Latina

Le sirene in vantaggio contro la miniera

11 dicembre 2006
Flaviano Bianchini

All’epoca degli antichi greci nel Mediterraneo viveva una specie di lamantino (un mammifero acquatico simile al delfino ma parente ai trichechi) ormai estinta. Fu questo animale che diede origine alla leggenda delle sirene per via del suo muso simile al viso umano, per il fatto di avere il seno molto sviluppato e per allattare il piccolo tenendolo con la pinna per ben quattro anni senza lasciarlo mai. Questo animale si estinse per cause sconosciute.
Quando Colombo, nel suo secondo viaggio in America, arrivò sulle coste dell’attuale Belize vide i lamantini e la leggenda delle sirene riesplose più attuale che mai.
Oggi sappiamo che il lamantino non è una sirena ma uno degli animali a più alto pericolo di estinzione al mondo. È uno dei pochissimi animali protetti da tutti i trattati internazionali.
Qui in Guatemala i lamantini vivono nella zona del Rio Dulce e del lago di Izabal. Il Rio Dulce è una gola strettissima con pareti alte un centinaio di metri che, ovviamente, è dichiarata area protetta per il valore paesaggistico, naturalistico e turistico.
Qualche mese fa la compagnia mineraria che vuole aprire una serie di miniere sulle sponde del lago di Izabal ha presentato lo studio di impatto ambientale e sociale dove ha dichiarato che avrebbe trasportato tutti i materiali attraverso il Rio Dulce con barche lunghe 90m e larghe 30. Ovviamente tutti i portavoce dei lamantini (ovvero ecologisti, ambientalisti e operatori turistici per una volta insieme) si sono opposti a tale decisione e hanno presentato una istanza.
Ieri finalmente il CONAP (Consiglio Nazionale delle Aree Protette) ha dichiarato impossibile il passaggio delle barche per il Rio Dulce. Però adesso bisogna asspettare la rettifica del ministero d’ambiente, succube delle milionarie compagnie multinazionali.
Le sirene del Guatemala attendono impazienti.

Articoli correlati

  • Un unico grido dal Perù al Guatemala: que se vayan todos
    Latina
    In entrambi i paesi prosegue la mobilitazione contro classi politiche corrotte

    Un unico grido dal Perù al Guatemala: que se vayan todos

    Si tratta di levantamientos simili a quelli dell’autunno 2019 in Cile, Ecuador e Colombia
    21 dicembre 2020 - David Lifodi
  • Educazione e Ambiente 
    Ecologia
    Esperienze didattiche

    Educazione e Ambiente 

    L'amore e l'interesse per la natura sono stati la forza motrice del progetto "Educazione e ambiente", un viaggio nel quale i miei colleghi e io ci siamo confrontati all’unisono. È servito a stimolare numerose discussioni pedagogiche e ha incoraggiato l’applicazione di diverse teorie educative.
    7 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Guatemala: la pazienza è finita
    Latina

    Guatemala: la pazienza è finita

    Proteste contro i tagli al welfare e la dilagante corruzione
    26 novembre 2020 - Giorgio Trucchi
  • L’autunno caldo del Guatemala
    Latina
    Chieste le dimissioni del presidente Alejandro Giammattei a seguito della repressione poliziesca

    L’autunno caldo del Guatemala

    “Vi siete messi contro la generazione sbagliata”, hanno gridato centinaia di migliaia di persone al Congresso che pochi giorni fa ha approvato, durante la notte, una legge di Bilancio, poi sospesa, che tagliava le spese sanitarie e quelle per ridurre la malnutrizione.
    24 novembre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)