Latina

Cile: Entrano in scena gli attori secondari...

5 giugno 2006
Marco Coscione

Quando la neopresidenta cilena il 21 maggio scorso, sentenzió con fermezza al Congresso che non avrebbe “tollerato il vandalismo, i danneggiamenti, le intimidazioni alle persone e che avrebbe applicato con rigore la legge”, aveva ancora sotto gli occhi le immagini degli scontri del primo maggio ed i 1200 arresti del 10 maggio, durante la prima grande manifestazione degli studenti delle scuole superiori.
Ma non avrebbe voluto immaginare che le sue parole potessero scatenare l’effetto contrario. Decine di occupazioni nella capitale ed in tutte le regioni del paese. L’appoggio dei genitori che portano da mangiare ai figli o decidono di iniziare loro uno sciopero della fame, se il ministro dell’educazione Zilic non apre un vero dialogo con gli studenti. La solidarietà dei professori ed in fine il grande apporto degli studenti e professori universitari.
Quella di ieri è stata la più grande manifestazione della storia del movimento studentesco secondario, che va a sommarsi a quelle degli anni ’80 contro la dittatura militare, che 48 ore prima di lasciare il posto al primo governo della Concertación aveva consacrato nella cosiddetta “LOCE” (Ley Orgánica Constitucional de Enseñanza, la legge costituzionale sull’educazione) aveva sottoposto il sistema educativo nazionale alle leggi della domanda e dell’offerta.
Oltre seicentomila sono scesi ieri per le strade. A Santiago, Valparaiso, La Serena, Concepción ed Osorno le manifestazioni più grandi. I carabinieri hanno risposto con un utilizzo sconsiderato dei metodi repressivi, anche contro la stampa e le televisioni. Tanto che i vertici dell’Arma hanno dovuto ammettere gli eccessi e promettere le conseguenti sanzioni.
È un duro colpo per il secondo governo socialista ma è un successo per gli studenti della secondaria che così entrano in scena come attori protagonisti. Non solo più gratuità dei mezzi di trasporto e del “pase escolar”, abolizione della Giornata Scolastica Completa (progetto del tutto fracassato) o eliminazione della tassa sulla PSU (Prueba de Selección Universitaria, prova generale di selezione per l’iscrizione all’università) ma un radicale ripensamento del sistema educativo, una delle tante eredità del regime dittatoriale che negli ultimi anni ha avuto varie riletture ma mai una sostanziale modifica.
Gli studenti stanno dando prova di grande maturità ma anche di un’ottima organizzazione. Un esempio su tutti che mi ha colpito particolarmente: nelle grandi assemblee plenarie delle scuole occupate o autogestite tutti possono prendere la parola ma è categoricamente vietato ripetere concetti già espressi da altri compagni. Una prova di concretezza e voglia di lavorare del tutto invidiabile. Aspettando il prossimo atto, si va in scena...

Articoli correlati

  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta
    Latina
    Il 2 ottobre un militare ha fatto cadere dal Puente Pío Nono di Santiago un sedicenne

    Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta

    Non si contano più gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti gli agenti
    12 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche
    Latina
    I paramilitari attaccano i municipi occupati dai comuneros con metodi da Ku Klux Klan

    Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche

    Preoccupano le condizioni di salute dei prigionieri politici mapuche in sciopero della fame
    5 agosto 2020 - David Lifodi
  • Cile: allarme per i prigionieri politici al tempo del Covid-19
    Latina
    Sono reclusi a seguito delle proteste che dallo scorso ottobre hanno coinvolto tutto il paese

    Cile: allarme per i prigionieri politici al tempo del Covid-19

    Nelle carceri mancano le condizioni igieniche sanitarie minime per far fronte al virus
    14 aprile 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)