Latina

Cile : Juntos Podemos ha scelto un umanista come candidato alle presidenziali di dicembre

La più ampia alleanza espressa dalla sinistra cilena dai tempi di Salvador Allende sceglie un umanista come candidato alle elezioni presidenziali del prossimo dicembre
7 giugno 2005
Anna Polo


Tomas Hirsch, 48 anni, fondatore e dirigente del Partito Umanista cileno, è stato scelto come candidato unico del patto Juntos Podemos alle elezioni presidenziali che si terranno nel dicembre 2005.
Juntos Podemos raccoglie oggi oltre cinquanta organizzazioni, tra partiti politici e movimenti sociali (dal Partito Comunista al Partito Umanista, dal Mir alla Sinistra Cristiana) e costituisce la più ampia alleanza realizzata dalla sinistra cilena dai tempi di Salvador Allende. Nelle elezioni amministrative dell’ottobre 2004 ha ottenuto un inaspettato 10% dei voti, eleggendo 90 consiglieri comunali e 4 sindaci.
Tutti gli altri pre-candidati, compreso Tomas Moulian, espresso dal Partito Comunista, si sono ritirati per appoggiare la candidatura di Tomas Hirsch, giudicato il più adatto a rappresentare tutti i settori progressisti e anti-liberisti della sinistra cilena.
La proclamazione del candidato è avvenuta il 5 giugno nel corso di un’affollata assemblea nell’edificio Diego Portales.
Tomas Hirsch ha iniziato il suo discorso di accettazione della candidatura affermando che “in questa sala, che in giorni oscuri ha visto l’installazione della sinistra Giunta Militare, oggi rinasce con forza la lotta per la democrazia e la giustizia sociale.” Ha quindi ricordato tutti quelli “che ci hanno preceduto in questa grande impresa”, da Salvador Allende, a Pablo Neruda, da Victor Jara a Manuel Rodriguez, fino a Gladys Marin, la dirigente del Partito Comunista scomparsa di recente. Ha delineato “il Cile che vogliamo”, basato sulla giustizia sociale, l’uguaglianza, i diritti umani e ha concluso con un appello a tutti i presenti: “Abbiamo bisogno di un milione di voti per diventare una forza reale, in grado di proteggere la gente dagli abusi del potere. Il Cile non sarà lo stesso, con una sinistra unita, solida, capace di mobilitare i suoi sostenitori per controllare il potere, chiunque lo detenga. Abbiamo bisogno di partecipare tutti e di continuare il lavoro di questo grande movimento politico-sociale anche oltre le elezioni di dicembre.”
Guillermo Teillier, presidente del Partito Comunista, ha concluso così il suo intervento: “Diversi tra i partiti e i movimenti che oggi sono in questa sala hanno iniziato una relazione di grande vicinanza con gli umanisti già dai tempi della clandestinità, durante la lotta contro la dittatura. Uno di questi primi contatti è avvenuto con Tomas Hirsch. I nostri rapporti si sono andati consolidando nella lotta contro il sistema neo-liberista e la ricerca di un’alternativa democratica. Il 10% dei voti ottenuto alle elezioni amministrative ci ha dato la forza e la fiducia per restare uniti fino a vincere.
Insieme si può!
Avanti con Tomas Hirsch!”

Articoli correlati

  • Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile
    Latina
    Carabineros e Patria y Libertad dietro alla morte dei due italiani durante il golpe ad Allende

    Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile

    Estradizione per Rafael Francisco Ahumada Valderrama, Manuel Vasquez Chahuan e Orlando Moreno Basquez, tre militari della dittatura pinochettista. Sono accusati dalla Procura di Roma di essere i responsabili della morte di Montiglio e Venturelli, di origine italiana
    25 agosto 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)