Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • La Grecia siamo noi! Siamo tutti europei!

    La Grecia siamo noi! Siamo tutti europei!

    Appello alla mobilitazione dei cittadini europei per la Grecia e per l’Europa il 9 giugno 2012.
    5 giugno 2012 - Nicola Vallinoto
  • Se quell'idea d'Europa muore ad Atene
    Crisi fiscale - Europa dei governi - Democrazia europea - Governo federale

    Se quell'idea d'Europa muore ad Atene

    L'Europa delle sovranità nazionali (dei Paesi più forti) sta affossando quell'idea di Europa unita, democratica e solidale dei padri fondatori. Occorre riprendere quel percorso, per la 'democrazia europea'
    13 febbraio 2012 - Antonio Longo
  • Favoletta leggera leggera con piccole riflessioni e morale

    Tremonti & il Carrozziere

    “Sabato prossimo andiamo fuori con i miei amici e con quella macchina abbozzata io non ci voglio andare, cerca di farla riparare in settimana. Ciao ci vediamo stasera”.
    12 ottobre 2011 - Ernesto Celestini
  • Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?
    In una grande orgia di debiti durante la partita a poker giocata per l'Euro si è preparato il terreno per la rovina economica di tutti i giocatori

    Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?

    Un commento sulla crisi finanziaria vissuta da tutti i paesi occidentali, sulle cause che l'hanno prodotta e sulle conseguenze che potrà causare ai paesi più deboli della zona Euro e a quelli che saranno tassati per pagare il loro debito estero. Ma sarà questa la strada giusta?
    Internationalnews

EURO MAYDAY 006: il primo maggio dei precari d'Europa in rivolta

EURO MAYDAY 006
Milano MayDay Parade
Porta Ticinese (pzza XXIV maggio) ore 15
29 aprile 2006

Euro MayDay 006

Per il sesto anno consecutivo, il primo maggio chiamiamo a raccolta la città precaria che lavora a tempo parziale o determinato, la metropoli terziarizzata del lavoro flessibile, dei call center e dei megastore, dei lavoratori della Scala e dello spettacolo, dei precari del settore pubblico in agitazione, dei ricercatori precari per istituti e università, degli studenti in stage gratuito e dei contratti a progetto senza rete, dei montatori di fiere e sfilate senza indennità, dei centri sociali e dei mediattivisti red, black, pink o green, dei ciclisti critici e dei queer ribelli, dei sindacati di base e di tutta la sinistra radicale, eretica, libertaria.

La ribellione di studenti e precari francesi contro il CPE è il fatto nuovo della politica europea. Il movimento francese ci mostra che è possibile una vasta mobilitazione contro la precarietà. Con milioni di persone in piazza, la protesta sociale ha scosso le fondamenta stesse del potere dello stato francese. Se l'incendio delle banlieues aveva messo sotto accusa Sarkozy, la rivolta di licei e università contro la precarietà ha fatto arrivare al capolinea Villepin. Un'intera generazione si sta ribellando alla precarietà, perché è la questione sociale decisiva nell'Europa di oggi. La questione precaria è il vero discrimine fra una politica di destra e una politica di sinistra.

Il 14 aprile, una conferenza stampa congiunta seguita da una serie di azioni nel centro nevralgico dell'eurocrazia a Bruxelles ha lanciato l'EURO MAYDAY 006 in venti città europee. La rete mayday transeuropea si propone di estendere a livello continentale i conflitti contro la precarietà esplosi in Francia. Esige la fine della persecuzione degli immigrati in Europa e alle sue porte e la chiusura immediata dei disumani centri di detenzione per sans papiers. Chiede l'immediata adozione della direttiva europea sul lavoro a tempo determinato che giace bloccata da tre anni e che Blair e Barroso vorrebbero gettare nel dimenticatoio per sempre. La direttiva garantisce diritti sociali essenziali ai lavoratori a tempo determinato, assicurando le stesse protezioni finora accordate solo al lavoro a tempo indeterminato.

La rete mayday rivendica nuovi diritti sociali per tutti i precari, nativi o migranti, d'Europa. La rete mayday lotta contro il workfare e ogni soluzione inegualitaria e coercitiva alla crisi del welfare fordista. Con la nostra voglia di lotta e partecipazione, vogliamo gettare le premesse per un nuovo welfare, come precondizione per una società orizzontale e democratica, dove il lavoro flessibile, immateriale, nei servizi e nella cultura non sia più più sottoposto al ricatto della precarietà, all'impossibilità di esprimersi e di vivere.

Nessuno vuole essere condannato allo stesso lavoro a vita. Ma nessuno vuole passare la giornata a fare l'equilibrista precario o la contorsionista della flessibilità. Siamo sfufi di dover fare giocolieri fra pagamenti a 90 giorni e datori di lavoro sempre più vampirizzanti. Esigiamo uguaglianza sociale per tutte e tutti e tutele che ci permettano di scegliere in quanto donne e uomini liberi, senza imposizioni e discriminazioni. Vogliamo recidere il nesso tra reddito e occupazione e tra welfare e cittadinanza, come precondizioni per
sviluppare una democrazia radicale, libertaria ed egualitaria, nell'era della globalizzazione della guerra.

DALLA RIVOLTA FRANCESE AL CONFLITTO DIFFUSO

La precarietà in Italia è stata diffusa dal pacchetto Treu e si è inasprita con la legge Biagi-Maroni. Il primo passo per affrontare la questione precaria è esigere la fine della legge 30 alias Biagi-Maroni. La legge 30 è il nostro CPE. Se i francesi sono riusciti ad ottenere l'abrogazione del Contratto Precarietà Esclusione, anche noi possiamo ottenere la cancellazione della legge che è diventata il manifesto ideologico della flessibilità coatta. La mayday è una tappa decisiva della mobilitazione della società italiana, oltre che europea, contro la precarietà.

Il 1° maggio, finalmenti liberi da mr b, rivendichiamo nella mayday parade diritti sindacali, maternità pagata, continuità di reddito x tutte/i.

Con la mayday lottiamo per nuovi diritti sociali, per una politica abitativa vera e il libero accesso a mobilità e conoscenza, ma soprattutto ci battiamo per il diritto a un nuovo sindacalismo, sociale, diffuso ed autorganizzato, capace di confliggere intelligentemente e radicalmente contro le minacce della precarietà: crediamo profondamente nella civiltà del conflitto, nella sua capacità di rigenerazione e innovazione, soprattutto in una società gerontocratica e stagnante come quella italiana.

Milano è la capitale italiana delle precarietà. Qui almeno due assunzioni su tre avvengono oggi con contratti precari. Nella metropoli milanese, nei suoi confini più ampi, transregionali, l'unica cosa a tempo indeterminato è la precarietà. E' questa la condizione che spiega la crescente povertà urbana di donne single con figli e giovani famiglie in generale. Sono almeno mezzo milione i precari che ogni giorno fanno Milano ricca. Se riuscissimo a unirci tutte e tutti saremmo un blocco sociale temibile. Diamoci da fare. Organizziamo
manifestazioni, scioperi, presidi, picchetti. Blocchiamo la città che sfrutta la precarietà.

Per concludere, chiediamo la liberazione delle sorelle e dei compagni ancora incarcerati per gli scontri dell'11 marzo. Sono in prigione per aver cercato di impedire una manifestazione neofascista e neonazista che ha offeso la memoria storica di Milano. Vogliamo che anche loro partecipino alla mayday e alla primavera dei precari e delle cognitarie d'Europa. Esprimiamo anche solidarietà ai compagni bolognesi e a tutti gli attivisti cui vengono addebitati reati abnormi, grazie a un'inspiegabile applicazione liberticida del codice Rocco d'era fascista e del peggio della legislazione emergenziale di
trent'anni fa. Amnistia e indulto per chiunque sia sotto processo per conflitti sociali!

MAYDAY! MAYDAY!
Milano e l'Italia si ribellano contro la precarietà

Note:

Il sito dell'Euro MayDay 006
http://www.euromayday.org

Gli audio della conferenza stampa EuroMayDay006 che si è tenuta davanti a Palazzo Marino.

http://radiohacktive.no-ip.org/index.php?option=com_remository&Itemid=0&func=selectfolder&cat=60

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)