Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
A proposito dell'incontro odierno tra la Bonino e gli europarlamentari italiani a Bruxelles

UE-Africa «L'Africa muore? Non importa. Sia fatta la volontà del WTO»

31 gennaio 2007 - Vittorio Agnoletto (europarlamentare GUE/NGL- Gruppo della Sinistra Europea – Sinistra Verde Nordica)

Bruxelles, 31 gennaio 2007 - «Le decisioni del WTO non si discutono, si applicano. Non importa quale sia il prezzo. Non importa se l'Africa é destinata a sprofondare ancor più nella miseria. Al massimo l'UE può aumentare per qualche anno gli aiuti. A parlare così non è un dirigente della Banca Mondiale, o del FMI, ma un ministro del governo Prodi! Questo infatti é il Bonino-pensiero con il quale la ministra ha ribadito la sua decisione di procedere senza alcun ripensamento verso l' approvazione degli EPA (gli accordi liberisti di partenariato economico che l'Europa vuole imporre all'Africa).
La Bonino ignora forse che i diktat del WTO non sono Vangelo e che nell'ultimo decennio le politiche delle grandi istituzioni liberiste sono state criticate in ogni angolo del pianeta da decine di milioni di persone?
E che alcuni milioni di questi hanno votato il governo Prodi non per veder riproposte le stesse politiche del governo Berlusconi nei rapporti nord/sud del mondo?
Nel Forum Sociale Mondiale conclusosi a Nairobi giovedì scorso tutti i movimenti africani, i sindacati e l'assemblea parlamentare si erano pronunciati duramente contro gli EPA e avevano chiesto una moratoria.
L'UNDP, l'Agenzia per lo Sviluppo delle Nazioni Unite, aveva lanciato un forte allarme: se vengono applicati gli EPA, se i Paesi africani sono obbligati ad abbattere i propri dazi doganali (che proteggono i loro prodotti), mentre l'UE mantiene le sovvenzioni per l'esportazione dei propri prodotti agricoli, per l'Africa sarà una catastrofe. In un solo anno l' Etiopia perderà circa 187 milioni di dollari, il Kenia 348, il Ruanda 17,125...Non solo, gran parte del già misero commercio interafricano verrebbe dirottato verso l'UE, provocando quindi una diminuzione degli scambi commerciali interni all'Africa (- 2,5 milioni per il Kenia, - 3,285 milioni per l'Etiopia). La viceministra Sentinelli a Nairobi aveva solennemente dichiarato la propria opposizione agli EPA.
Qual é la posizione del governo? Come si muoverà l'Italia nel Consiglio Europeo? Il tempo stringe, le decisioni vanno assunte entro la fine del 2007.
Sarà al fianco dei movimenti africani o delle multinazionali europee?».

Vittorio Agnoletto, europarlamentare GUE/NGL- Gruppo della Sinistra Europea
– Sinistra Verde Nordica

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)