Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
  • Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga
    REFERENDUM

    Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga

    Organizza Il Comitato ANPI e aderenti del NO alle Modifiche Costituzionali di Nova Milanese
    21 ottobre 2016 - Laura Tussi
  • In attesa del referendum costituzionale

    C'è chi dice NO

    Dieci ragioni per bocciare la riforma della Costituzione, scritta sotto dettatura del governo. Renzi dice che "riduce i costi della politica", ma questo obiettivo si poteva raggiungere in altri modi.
    29 agosto 2016 - Giacomo Alessandroni
  • Occorre un pronunciamento popolare che difenda la Costituzione repubblicana

    Perché votare NO al referendum sulla modifica della Costituzione?

    Perché asservisce il parlamento alle sue voglie, di fatto si appropria abusivamente del potere legislativo e rompe la separazione e l'equilibrio dei poteri; con la qual cosa uccide nei suoi medesimi fondamenti la democrazia rappresentativa e lo stato di diritto.
    18 agosto 2016 - Peppe Sini

Referendum Francia. Agnoletto: La sinistra francese ha detto no a questa Europa, si a più Europa, pacifista, solidale ed egualitaria

Dichiarazione del Parlamentare europeo Vittorio Agnoletto sul referendum francese
31 maggio 2005

La sinistra francese ha detto no a questa Europa, si a più Europa, pacifista, solidale ed egualitaria

La discussione torni ora al Parlamento Europeo per un dibattito vero
e la possibilità di emendare il progetto costituzionale

Roma, 30 maggio 2005 - A seguire il commento dell'on. Vittorio Agnoletto
sul voto di ieri in Francia sul Trattato costituzionale europeo:

"Ancora una volta dalla Francia, culla del costituzionalismo europeo, è arrivata la difesa dei diritti di cittadinanza davanti all'avanzata di un liberismo mondiale che, fino a ieri, sembrava inarrestabile. Nonostante i principali commentatori politici si affannino oggi ad attribuire la vittoria del NO alla destra, risulta evidente a tutti quanto le ragioni e l'impegno della sinistra d'oltralpe abbiano inciso su tale risultato.

Gli elettori francesi, a nome della stragrande maggioranza dei cittadini europei privata dell'opzione referendaria e sulla scia dell'enorme lavoro politico svolto dai movimenti negli ultimi anni, hanno imposto all'agenda politica europea un totale ripensamento dei principi e delle regole su cui va costruita l'Unione a 25.

Il NO francese E' un NO all'Europa della NATO che rincorre il ruolo di
potenza militare degli USA e rischia una vera a propria sudditanza nei loro
confronti; E' un NO all'Europa della Direttiva Bolkestein e della Direttiva
sull'Orario di lavoro che attacca i diritti dei lavoratori e privatizza i
servizi pubblici essenziali; E' un NO all'Europa fortezza contro i migranti
e all'Europa del WTO e della finanza internazionale che impedisce lo
sviluppo del Sud del mondo.

Il SI' all'inserimento all'articolo 1 del ripudio della guerra, sui cui si
sono raccolte milioni di firme in tutta Europa, e quindi il riconoscimento
della pace come valore fondante della UE è il primo punto all'ordine del giorno della discussione che dovrebbe riaprirsi domani stesso al Parlamento Europeo. Strasburgo, unica istituzione comunitaria eletta a suffragio universale, è infatti la sede ideale in cui svolgere finalmente un dibattito serio che preveda una reale possibilità di emendare il testo da sottoporre infine al voto popolare.

Ma il SI' alla pace e alla democrazia europea passa inevitabilmente dal SI'
al riconoscimento dei diritti di cittadinanza a tutti coloro che vivono e
lavorano in Europa e non solo a coloro che vi sono nati; e dal SI' alla difesa di quello che fu e in parte rimane il Welfare europeo con l'impegno di allargare al resto del mondo le garanzie in esso contenute.

La crisi irreversibile della rappresentanza politica tradizionale, testimoniata una volta di più dal voto di ieri, richiede - in altre parole - il rilancio in grande stile di un processo costituente dal basso e, considerato il segno prevalentemente di sinistra del NO francese, il ritrovamento di una radicalità programmatica di alto profilo da parte della sinistra europea. Una radicalità programmatica su cui bisognerà fondare- pena la sconfitta - anche in Italia il percorso politico che va da oggi fino alle elezioni del 2006".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)