Latina

Cile: dirigenti e militanti del Partito Socialista cileno passano all'alleanza di sinistra Juntos Podemos Mas.

In vista delle elezioni presidenziali di dicembre, iniziano passaggi in massa di dirigenti e militanti socialisti al patto Juntos Podemos Mas.
29 ottobre 2005
Anna Polo

Il membro della segreteria Diritti Umani del Partito Socialista Rodrigo Loyola e il dirigente della Quinta Regione Roberto Rodríguez hanno annunciato, oltre alla propria, altre rinunce di leader del socialismo locale per i prossimi giorni. La settimana scorsa Loyola e Rodríguez, avevano comunicato pubblicamente la decisione di lasciare il Partito Socialista per unirsi all’alleanza Juntos Podemos Mas, che presenta come candidato alla presidenza l’umanista Tomás Hirsch.
Secondo Roberto Rodríguez, in tutto il paese molti militanti di base stanno appoggiando la campagna elettorale di candidati a deputato del Juntos Podemos come Guillermo Teillier, Isaías Gutiérrez e Anibal Reyna.
Vari mass media cileni hanno cercato di contattare i dirigenti del PS con la richiesta di spiegazioni su questi passaggi di massa a Juntos Podemos, ma nessuno ha voluto rispondere.
Loyola non è stato convocato da alcuna struttura nazionale del PS, ma prevede di essere espulso. I dirigenti passati a Juntos Podemos hanno spiegato così i motivi della loro decisione: “Abbiamo lasciato il PS perché non rappresenta più la prima proposta dei partiti della Concertación, che chiedevano un’Assemblea Costituente e una nuova Costituzione. La Concertación sta gestendo un modello economico e sociale che non rappresenta la gente e crea ogni giorno più disuguaglianza.”
Loyola è uno dei leader degli ex prigionieri politici del PS e membro dell’Assemblea Nazionale dei Diritti Umani. Ha dichiarato che “il governo del Presidente Ricardo Lagos non ha fatto niente per imprigionare l’ex dittatore e ha cercato di imporre alla magistratura direttive politiche per assicurare l’impunità.”
Ha aggiunto che “la Concertación ha trascurato la gente e le organizzazioni popolari, distrutto i mezzi di comunicazione che avevano denunciato le atrocità commesse durante la dittatura di Pinochet e aperto la strada all’affermazione della destra nel paese.”
Infine i dirigenti hanno affermato di essere tranquilli con la decisione presa e rivolto un appello alla sinistra ufficiale perché si unisca al progetto che presenta come candidato Tomás Hirsch, definendolo un “progetto realistico, che punta alla partecipazione di tutti i cileni alle decisioni del paese

Note: www.tomashirsch.cl

Articoli correlati

  • Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile
    Latina
    Carabineros e Patria y Libertad dietro alla morte dei due italiani durante il golpe ad Allende

    Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile

    Estradizione per Rafael Francisco Ahumada Valderrama, Manuel Vasquez Chahuan e Orlando Moreno Basquez, tre militari della dittatura pinochettista. Sono accusati dalla Procura di Roma di essere i responsabili della morte di Montiglio e Venturelli, di origine italiana
    25 agosto 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)