Referendum Francia. Beni e Bolini: E ora si cambi rotta verso l’Europa sociale, di pace e democratica

Dichiarazione di Paolo Beni, presidente nazionale Arci e
di Raffella Bolini, responsabile internazionali Arci
31 maggio 2005

E ora si cambi rotta verso l’Europa sociale, di pace e democratica

La vittoria del no al Trattato Costituzionale in Francia non è un no all’Europa.

La maggioranza dei cittadini e delle cittadine francesi che hanno rifiutato
questo Trattato Costituzionale vuole che la costruzione dell’Europa politica
si fondi su basi certe e solide: sulla difesa dei diritti sociali, civili e
democratici, sulla garanzia dei servizi pubblici e dei beni comuni, sul
rifiuto della guerra, sulla partecipazione attiva e responsabile.

Hanno detto no al Trattato coloro con i quali abbiamo costruito, dal Forum
Sociale Europeo di Firenze in poi, lo spazio partecipato e di massa dell’
Europa sociale, e con i quali da tempo abbiamo scelto di costruire una
dimensione continentale dell’impegno per un mondo diverso.

Il voto francese deve aprire la strada a una riflessione ampia e
approfondita fra le forze sociali e politiche europeiste. Deve aprire un
dibattito serio fra le forze della sinistra, quelle socialiste e
socialdemocratiche. Deve aprire una discussione di merito in Italia.

Un Trattato Costituzionale calato dall’alto, fondato sulla mediazione
istituzionale, intriso di liberismo è stato bocciato. Era figlio di un’
Europa costruita sull’economia, sulla finanza, sul commercio.

Era figlio di un’Europa che nasce chiudendo le sue porte alle società della
sponda sud del Mediterraneo, respinge i migranti e i richiedenti asilo, vede
l’Est europeo come un territorio di conquista, pensa ad armarsi. Era figlio
di una politica europea che privatizza i servizi di interesse generale e i
beni comuni, che considera il lavoro come un’opportunità e non come un
diritto, che si costruisce nelle stanze chiuse della burocrazia e dei
ministeri.

Il voto francese porta allo scoperto i limiti e gli errori con cui l’unità
europea si è andata finora costruendo. Si apre ora lo spazio per pensare a
una Costituzione Europea che li corregga, segnando una decisa inversione di
rotta verso l’Europa sociale, di pace e democratica.

Faremo la nostra parte, continuando a lavorare per un’alleanza di tutti
coloro che nel nostro continente dicono no alla guerra, al liberismo, al
razzismo, che vogliono difendere e far avanzare il modello sociale europeo,
che vogliono costruire una nuova politica fondata sul primato della
partecipazione.

Roma, 29 maggio 2005

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)