Latina

L’infanzia nei mezzi di comunicazione

24 agosto 2006
Fonte: Adital


Analizzando le caratteristiche generali delle notizie pubblicate sull’adolescenza e sull’ infanzia nei quotidiani El Universal, El Nacional, Ultimas Noticias, Diaro Vea, Panorama e Il Carabobeno, durante l’anno 2005, si può parlare di notevoli progressi per quanto riguarda la copertura giornalistica. L’Agenzia PANA (Giornalismo a Favore dell’Adolescenza e dell’ Infanzia) ha presentato la sua seconda inchiesta  annuale: “Infanzia e adolescenza nei mezzi di comunicazione”. Si tratta di uno studio basato sull’analisi di 22505 notizie pubblicate nell’anno 2005 da sei giornali venezuelani, dove si mostra cosa, quanto e come si scrive sui bambini, bambine e adolescenti nel paese.

Durante questo periodo di studio si sono riscontrate 22505 notizie riguardanti temi che coinvolgono persone minori di 18 anni, ciò significa un incremento dei 6671 testi se lo si raffronta con i dati del 2004, dove si vennero analizzate 15834 informazioni. Si deve evidenziare che di  questa quantità, 2204 testi corrispondono al Diario Vea, che è stato incluso in questo studio.

 Lo studio però  non ha rilevato solamente un avanzamento per quel che riguarda i testi pubblicati, ma anche ha messo in luce la quantità d’informazioni pubblicate. Si può notare l’uso delle fonti informative, il tipo di copertura dei temi che richiedono maggiore diffusione e vigilanza, il margine di apertura per la partecipazione dei bambini, bambine e adolescenti come testimoni, il recente monitoraggio si differenzia con il precedente del 2004 e offre importanti progressi che devono essere consolidati nei prossimi anni

Fra i temi più trattati nei mezzi di comunicazioni monitorati vengo fuori temi come: educazione, salute e violenza con rispettivamente il 21,63%, 11,42% e il 9,73.

Mentre i temi presi meno in considerazione dalla stampa per quanto riguarda l’argomento Adolescenza e Infanzia troviamo: discapacità mentale, Aids, droga, abuso e sfruttamento sessuale.

Ognuno di questi con meno del 1% dei testi analizzati.

“Il bilancio positivo di questo studio ci fa sperare per un possibile e importante miglioramento nella qualità e nella quantità dell’informazione pubblica relativa a temi considerati decisivi per la promozione e la difesa dei diritti dell’Adolescenza e dell’Infanzia”, afferma l’agenzia PANA.

Il monitoraggio è stato elaborato dall’Agenzia PANA-Cecodap, in collaborazione con Save the Children Svedese e il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), con la metodologia della RED ANDI America Latina, un gruppo di organizzazioni sociali di 12 paesi dell’America Latina unite per promuovere i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza nei mezzi di comunicazione.

L’inchiesta è stata realizzata fra i mesi di gennaio e dicembre del 2005, prendendo in considerazione quattro giornali nazionali e due regionali, collocati fra i più influenti del paese, potendo stabilire  fra tutti gli aspetti quali sono le priorità affrontate, l’approccio principale, il tipo di fonti utilizzate, la frequenza e i temi omessi.

 

 

Note: Tradotto da Davide Morbidelli per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la
fonte, l'autore e il traduttore

Articoli correlati

  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
  • Italia da morire
    Cultura
    I delitti eccellenti e misteriosi che hanno fatto la storia

    Italia da morire

    Adele Marini sostiene che il suo libro è profondamente antifascista. Infatti il 25 Aprile è una ricorrenza molto sentita da quella parte di sinistra politica che esiste ancora, ma purtroppo assistiamo al ritorno del fascismo e al revanchismo dell’estrema destra
    16 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
  • La nonviolenza efficace: nuova prassi educativa
    Pace
    Il diritto internazionale è la nonviolenza efficace

    La nonviolenza efficace: nuova prassi educativa

    La nonviolenza efficace è capace di risolvere in modo determinante i conflitti politici reali secondo una strategia che sa trasformare i gruppi umani “nemici” in gruppi umani “amici”
    3 maggio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)