Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il caso Charlie Gard
    Una riflessione critica

    Il caso Charlie Gard

    Charlie Gard è un neonato di dieci mesi ricoverato a Londra per una rara malattia che, secondo i medici inglesi, non può esser curata. Su decisione della High Court britannica Charlie morirà perché qualsiasi altro tentativo di tenerlo in vita sarebbe puro accanimento terapeutico. Sono mamma di un bambino che è stato in una situazione simile. Gemello nato troppo piccolo, complicazioni estremamente gravi. Coma. Danni che sembravano irreparabili, medici che consigliavano per mesi di non alimentarlo più, tutti tranne una neonatologa che con me ci ha creduto, che ha sperimentato una cura assolutamente nuova e che reinventava ogni giorno seguendo un protocollo che non esisteva ancora.
    1 luglio 2017 - Antonia Battaglia
  • Alice nel paese dei diritti
    GAIA, Periodico dell'Ecoistituto del Veneto "Alex Langer", propone la Recensione:

    Alice nel paese dei diritti

    Libro di MARIO LODI, DANIELE NOVARA, PIA VALENTINIS
    EDIZIONI SONDA, 2013
    6 novembre 2014 - Laura Tussi
  • Kika
    Un'emittente tedesca dedicata solo ai bambini

    Kika

    Mi auguro che un giorno la rivoluzione culturale che dovrà pur avvenire nel nostro Paese possa riguardare anche i bambini, esseri che hanno pur diritto alla cultura, all'informazione, a non esser rincretiniti da pubblicità oppressive di giocattoli e biscotti, atte a creare bisogni che non esistono
    15 settembre 2014 - Antonia Battaglia
  • LIBERI di RESISTERE
    La Rete Antifascista Altomilanese organizza l'Assemblea:

    LIBERI di RESISTERE

    La nostra solidarietà alla lotta del popolo palestinese.
    COLLEGAMENTI TELEFONICI DA GAZA E DAI TERRITORI OCCUPATI
    29 agosto 2014 - Laura Tussi

Rapporto sul lavoro minorile in centro America

Centro America: Intervita ricorda che ci sono 2,4 milioni di bambini lavoratori, di cui il 43,5% non frequenta la scuola
3 agosto 2006 - Fondazione Intervida (ONG di Sviluppo Integrale con status consultivo speciale presso il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC))

Sono 2,4 milioni i minori fra i 5 e i 17 anni che lavorano in Centro America e Repubblica Domenicana. Il 40% di questi bambini lavora al di sotto dell’età minima consentita dalla legge dei Paesi in cui vivono(15 anni in Costa Rica e 14 negli altri Paesi dell’area). Il dato più significativo che emerge è quello relativo all’astensionismo scolastico: il 43,5% dei bambini lavoratori non frequenta la scuola, mentre fra i bambini che non lavorano l’astensionismo scende al 16% (dati raccolti dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro). Questo evidenzia quanto il lavoro minorile si ripercuota sul futuro dei bambini.
Anche nei Paesi dove Intervita lavora, questo fenomeno mantiene proporzioni gravi. Ad esempio, il Guatemala ha uno dei tassi più alti della regione, con quasi un milione di bambini lavoratori, a seguire il Nicaragua con circa 250.000 bambini e El Salvador, dove il lavoro minorile coinvolge 222.000 bambini fra i 5 ei 17 anni. Parlando sempre di minori, con l’aumentare dell’età cresce la percentuale di bambini che lavorano: fra i 5 e i 9 anni è il 10,8%, fra i 10 e i 14 arriva al 43,8, mentre fra i 15 e i 17 tocca addirittura il 45,5%. Si tratta in maggioranza di bambini maschi, con un’incidenza superiore nelle zone rurali, più povere e isolate. Si stima che la metà dei minori lavoratori in Guatemala, Nicaragua e El Salvador sia occupata in agricoltura, con una media di 34 ore di lavoro ogni settimana.
Circa l’80% dell’occupazione minorile in Centro America (che, ricordiamo, riguarda 2,4 milioni di bambini) ricade in una forma di lavoro minorile da contrastare attivamente, non solo per l’età dei bambini coinvolti e per il numero di ore di lavoro a cui sono sottoposti, ma anche per le ricadute che questo fenomeno ha sull’educazione dei piccoli, sulla salute e sul loro sviluppo fisico e mentale.
Se esiste una correlazione fra lavoro minorile e analfabetismo, ne esiste una altrettanto forte fra lavoro minorile e povertà. Nella maggior parte dei casi, i padri spingono i figli a lavorare perché contribuiscano all’economia della famiglia, considerando questo molto più importante della loro istruzione. Il lavoro minorile va anche di pari passo con grandi divari in termini di reddito. Ad esempio, in El Salvador e Guatemala, la ricchezza si concentra nelle mani del 10% della popolazione, che ha un reddito di 30 volte superiore al 10% più povero della popolazione. In Nicaragua, la situazione è ancora peggiore: il 10% più ricco ha un reddito di 70 volte superiore rispetto alla fascia più povera.
Bambini al lavoro
In Guatemala, Intervita si è impegnata in numerose iniziative per combattere il lavoro minorile, come la “Campagna Nazionale per la Ratifica della Convenzione 182”, messa a punto dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro nel 2003. In Guatemala e El Salvador si lavora per far conoscere i diritti dell’infanzia fra genitori, insegnanti e fra i bambini stessi. Allo stesso tempo, Intervita aiuta i bambini e le loro famiglie per incentivarli a riconoscere il ruolo della scuola e far sì che i genitori si impegnino perché i figli possano ricevere un’istruzione. Fra le diverse iniziative, la creazione di borse di studio e la fornitura del materiale scolastico ai bambini, così che non rappresenti una spesa per le famiglie.
In Guatemala, il progetto Intervita contro l’abbandono scolastico sta aiutando circa 334.000 alunni. Allo stesso tempo, per i genitori è stato attivato un programma di informazione sull’importanza del diritto all’istruzione che coinvolge 26.400 famiglie.
In El Salvador bambini, insegnanti e famiglie sono protagonisti del progetto “Diritti e Responsabilità dell’Infanzia”. In 45 scuole si lavora con 7.461 insegnanti perché trattino questo argomento in modo semplice e giocoso con i bambini, seguendo le tracce della Convenzione per i Diritti del Bambino delle Nazioni Unite. A questo proposito, un evento speciale del 2006 è stata la partecipazione dei bambini stessi alla stesura di articoli sull’argomento per il più diffuso giornale del Paese.

Note:

Chi è Intervita?

L’Associazione Intervita è presente in Italia dal 1999 e ha sede a Milano. E’ un’Organizzazione Non Governativa per la cooperazione allo sviluppo, aconfessionale, apartitica e totalmente indipendente. Il suo obiettivo é quello di migliorare le condizioni di vita di migliaia di bambini e di famiglie che vivono nelle zone più povere del pianeta.

Intervita fa parte di INWA – Intervida World Alliance, un network di organizzazioni con sedi in diversi paesi del Nord (Spagna, Stati Uniti, Francia, Giappone) e del sud del Mondo (Perú, Bolivia, Guatemala, El Salvador, Nicaragua, Ecuador, India, Bangladesh, Filippine e Mali).
Nei paesi del sud del Mondo Inwa realizza progetti di sviluppo integrato a beneficio di oltre tre milioni di persone grazie al sostegno di 420.000 famiglie europee.

DATI INTERVITA
• 61.000 sostenitori in Italia
• 62.000 bambini sostenuti
• 6 Paesi di intervento: Bolivia, El Salvador, Guatemala, India, Perù e Mali
• 32 terras (territori di azione solidale) finanziate

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)