FSM 2007. Korogocho e l'Europa. Intervista a Giulietto Chiesa

Abbiamo raccolto alcune impressioni dal parlamentare europeo Giulietto Chiesa che e' intervenuto assieme a Padre Alex Zanotelli e a Mercedes Frias durante il seminario Terra e case svoltosi nella baraccopoli Korogocho a Nairobi.

Korogocho, 23 gennaio 2007

Nairobi World Social Forum

NV. Quali sono le tue impressioni dopo aver visto la baraccopoli Korogocho?

GC. Nel mondo miliardi di persone non hanno la minima percezione di cosa succede. Dobbiamo esigere che le nostre televisioni e i nostri giornali ci diano una rappresentazione corretta del mondo. Il mondo dell'informazione nel quale noi viviamo e' una grande fabbrica di sogni e menzogne che ci restituisce un mondo falsato e ci fa vivere nell'illusione del nostro benessere. La battaglia per una informazione democratica e' fondamentale per cambiare il comportamento di miliardi di persone.

NV. Cosa puo' fare l'Europa?

GC. L'Europa potrebbe fare moltissimo. L'Europa ha mezzi sconfinati a disposizione che non utilizza o che utilizza in direzioni sbagliate. Per le elezioni irachene, ad esempio, l'Unione europea ha speso 30 milioni di euro. Se tale somma fosse stata spesa qui a Korogocho avrebbe avuto un grande ritorno in termini di risultati concreti.

NV. E qual'e' la tua opinione sul processo costituente europeo ?

GC. Sono per un'Europa che si rafforzi e che diventi democratica e rispettosa dei diritti civili nel mondo. Sono favorevole al processo costituente europeo perche' se cambia l'Europa possiamo dare un contributo positivo al resto del mondo.

Intervista realizzata a Korogocho, Nairobi alle ore 12 del 23 gennaio 2007

Articoli correlati

  • "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"
    Economia
    Intervista a Jeffrey Sachs sulla guerra in Ucraina, la Nato, l'Europa, gli USA e la Cina

    "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"

    "Gli Stati Uniti hanno chiamato il primo ministro Meloni e hanno detto di uscire dalla Via della Seta. Pensate che abbia avuto da sola quell’idea? L'idea statunitense è che nessuno debba rivaleggiare con la potenza degli USA. Dovremmo invece puntare a costruire un mondo multipolare e cooperativo".
    6 febbraio 2024 - Jeffrey Sachs
  • La guerra in Ucraina, i trattori in piazza e la rabbia dei coltivatori
    Editoriale
    La UE ha fatto saltare il sistema dei dazi per favorire l’Ucraina

    La guerra in Ucraina, i trattori in piazza e la rabbia dei coltivatori

    L’UE ha deciso di finanziare Kiev sia attraverso fondi diretti (i 50 miliardi di euro alla base della nota controversia con l’Ungheria) sia attraverso fondi indiretti - chiamiamoli così - costituiti dagli sgravi derivanti dal non pagamento dei dazi.
    3 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Agricoltori europei in protesta: perché la guerra in Ucraina acuisce la crisi
    Sociale
    L'assedio a Bruxelles e nelle capitali europee

    Agricoltori europei in protesta: perché la guerra in Ucraina acuisce la crisi

    A Bruxelles i trattori hanno occupato i centri nevralgici. A Parigi c'è un faccia a faccia fra blindati e trattori. La crisi ha collegamenti profondi con la guerra: importazioni agricole a basso costo dall'Ucraina e stangata energetica conseguente alle sanzioni verso la Russia.
    1 febbraio 2024 - Redazione PeaceLink
  • L'Intelligenza Artificiale per spiarci? No grazie!
    CyberCultura
    Il pericolo della Chat Control 2.0 proposto dalla commissaria svedese Ylva Johansson

    L'Intelligenza Artificiale per spiarci? No grazie!

    Il cuore della Chat Control 2.0 consisteva nell'utilizzare algoritmi basati sull'Intelligenza Artificiale per esaminare i messaggi privati, segnalando quelli sospetti alle autorità competenti. Una sorta di "controllo preventivo" che avrebbe creato un sistema di sorveglianza di massa
    18 gennaio 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)