Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?
    La provocazione del Servizio penitenziario federale a pochi giorni dal quarantaduesimo anniversario del colpo di stato

    Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?

    A beneficiarne, tra gli altri, ci potrebbero essere Alfredo Astiz, Horacio Martínez Ruiz, Victor Gallo, Jorge “el Tgre” Acosta, Julio Simón e l’ex cappellano militare Cristian Von Wernich
    24 marzo 2018 - David Lifodi
  • Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari
    È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati

    Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari

    Esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia difendono solo i loro interessi. Occorre ribellarsi di fronte all’ingiustizia
    13 novembre 2017 - Oscar Litwin
  • Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti
    In occasione delle proteste contro l’approvazione della riforma pensionistica

    Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti

    Molti gli operatori dell’informazione feriti
    20 dicembre 2017 - David Lifodi
  • Argentina: il macrismo attacca la libera informazione
    Licenziato il giornalista di C5N Victor Hugo Morales, che aveva denunciato le pratiche mafiose del Clarín

    Argentina: il macrismo attacca la libera informazione

    Da quando Macri è giunto al potere gran parte dei giornalisti ritenuti non graditi è stata licenziata
    13 dicembre 2017 - David Lifodi

Argentina: Lavoratori perseguitati

3 agosto 2006
Fonte: Adital

La multinazionale Coca Cola perseguita i lavoratori che si organizzano per lottare rivendicando i loro diritti lavorativi. Licenziamenti, trasferimenti, e togliere gli incarichi fanno parte delle strategie della compagnia. L’Agencia Red Acción (ANRED), informa che queste violazioni sono realizzate con la complicità del sindacato Sutiaga ed hanno come premessa la politica antisindacale.
La Formula Segreta della Coca Cola

Omar Rombolá (lavoratore senza incarico), Carlos Zerrizuela ( licenziato il 9 Maggio) e Ariel Castello ( disoccupato dal 22 Maggio) hanno dialogato con ANRed sulla politica imprenditoriale della Femsa Coca Cola, il ruolo del sindacato, la lotta per i diritti lavorativi, i licenziamenti e le persecuzioni verso i lavoratori .

L’impresa Femsa S.A. è la prima azienda imbottigliatrice della Coca Cola in America Latina. Arrivata in Argentina nel 1994 in veste di società. I capitali originari della Femsa sono messicani. Secondo i lavoratori ciò che non è nessun segreto sono le condizioni di lavoro che l’impresa impone ai lavoratori.

Il maggior volume di contrattazione d’impiegati coincide con l’inizio dell’alta stagione, vale a dire a partire dal mese di settembre, con un contratto di sei mesi. Per quanto riguarda gli stipendi, l’impresa non si risparmia in materia di raggiri. Omar ci da un esempio con riferimento alle differenti categorie create per lo stesso posto di lavoro.

Secondo i lavoratori, il sindacato porta fino all’estremo la politica dell’impresa. EL SUTIAGA ( che appartiene alla CGT) ha firmato con la FEMSA una convenzione che toglie agli impiegati il pagamento dell’anzianità, gli straordinari notturni, il pagamento del titolo (1), e della giornata di lavoro in caso di malattia di un familiare . Quando la Femsa si è stabilita in Argentina aveva fra i suoi obiettivi la chiusura degli impianti per centralizzare la produzione ad Alcorta e continuare con la politica antisindacale mediante un processo di disiscrizione coattiva. I lavoratori segnalano che di fronte agli abusi e alle soprusi dell’impresa il sindacato non li ha mai difesi.

Note:

(1) ndt.:pagamento relativo ad ogni livello d’istruzione

Tradotto da Davide Morbidelli per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la
fonte, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)