Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
  • Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga
    REFERENDUM

    Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga

    Organizza Il Comitato ANPI e aderenti del NO alle Modifiche Costituzionali di Nova Milanese
    21 ottobre 2016 - Laura Tussi

Referendum Francia. Beni e Bolini: E ora si cambi rotta verso l’Europa sociale, di pace e democratica

Dichiarazione di Paolo Beni, presidente nazionale Arci e
di Raffella Bolini, responsabile internazionali Arci
31 maggio 2005

E ora si cambi rotta verso l’Europa sociale, di pace e democratica

La vittoria del no al Trattato Costituzionale in Francia non è un no all’Europa.

La maggioranza dei cittadini e delle cittadine francesi che hanno rifiutato
questo Trattato Costituzionale vuole che la costruzione dell’Europa politica
si fondi su basi certe e solide: sulla difesa dei diritti sociali, civili e
democratici, sulla garanzia dei servizi pubblici e dei beni comuni, sul
rifiuto della guerra, sulla partecipazione attiva e responsabile.

Hanno detto no al Trattato coloro con i quali abbiamo costruito, dal Forum
Sociale Europeo di Firenze in poi, lo spazio partecipato e di massa dell’
Europa sociale, e con i quali da tempo abbiamo scelto di costruire una
dimensione continentale dell’impegno per un mondo diverso.

Il voto francese deve aprire la strada a una riflessione ampia e
approfondita fra le forze sociali e politiche europeiste. Deve aprire un
dibattito serio fra le forze della sinistra, quelle socialiste e
socialdemocratiche. Deve aprire una discussione di merito in Italia.

Un Trattato Costituzionale calato dall’alto, fondato sulla mediazione
istituzionale, intriso di liberismo è stato bocciato. Era figlio di un’
Europa costruita sull’economia, sulla finanza, sul commercio.

Era figlio di un’Europa che nasce chiudendo le sue porte alle società della
sponda sud del Mediterraneo, respinge i migranti e i richiedenti asilo, vede
l’Est europeo come un territorio di conquista, pensa ad armarsi. Era figlio
di una politica europea che privatizza i servizi di interesse generale e i
beni comuni, che considera il lavoro come un’opportunità e non come un
diritto, che si costruisce nelle stanze chiuse della burocrazia e dei
ministeri.

Il voto francese porta allo scoperto i limiti e gli errori con cui l’unità
europea si è andata finora costruendo. Si apre ora lo spazio per pensare a
una Costituzione Europea che li corregga, segnando una decisa inversione di
rotta verso l’Europa sociale, di pace e democratica.

Faremo la nostra parte, continuando a lavorare per un’alleanza di tutti
coloro che nel nostro continente dicono no alla guerra, al liberismo, al
razzismo, che vogliono difendere e far avanzare il modello sociale europeo,
che vogliono costruire una nuova politica fondata sul primato della
partecipazione.

Roma, 29 maggio 2005

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)