo Stato per la messa in sicurezza delle scorie radioattive, rischia di trasformarsi in un contributo per il rilancio e la pubblicità alla produzione atomica. Pochi eletti della filiera corta del nucleare (imprese e grossi gruppi) ne trarranno beneficio e i prati verdi protetti dai militari saranno oggetto di studio per un utilizzo produttivo dei siti.

Alcune stime evidenziano che solo tra 10 anni si potranno mettere in produzione nuove centrali nucleari in Italia. Alcuni esperti ritengono, però, che se si smantellano quelle esistenti e si riutilizzano gli stessi siti per le nuove centrali nucleari, potrebbero bastare solo 5 anni!
Caorso e Trino, in un simile contesto, diventerebbero altamente produttive.

Nessuna comunità vuole le scorie o le centrali nucleari, per questo riteniamo che le scorie e il combustile devono essere sistemate in sicurezza in “mausolei dedicati alla stupidità umana” e non devono alimentare nessun commercio di materiale nucleare.

Il nucleare lucano, inoltre, non è da dimenticare! Custodiamo combustile americano che non ci appartiene ed il Centro della Trisaia è al secondo posto, come pericolosità, dopo Saluggia. Custodiamo, oltre al resto, l’unico esemplare di impianto di riprocessamento del ciclo uranio-torio.
Con il ritorno al nucleare il centro lucano rischia di diventare non solo deposito provvisorio ma, peggio ancora, potrebbe diventare, con l’impianto di riprocessamento, la Sellafield Italiana.

Il capitolo “nucleare civile”, inoltre, non può essere assolutamente separato da quello “militare”. Non pensiamo di essere un popolo “da armi strategiche” e, nonostante tutto, abbiamo troppe vittime con l’uranio impoverito tra i soldati e civili nelle missioni di pace.

Riteniamo che i cittadini non devono essere illusi o ingannati su questioni che interessano la salute, la sicurezza e il futuro del prossimo!
Questo è il nostro messaggio di speranza e di pace alla comunità di Caorso.

Movimento Antinucleare Pacifista
NOSCORIE TRISAIA …
(Basilicata – Italia – Europa – Mondo)
E.mai: nonucleare@email.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)