Latina

La nascita di una cooperativa è stata necessaria per porre la fabbrica sotto il controllo operaio

Argentina: i lavoratori del "Frigorifico Paloni" chiedono l'autogestione della fabbrica

Il Movimento Nacional de Empresas Recuperadas appoggia i lavoratori
22 agosto 2006
David Lifodi

Sembra uscita dai racconti delle lotte sindacali di Paco Ignacio Taibo in "E Doña Eustolia brandì il coltello per le cipolle" la storia degli operai del "Frigorifico Paloni" a Bahìa Blanca, in lotta per ricevere il permesso di autogestione della fabbrica come è già successo nei casi più conosciuti di Brukman e Zanon.
"La situazione è insostenibile", denunciano i settanta operai tuttora senza lavoro, costretti a vivere soltanto con una sorta di borsa di aiuti alimentari (la cosiddetta "bolsa de comida") e in attesa che il tribunale si pronunci sulla loro richiesta di porre la fabbrica sotto il controllo e la gestione degli stessi lavoratori. La scorsa settimana, al grido di "Ocupar, resistir, producir", gli operai hanno dato vita ad una manifestazione appoggiata da varie organizzazioni sociali, tra cui il Mner (Movimento Nacional de Empresas Recuperadas) e il Ftc (Frente de Trabajadores Combativos), allo scopo di ricordare la loro difficile situazione.
La storia della crisi del "Frigorifico Paloni" comincia oltre un anno fa, quando i lavoratori occupano la fabbrica con la richiesta di immediato pagamento dei mesi di lavoro arretrati. La risposta dei vertici dell'impresa è una provocazione: viene promesso il pagamento di somme irrisorie senza chiarire quando sarà saldato il debito nei confronti degli operai. Sindacati e movimenti sociali scelgono allora la strada dell'occupazione e del presidio continuo della fabbrica, sia per mantenere alta l'attenzione sulla loro vicenda, sia per evitare l'espropriazione del padrone dei mezzi di produzione. La mobilitazione però ha la peggio, poiché, nonostante la fabbrica continui tuttora ad essere aperta, le macchine non possono entrare in funzione a causa della mancanza di gas, elettricità ed acqua corrente. "Già nel 1995 l'impresa era sull'orlo del fallimento", spiegano alcuni lavoratori, ma la loro decisone di utilizzare i salari per ripianare i debiti era stata sufficiente ad evitare il tracollo.
Adesso i lavoratori del "Frigorifico Paloni" si sono già trasformati in una cooperativa in attesa di ottenere il permesso per farsi carico autonomamente della gestione della fabbrica, anche se l'attuale chiusura per fallimento continua a generare debiti sempre più alti per la cooperativa operaia che rileverà l'impresa. Inoltre, la "bolsa de comida" è appena sufficiente per le necessità minime dei lavoratori, che spesso riescono a ricevere degli aiuti economici dal resto della popolazione sotto forma di lotterie, ma è evidente il peggioramento della situazione con il trascorrere dei giorni. "Quello che chiediamo è il controllo operaio sulla fabbrica, la sola cosa che ci interessa è la restituzione del nostro lavoro, vogliamo lavorare e questa è la nostra fabbrica", hanno dichiarato gli operai durante la manifestazione.
La vicenda del "Frigorifico Paloni" è ancora incerta, anche se la pronta costituzione di una cooperativa operaia testimonia come sia possibile, anche al di fuori delle regole di mercato e di fronte al silenzio e alle continue e sconcertanti richieste di "aspettate e abbiate pazienza" da parte degli organismi istituzionali, condurre e gestire una fabbrica senza la presenza di impresari e titolari.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore

Articoli correlati

  • In ricordo di Alessandro Leogrande
    Cultura

    In ricordo di Alessandro Leogrande

    Il giornalista e scrittore è stato ricordato a Roma a un anno dalla sua prematura scomparsa
    6 dicembre 2018 - Lidia Giannotti
  • Anche gli operai dell'Ilva devono venire alla marcia del 25 febbraio!
    Taranto Sociale
    "Giustizia per Taranto: bonifiche, risarcimenti per la città e la provincia di Taranto, chiusura delle fonti inquinanti e riconversione."

    Anche gli operai dell'Ilva devono venire alla marcia del 25 febbraio!

    Andiamo incontro ad un periodo difficile ed è inutile manifestare separati, gli abitanti di Taranto per la salute da una parte e gli operai dall'altra contro i tagli che sembrano ormai una certezza.
    Chiediamo tutti insieme che si facciano le bonifiche e che gli operai siano reimpiegati in questo settore, dopo la formazione necessaria.
    Altrimenti i lavori non saranno fatti oppure saranno appaltati a ditte del nord.
    11 febbraio 2017 - Fulvia Gravame
  • Manifestazione "Giustizia per Taranto"
    Taranto Sociale
    Il 25 febbraio Taranto scenderà in piazza di nuovo

    Manifestazione "Giustizia per Taranto"

    Prossimi appuntamenti:
    Assemblea pubblica / Riunione organizzativa: giovedì 16 febbraio, ore 19.00, presso Associazione Contro le barriere, Taranto, Via Cugini n. 40;
    Conferenza stampa: sabato 18 febbraio, ore 10,30, presso Associazione ABFO, Via Lago di Montepulciano n.1.
    16 febbraio 2017
  • Poesia, lavoro in fabbrica, sicurezza sul lavoro
    Ecodidattica
    Parole dure come l'acciaio

    Poesia, lavoro in fabbrica, sicurezza sul lavoro

    Incontro di Ecodidattica con il poeta-operaio Vincenzo De Marco
    25 febbraio 2016 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)