Latina

Manifestazione a Managua contro la guerra

No all'aggressione a Libano e Palestina

1 agosto 2006
Giorgio Trucchi

Alcune centinaia di persone si sono concentrate ieri, 27 luglio, presso la Rotonda di Metrocentro a Managua per protestare contro l'aggressione del governo israeliano alla popolazione libanese e palestinese.
L'attività è stata promossa dal Centro de Estudios Internacionales (CEI), dal Movimiento Nicaraguense "Otro Mundo es Posible" e da numerose organizzazioni della società civile che, nei giorni scorsi, si sono autoconvocate per approfondire quanto sta accadendo in Medio Oriente e per non restare indifferenti ai massacri di questi giorni in Libano e Palestina.
Alla manifestazione hanno partecipato numerosi membri della comunità palestinese e libanese in Nicaragua, contando anche con la presenza dell'Ambasciatore palestinese.
Manifestanti a Managua
Durante la concentrazione sono stati letti vari comunicati, invitando la gente che transitava per la rotonda a partecipare alla protesta.
E' stato anche letto il comunicato redatto e sottoscritto dalle numerose organizzazioni e da singole persone che hanno partecipato alle iniziative di questi giorni.

"Come organizzazioni, cittadini e cittadine nicaraguensi ci siamo autoconvocati di fronte alla grave situazione in Medio Oriente e alla necessità di esprimere la nostra indignazione e ripudio all'aggressione che Israele ha lanciato contro le popolazioni della Palestina e del Libano.
Le morti e le distruzioni che la popolazione Palestinese e soprattutto la popolazione di Gaza ha sofferto, si sono ora estese al Libano. Bombardamenti massicci ed indiscriminati, blocco navale ed aereo e la distruzione delle infrastrutture della Repubblica del Libano.
Non si tratta più della lunga crisi del Medio Oriente, bensì di un crimine su vasta scala e di terrorismo di Stato da parte d'Israele,e che minaccia di coinvolgere tutta la regione in una guerra generalizzata, come parte della denominata "guerra al terrorismo", diretta dagli Stati Uniti per estendere il suo dominio sull'Irak ed il resto del Medio Oriente.

Ci sentiamo profondamente offesi di fronte alla mancanza di risposte da parte della comunità internazionale, in modo particolare dei paesi dell'Unione Europea e del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, i quali apparentemente tollerano le azioni dello Stato d'Israele.
Rifiutiamo, contemporaneamente, ogni tentativo di caratterizzare Hamas ed Hezbollah come entità terroristiche, negando loro lo spazio legale e legittimo di cui godono democraticamente in Palestina e Libano, rispettivamente.
Ricordiamo, in questo contesto, il diritto dei popoli a resistere contro l'occupazione straniera - diritto riconosciuto dalle Nazioni Unite.
Manifestanti a Managua
Di fronte a questa situazione,

1. Esigiamo la sospensione immediata delle ostilità ed il ritiro d'Israele dal Libano, Gaza e dai territori occupati della Palestina per ristabilire la loro sovranità e la pace;
2. Chiediamo al Governo del Nicaragua ed ai vari candidati alla Presidenza ed alle altre cariche pubbliche di essere coerenti con il diritto e la decenza, denunciando la violazione del diritto internazionale da parte d'Israele e reiterando il diritto del popolo della Palestina e del Libano alla libera determinazione;
3. Manifestiamo la nostra profonda solidarietà con la popolazione palestinese e libanese;
4. Sviluppare una Campagna di Denuncia ed Azioni concrete di solidarietà;
5. Condanniamo le azioni che portano alla morte di civili innocenti;
6. Invitiamo la popolazione nicaraguense a partecipare a questa Campagna, evidenziando in questo modo il proprio sentimento umanitario e solidale e l'incapacità di rimanere zitti di fronte a questo atto di ingiustizia".

Le iniziative continueranno nei prossimi giorni. Lunedí 31 luglio si svolgerà una concentrazione davanti alla sede della ONU in Nicaragua e verrà consegnato il proclama sottoscritto da centinaia di persone ed organizzazioni, chiedendo alle Nazioni Unite "una reale belligeranza e l'impegno concreto contro l'aggressione del governo israeliano".

Articoli correlati

  • Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza
    Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco
    Pace
    Estratto dal saggio "Coronavirus: dove porta la sua Arca papa Francesco-Noé?"

    Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco

    Allegato a questa pagina web vi è il saggio completo centrato su un nuovo rapporto fra etica e politica nella prospettiva di costruire una nuova coscienza storica in relazione ai drammatici problemi della nostra epoca.
    8 gennaio 2022 - Antonino Drago
  • Mai più l’arma nucleare
    Pace
    Per l’Appello di Stoccolma si realizzò la campagna più estesa dei partigiani della pace nel mondo

    Mai più l’arma nucleare

    Nell’Appello di Stoccolma i partigiani della pace proclamano: “Noi esigiamo l’assoluto divieto dell’arma atomica. Noi consideriamo che il governo il quale utilizzasse contro qualsiasi paese l’arma atomica, commetterebbe un crimine contro l’umanità e dovrà essere considerato come criminale di guerra"
    7 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)