Monti si faccia valere difendendo la democrazia europea

28 agosto 2012
Virgilio Dastoli (Presidente del Movimento europeo - Italia)

Il premier Monti incontrerà nei prossimi giorni i leader di Germania, Francia e Spagna ed il presidente del Consiglio europeo Van Rompuy per discutere dell'agenda europea anche alla luce della confermata volontà tedesca di premere sull'acceleratore dell'integrazione europea. Su alcuni punti essenziali le novità di Berlino sono solo apparenti perché il vertice richiesto dalla cancelliera Merkel a metà dicembre è già fissato da tempo (e non dalla Germania) con un ordine del giorno che prevede la discussione di un rapporto che sarà presentato dal presidente del Consiglio europeo Van Rompuy insieme ai leader della Commissione Barroso, dell'Eurogruppo Juncker e della Bce Draghi con un'opzione aperta sulla revisione del Trattato di Lisbona.

Non è inoltre una novità che il governo tedesco voglia più Europa anche se non è chiaro se essa debba limitarsi all'integrazione economica ed alla garanzia del rigore finanziario e se essa debba essere un'autentica federazione.

Se l'Italia vuole farsi valere in Europa, il premier Monti deve sciogliere rapidamente i nodi che paralizzano la posizione italiana

- optando per una nuova Unione che sia insieme più democratica (e cioè governata democraticamente da un governo con poteri limitati ma reali legittimato dalla fiducia e dal controllo del Parlamento europeo), più solidale (e cioè capace di garantire beni comuni che hanno superato le frontiere nazionali) e più efficace (e cioè dotata di sovranità effettiva in materie a dimensione europea)

- esigendo che la revisione di Lisbona rispetti i vincoli imposti dalla crisi europei (e cioè condividendo con Berlino l'urgenza della revisione) ma anche quelli della sostenibilità democratica della revisione ( e cioè la convocazione di una convenzione rappresentativa della doppia legittimità democratica nazionale ed europea ed insieme la sovranità popolare europea che richiede il consenso dei cittadini attraverso un voto popolare europeo e non la somma di voti popolari nazionali).

Il Movimento europeo in Italia, che attende da tempo di esporre al premier Monti le sue proposte sulla nuova Europa, ritiene indispensabile che il governo consulti rapidamente le forze politiche i partner sociali e le organizzazioni rappresentative della società civile al fine di poter esprimere in Europa scelte fondate sul consenso del paese.

Il Movimento europeo in Italia ritiene infine che il premier Monti debba cogliere l'occasione della presenza in Italia del presidente del PE Schulz per concordare una linea di strenua difesa della democrazia sovranazionale.

 

Note: presidente@movimentoeuropeo.it

www.movimentoeuropeo.it

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)