Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • F-35
    La Relazione speciale della Corte dei Conti e la cupa posizione dei sindacati confederali

    F-35

    Verranno finanziati con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone

L'Europa oltre i confini

L'appello ''L'Europa oltre i confini'' per un' integrazione certa e sostenibile dei Balcani nell' Unione Europea è stato presentato durante la conferenza ''L'Europa oltre i confini, l'Europa dal basso'' tenutasi a Sarajevo dal 4 al 7 aprile 2002 e organizzata dall'Osservatorio sui Balcani.
5 ottobre 2004 - Nicola Vallinoto
Fonte: Osservatorio sui Balcani

Eppure i Balcani non sono sostanzialmente diversi dall'Europa
di cui sono una regione:
sono il suo rimosso, il suo inconscio, il suo specchio e
in un certo senso. la sua interiorità e la sua verità
(Rada Ivekovic, Autopsia dei Balcani)

A dieci anni dall'inizio della tragedia balcanica è ormai tempo di dare concretezza all'idea di un'Europa davvero unita, senza più muri e frontiere. Di avviare cieè un processo di integrazione certa, sostenibile e dal basso, dei Balcani nell'Unione Europea. E' questo l'appello che viene a conclusione dell'incontro internazionale di Padova nell'ambito di "Civitas", la fiera dell'economia solidale, e che donne e uomini di ogni parte d'Europa intendono rilanciare affinchè sia posto fine ad una divisione ormai fuori dal tempo e foriera solo di instabilità e di nuovi conflitti.

Un disegno europeo
Noi persona della società civile che in questi anni di buio e di dolore ci siamo opposti ad ogni nazionalismo e all'idea che la guerra potesse risolvere i conflitti balcanici, noi donne e uomini che abbiamo imparato a conoscere ed amare questa parte di Europa come luogo di incontro fra grandi culture millenarie, noi cittadini di un'Europa ancora dimezzata che non sa guardare oltre i propri confini verso una più ampia e plurale cittadinanza europea, vogliamo riprendere il messaggio forte e chiaro venuto dal presidente della Commissione Europea Romano Prodi: "Bisonga muoversi nell'ottica dei paesi balcanici come 'membri virtuali' dell'Unione Europea. Per tutti questi paesi, dalla Croazia, alla Bosnia fino ai confini greci, il futuro e nell'UE (...), si tratta di ragionare su questo obiettivo fin da adesso"

I nodi irrisolti
Troppi i nodi di crisi ancora irrisolti nei Balcani: le situazioni innaturali del Kossovo e della Bosnia Erzegovina, il destino ancora incerto della Macedonia e la più ampia questione albanese, la collocazione del Montenegro, la transizione non ancora consolidata in Croazia e Serbia, il rispetto delle minoranze interne agli stati, il dramma tuttora vivo di centinaia di migliaia di profughi e sfollati. Per non parlare del disastroso contesto economico e sociale, causato insieme dall'estrema fragilità istituzionale degli stati, della loro crisi fiscale, della diffusa deregolazione e del rafforzarsi della criminalità economica e dei poteri mafiosi

Per un'integrazione certa
Davanti a questa situazione di grave instabilità, l'Europa può e deve svolgere una funzione decisiva, specie oggi che con la caduta di Tudjman e Milosvic è finito forse l'uso patologico dei nazionalismi e si aprono spazi di dialogo e possibile integrazione. Ma per rendere credibile questa prospettiva di integrazione piena dei Balcani in Europa crediamo occorra fissare date certe e percorsi rapidi. Vediamo che i parametri economici, sociali ed istituzionali di partenza di tutta la regione sono assai distanti dagli standard minimi europei. Eppure siamo convinti che l vantaggio anche economico per l'Unione Europea di una stabilità nell'area è tale che dovrebbe far superare qualsiasi resistenza.

Per un'integrazione sostenibile
Il futuro economico del sud-est europeo non può essere garantito nè dalle chimere degli investimenti occidentali di rapina, nè tanto meno dal perdurare dell'assistenzialismo umanitario. Un possibile itinerario di integrazione va perciò incardinato sull'opzione dello sviluppo locale quale criterio di rinascita economica, in un disgno di promozione integrato del territorio sul quale far convergere risorse locali ed aiuti internazionali. Tale disegno può fondarsi da un lato sulle professioni della qualità ad alta intensità umana e creativa, e dall'altro sul settore primario, collegando progetti partecipati di sviluppo economico locale, sostegno alla microimpresa e ai consorzi di piccoli produttori, valorizzazione delle risorse naturali e dei beni culturali.

Per un'integrazione dal basso
Le ceneri lasciate dalle guerre ed ancora prima dalla crisi dei modelli burocratico-statalisti richiedono la ricostruzione di una nuova coesione sociale attraverso un patto fra cittadini e pubblica amministrazione, fra cittadini e comunità, fra cittadini e territorio. A tal fine è necessario avviare percorsi di riforma, prima di tutto culturali ma anche istituzionali, che possono prefigurare nella relazione orizzontale tra regione e municipalità una comune appartenenza europea. Le relazioni di cooperazione decentrata e diplomazia popolare sono perciò decisive per ricostruire quei ponti di dialogo e di civiltà demoliti dalla guerra, e per rafforzare il tessuto civile ed istituzionale delle comunità. Aiutare a crescere e dare voce alla società civile, alle organizzazioni non governative, ai movimenti civili dei Balcani - lungi dal voler essere una forma di disimpegno pubblico - rappresenta già una forma di integrazione dal basso verso l'Europa delle regioni e dei cittadini

L'Europa che ci unisce
Dunque, dopo dieci anni di guerre, lutti e sofferenze, è venuto il momento di interrompere la disgregazione dei Balcani. Occorre offrire a queste terre e alle persone che le abitano un'immagine forte per il loro per per il nostro comune futuro. L'Europa ha una grande responsabilità: su questo si misurerà la sua capacità di essere vera comunità di popoli e non mera unione di monete. Nei Balcani pure va colta questa opportunbità, come l'unica strada forse per uscire dalle secche dei mcro-stati nazionali e sciogliere le conflittualità interne in un contesto più ampio.
E' una sfida che deve impegnarci tutti, per il nostro bene comune. Le acque del Mediterraneo bagnagno Barcellona e Venezia quanto Dubrovnik e Durazzo. Il Danubio attraversa Vienna come Belgrado. Il futuro dell'Europa è unito ai Balcani. Oltre tutti i nostri confini.

Conferenza sui Balcani
marzo 2002

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)