Un referendum per l'Europa

Per superare la situazione di stallo, voluta dai governi, nel processo costituente europeo il Movimento federalista europeo propone una campagna per convocare un referendum europeo in occasione della prossima elezione europea del 2009.
27 marzo 2006

Con la decisione del Parlamento europeo di avviare una serie di Forum con i parlamenti nazionali sul rilancio del processo costituente europeo e con l’invito della Presidenza austriaca ai paesi dell’Unione di completare le ratifiche nazionali, il progetto di Costituzione europea sta ritornando al centro del dibattito politico sul futuro dell’Europa.

In questa prospettiva, il Movimento Federalista Europeo, nel quadro dell’Unione Europea dei Federalisti, invita i cittadini, le organizzazioni della società civile e i partiti politici a partecipare a una campagna per la raccolta di 1.000.000 di firme da presentare al Parlamento europeo e alla Commissione europea affinché venga convocato un referendum europeo in occasione della prossima elezione europea del 2009. I cittadini europei devono poter dire Sì o No alla nuova Europa.

Manifestazione di giovani federalisti durante la Convenzione dei cittadini europei a Genova (3/4 dicembre 2005) La Convenzione dei cittadini europei di Genova, del 3-4 dicembre 2005, a cui hanno partecipato più di 100 ONG, ha approvato un «Manifesto europeo» in cui si afferma che «l’Unione europea è un progetto incompiuto. La democrazia, costretta entro gli angusti limiti degli stati nazionali, è in crisi. Il populismo e la demagogia guadagnano crescenti consensi. Il nazionalismo ritorna sotto nuove forme in un’Europa sempre in bilico tra l’unità e la divisione. Occorre trasformare l’Unione in una comunità democratica di nazioni democratiche, dunque in una Federazione europea. Le cittadine e i cittadini europei chiedono una Costituzione che consenta all’Unione di parlare al mondo con una sola voce - in particolare nel Consiglio di sicurezza dell’ONU - con un proprio governo, responsabile di fronte al Parlamento europeo. Chiedono una Costituzione che riconosca la pace come valore fondante dell’Unione e garantisca i diritti fondamentali ad ogni individuo, compreso il diritto ad una cittadinanza di residenza. Noi domandiamo inoltre la creazione di un servizio civile europeo, che rafforzi l’identità dei cittadini europei. Il compito dell’Europa nel mondo è di promuovere un nuovo ordine mondiale, fondato sulla pace, la giustizia, la cooperazione con i paesi poveri e lo sviluppo sostenibile».

Si tratta ora di realizzare questi obiettivi. Il primo passo consiste nell’organizzare in ogni città un Comitato delle associazioni e delle forze politiche che intendono sostenere l’iniziativa del referendum europeo.

Le ragioni della mobilitazione popolare, in Italia e in Europa, sono le seguenti.

• L’unificazione europea è iniziata ed è progredita grazie alle iniziative di avanguardie politiche e di statisti illuminati. Ma la costruzione dell’Europa dall’alto, avviata all’indomani della seconda guerra mondiale, non è più sufficiente nel mondo contemporaneo, quando l’unità politica – non solo un mercato comune – è indispensabile per affrontare le sfide della globalizzazione e della politica estera. L’Europa democratica non può essere costruita se i cittadini stessi non si mobiliteranno.

• La responsabilità di riprendere e portare a termine il processo costituente, messo in crisi dai referendum in Francia e in Olanda, spetta prioritariamente al Parlamento europeo ed ai governi nazionali. Sono loro che, imponendo la via delle ratifiche nazionali, hanno di fatto escluso i cittadini europei – come corpo politico, dunque come popolo europeo – dal processo di ratifica. Ora, i cittadini europei e le forze della società civile rivendicano il diritto democratico di esprimere il loro parere sulla Costituzione europea. Occorre dire basta all’Europa dei vertici e della burocrazia

• Un referendum europeo sulla Costituzione europea comporta l’introduzione del principio di maggioranza nella procedura di ratifica. Si tratta di un’innovazione decisiva. Sino ad ora, si è sempre proceduto all’unanimità. Qualsiasi regola di maggioranza venga adottata – la più ragionevole è che la Costituzione venga approvata da una maggioranza di paesi che rappresenti la maggioranza della popolazione dell’Unione – il risultato sarà che i paesi in cui prevale il No si autoescluderanno dal processo. Essi perderanno dunque il potere di impedire ai paesi in cui è prevalso il Si di andare avanti, adottando la Costituzione europea.

• Di fatto, il referendum europeo sancisce la fine del diritto di veto nella procedura di ratifica. E, una volta abolito il veto nell’atto di fondazione della nuova Unione, diventerà ragionevole, per i paesi intenzionati a costruire la Federazione, abolire il diritto di veto anche nel processo decisionale ordinario, in particolare nel Consiglio dei Ministri. Il diritto di veto nazionale è alla radice del deficit democratico europeo e dell’incapacità dell’Europa di esprimere un governo efficace nella politica estera e nella politica economica. Dopo l’allargamento, è necessario che un gruppo d’avanguardia di paesi possa formare una Federazione in una più vasta confederazione.

Movimento Federalista Europeo
Marzo 2006

Note: Convenzione di Genova:
http://www.citizensconvention.net

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)