Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • La Grecia siamo noi! Siamo tutti europei!

    La Grecia siamo noi! Siamo tutti europei!

    Appello alla mobilitazione dei cittadini europei per la Grecia e per l’Europa il 9 giugno 2012.
    5 giugno 2012 - Nicola Vallinoto
  • Se quell'idea d'Europa muore ad Atene
    Crisi fiscale - Europa dei governi - Democrazia europea - Governo federale

    Se quell'idea d'Europa muore ad Atene

    L'Europa delle sovranità nazionali (dei Paesi più forti) sta affossando quell'idea di Europa unita, democratica e solidale dei padri fondatori. Occorre riprendere quel percorso, per la 'democrazia europea'
    13 febbraio 2012 - Antonio Longo
  • Favoletta leggera leggera con piccole riflessioni e morale

    Tremonti & il Carrozziere

    “Sabato prossimo andiamo fuori con i miei amici e con quella macchina abbozzata io non ci voglio andare, cerca di farla riparare in settimana. Ciao ci vediamo stasera”.
    12 ottobre 2011 - Ernesto Celestini
  • Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?
    In una grande orgia di debiti durante la partita a poker giocata per l'Euro si è preparato il terreno per la rovina economica di tutti i giocatori

    Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?

    Un commento sulla crisi finanziaria vissuta da tutti i paesi occidentali, sulle cause che l'hanno prodotta e sulle conseguenze che potrà causare ai paesi più deboli della zona Euro e a quelli che saranno tassati per pagare il loro debito estero. Ma sarà questa la strada giusta?
    Internationalnews

L'Euro e la Grecia: Nessun dorma sonni tranquilli

28 aprile 2010 - Franco Praussello
Fonte: Il Secolo XIX - 28 aprile 2010

La sede della Banca Centrale Europea, a Francoforte

La Grecia è ormai sull’orlo del fallimento. Se l’Unione europea non interverrà nel giro di qualche giorno, Atene non sarà più in grado di rifinanziare il suo debito e sarà costretta a dichiarare l’insolvenza.

Se ciò dovesse veramente accadere i contraccolpi sulla stabilità della zona euro sarebbero inevitabili. La speculazione internazionale, guidata dai fondi speculativi americani, che con ogni probabilità hanno montato di comune accordo un attacco contro la moneta unica, si scatenerebbe alla caccia del prossimo paese da mettere alle corde. Il Portogallo, la Spagna e non ultima anche l’Italia, non potrebbero dormire sonni tranquilli. Al di là di ciò, sarebbe l’intera costruzione monetaria comune che rischierebbe di saltare per aria.

Gli economisti e i commentatori più avvertiti sapevano che alla lunga una moneta senza stato non può esistere. Qualcuno si chiedeva quanto sarebbe durato il lungo termine, in cui ciò poteva avvenire. La speculazione internazionale si è incaricata di rispondere: il lungo termine scade oggi. Come ha ribadito di recente Paul De Grauwe, senza passi avanti sulla strada dell’unione fiscale e dell’unione politica la zona Euro è destinata a dissolversi. Il problema è naturalmente che le condizioni per questi avanzamenti di carattere istituzionale non sono mature e che quindi l’Euro è destinato a rimanere permanentemente fragile.

Lo dimostra la schizofrenia dei politici tedeschi, che da una parte sanno che devono intervenire, non solo per salvaguardare la zona euro, ma anche per evitare che le loro banche, il cui portafoglio è gonfio di titolo greci, si trovino a loro volta sull’orlo del fallimento, ma dall’altra non osano affrontare, con il salvataggio finanziato anche dai loro cittadini, l’ira dei loro elettori che sono stufi di fare sacrifici e di pagare il conto per tutti gli altri.

A questa situazione si è quindi arrivati un po’ per l’incoscienza dei governi greci, che hanno continuato a vivere al di sopra dei propri mezzi, aggiungendo al danno la beffa dei conti pubblici sistematicamente falsificati, e un po’ per la mancanza di volontà politica degli Stati europei partecipanti all’area dell’euro.

A proposito della Grecia bisogna però anche aggiungere che i sacrifici che la attendono (tagli alla spesa pubblica, riduzione dei salari dei funzionari e così via) sono superiori alle sue forze. La riduzione della spesa comporterà senz’altro una caduta del reddito, l’aumento della disoccupazione, e fenomeni diffusi di deflazione: la peggiore catastrofe che possa capitare a un paese.

Quanto alla Germania, è anche possibile che dopo le elezioni regionali del 9 maggio nella Renania-Westfalia la Merckel e il ministro che ha invitato i greci a fare i compiti di casa diventino più malleabili, dando il via libera all’intervento tedesco all’ultimo momento.

Se ciò dovesse finalmente avvenire, rimarrebbe sul campo la necessità di correggere gli errori che hanno portato al quasi fallimento della Grecia. Intanto, nell’immediato bisognerebbe rafforzare i poteri di controllo di Eurostat, l’ufficio statistico dell’unione, per evitare altri casi di conti pubblici falsificati. Ma poi, e soprattutto, bisognerebbe affrontare i problemi di fondo. Minacciare di espulsione dalla zona euro dei paesi che non stanno al gioco europeo, come vorrebbero fare alcuni politici tedeschi, rischia di non bastare. Anche il Patto di stabilità prevedeva delle sanzioni per i paesi che avevano un deficit superiore al 3 per cento del PIL, ma le sanzioni non furono mai applicate. L’alternativa, allora, sarà di intervenire sui meccanismi di fondo dell’unione monetaria, cominciando col decidere in comune i disavanzi (o gli avanzi) dei vari paesi. Questo sì che sarebbe un progresso decisivo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)