Dall'Euro al Fondo Monetario Europeo. Un altro passo verso l'Unione politica europea

10 marzo 2010
Franco Praussello
Fonte: Il Secolo XIX - 10 marzo 2010

La crisi economica della Grecia, contrariamente alle aspettative, potrebbe finire per rafforzare la zona euro. La proposta di creazione di un Fondo Monetario europeo (FME), se attuata, potrebbe infatti segnare un nuovo avanzamento sul lungo e difficile cammino dell’integrazione europea. Non soltanto nei suoi aspetti economici, ma anche e soprattutto sul versante dell’unificazione politica.

Per comprendere il significato della proposta di dotare la zona euro di uno strumento analogo al Fondo Monetario Internazionale, bisogna rammentare che il lancio dell’euro ha rappresentato una scommessa senza precedenti. I paesi europei si sono dotati di una moneta unica, senza che i presupposti di natura economica e politica dell’esistenza di un segno monetario comune fossero pienamente realizzati. Nel mondo moderno della moneta fiduciaria una moneta deve necessariamente fare riferimento a uno Stato, che costituisce il garante ultimo del valore del mezzo di pagamento. Con l’aggiunta che sul piano tecnico-economico l’unificazione politica supera la soglia della irreversibilità quando si crea una unione fiscale, vale a dire quando si decidono insieme le politiche delle imposte e delle spese, ed esistono meccanismi di trasferimento automatico delle risorse dalle regioni o dai paesi in buone condizioni ai partner colpiti da una crisi economica. Se in Italia una regione come la Basilicata è colpita da una recessione, l’esistenza di un bilancio comune a livello dello Stato italiano garantirà una serie di aiuti (e di minori imposte) che renderanno meno dura la recessione, e al limite potranno assorbirla interamente. Un meccanismo del genere a livello europeo non esiste, se non altro perché il bilancio comune ha un peso risibile, dato che rappresenta soltanto l’un per cento circa della ricchezza prodotta annualmente dagli europei.

In apparenza l’euro ha funzionato benissimo durante il suo primo decennio di vita, ed anzi ha rappresentato uno scudo contro le turbolenze esterne. Cosa sarebbe capitato alla lira e ai tassi di interesse italiani durante la crisi economica mondiale, se la nostra vecchia moneta fosse ancora esistita?

Tuttavia, all’intero della zona euro gli squilibri si stavano accumulando. I paesi periferici, che dopo la loro adesione avevano visto calare in modo molto consistente i tassi, hanno attraversato all’inizio una fase di boom. Ma quando quest’ultimo si è interrotto, in seguito alla crisi mondiale, si sono ritrovati con il peso di un differenziale di competitività a con un debito a livelli tali, da metterne in pericolo la solvibilità. La Grecia, da questo punto di vista, è solo il paese più esposto di un gruppo di economie che comprende anche il Portogallo, la Spagna, l’Irlanda e l’Italia.

Di fronte al pericolo che la crisi greca metta in discussione non solo l’appartenenza di questo paese alla zona euro, ma l’intero edifico della moneta unica, l’unica via di uscita in avanti consiste nel rafforzare l’unione economica, dando inizio a un principio di unione politica in Europa. L’alternativa sarebbe di lasciar morire l’euro, rimettendo in discussione le stesse basi del processo di integrazione.

Sarkozy e la Merkel lo hanno capito e hanno proposto il varo di un FME, che in pratica dia sì degli aiuti ai paesi in difficoltà, vincolando però fortemente le loro politiche fiscali, e quindi creando un primo nucleo di unione fiscale europea.

Il tedesco Stark che siede nel comitato esecutivo della Banca centrale europea (BCE), non è però d’accordo perché teme che la nuova istituzione riduca l’autonomia di quest’ultima. Ma solo perché non ha capito che senza un inizio di unione fiscale in Europa la stessa BCE rischia prima o poi di morire, con il fallimento dell’euro.

Articoli correlati

  • La Grecia siamo noi! Siamo tutti europei!
    Editoriale

    La Grecia siamo noi! Siamo tutti europei!

    Appello alla mobilitazione dei cittadini europei per la Grecia e per l’Europa il 9 giugno 2012.
    5 giugno 2012 - Nicola Vallinoto
  • Se quell'idea d'Europa muore ad Atene
    Europace
    Crisi fiscale - Europa dei governi - Democrazia europea - Governo federale

    Se quell'idea d'Europa muore ad Atene

    L'Europa delle sovranità nazionali (dei Paesi più forti) sta affossando quell'idea di Europa unita, democratica e solidale dei padri fondatori. Occorre riprendere quel percorso, per la 'democrazia europea'
    13 febbraio 2012 - Antonio Longo
  • Sociale
    Favoletta leggera leggera con piccole riflessioni e morale

    Tremonti & il Carrozziere

    “Sabato prossimo andiamo fuori con i miei amici e con quella macchina abbozzata io non ci voglio andare, cerca di farla riparare in settimana. Ciao ci vediamo stasera”.
    12 ottobre 2011 - Ernesto Celestini
  • Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?
    Sociale
    In una grande orgia di debiti durante la partita a poker giocata per l'Euro si è preparato il terreno per la rovina economica di tutti i giocatori

    Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?

    Un commento sulla crisi finanziaria vissuta da tutti i paesi occidentali, sulle cause che l'hanno prodotta e sulle conseguenze che potrà causare ai paesi più deboli della zona Euro e a quelli che saranno tassati per pagare il loro debito estero. Ma sarà questa la strada giusta?
    Internationalnews

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.3 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)